Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La storia gira al punto di partenza quando i campanelli d’allarme del G7 suonano di nuovo alla potenza | Larry Elliott

ioÈ il turno della Germania di ospitare il vertice annuale dei leader del G7 quest’anno, e mentre la guerra in Ucraina sarà in cima all’agenda del raduno in Baviera, il danno economico dell’invasione russa verrà secondo.

Nessuno ha visto cosa sarebbe successo quando il G7 si è riunito l’ultima volta in Cornovaglia un anno fa. All’epoca si parlava della ripresa globale dopo la pandemia. Ora temono una recessione imminente mentre le banche centrali diventano aggressive e Vladimir Putin gioca la carta dell’energia.

Il Cremlino ha tagliato le forniture di gas attraverso il gasdotto Nordstream del 60% nelle ultime due settimane e campanelli d’allarme stanno suonando a Berlino quando diventa evidente il lato negativo della forte dipendenza dall’energia russa. Olaf Schulz, il nuovo cancelliere tedesco, si trova nella sfortunata posizione di dover ripulire il pasticcio causato dal suo predecessore, Angela Merkel, un politico la cui reputazione non migliorerà di certo nel tempo.

La scorsa settimana, il governo tedesco ha lanciato la seconda fase del suo piano di emergenza sul gas. Non c’è ancora legalizzazione, ma un passo del genere è possibile, come la riapertura delle centrali a carbone. uno dalla germania Obiettivi del G7 Sono “forti alleanze per un pianeta sostenibile”, il che è strano che alle compagnie energetiche tedesche venga detto di prepararsi a bruciare più carbone quest’inverno.

Per quanto riguarda il G7, la ruota ha fatto un giro completo. Il primo incontro del gruppo (composto solo da sei paesi) si tenne in Francia nel 1975 mentre le principali economie occidentali lottavano per trovare una risposta allo shock petrolifero che pose fine al lungo boom che seguì la seconda guerra mondiale. Ora tutti si trovano nuovamente ad affrontare la prospettiva di una recessione.

La Federal Reserve statunitense ha alzato i tassi di interesse di 0,75 punti all’inizio di questo mese e ha indicato che sono in arrivo ulteriori aumenti di questo tipo. Il suo presidente, Jerome Powell, ha affermato che una recessione era una possibilità quando ha testimoniato davanti al Congresso la scorsa settimana. Questa è una certa accettazione. Le prospettive dovrebbero essere piuttosto deprimenti prima che un governatore di una banca centrale utilizzi la parola R, ma Powell ha chiarito che di fronte alla scelta tra stagnazione e inflazione latente, avrebbe scelto la prima.

Anche la Banca d’Inghilterra sta rafforzando la politica. Rispetto alla Fed, il Comitato di politica monetaria di Threadneedle Street si sta muovendo a piccoli passi, aumentando finora i tassi di interesse con incrementi di 0,25 punti percentuali. Lo fa sullo sfondo di un’economia che sembra rallentare rapidamente, nonostante la continua forza del mercato del lavoro. La banca sta cercando di progettare un atterraggio morbido per l’economia poiché l’inflazione – attualmente al 9,1% – scivola indietro verso l’obiettivo del 2% del suo governo senza causare una recessione. Buona fortuna.

La Banca centrale europea non si è ancora unita ad altre banche centrali occidentali nell’aumentare i tassi di interesse, sebbene abbia indicato che il mese prossimo arriveranno maggiori oneri finanziari. Il suo approccio cauto non sorprende in quanto i rischi per l’Eurozona sono particolarmente elevati. Se la Federal Reserve o la Banca d’Inghilterra operassero una scissione in risposta al tasso di inflazione più alto degli ultimi 40 anni, il risultato sarebbe un indebito dolore economico. Se la BCE sbaglia, il futuro della moneta unica sarà ancora una volta in dubbio.

L’Europa è vulnerabile a una lunga guerra in Ucraina. Stava crescendo meno fortemente rispetto agli Stati Uniti prima dell’invasione, in parte perché il pacchetto fiscale – tagli alle tasse e aumenti della spesa – in America era più grande. Il tasso di disoccupazione è più alto e, a differenza degli Stati Uniti, l’Unione Europea non è autosufficiente dal punto di vista energetico. L’Europa è più vicina alla lotta e ha risentito maggiormente dello shock dell’offerta a seguito del conflitto.

Questo è uno dei motivi per cui la Banca centrale europea è entusiasta. L’altro è l’effetto di una politica monetaria più restrittiva – tassi di interesse più elevati e l’inversione di un programma per fare soldi noto come allentamento quantitativo – sui membri più deboli dell’eurozona.

L’unione monetaria è un progetto incompiuto. I paesi membri condividono la stessa valuta ma gestiscono le proprie politiche fiscali e di spesa (soggetto a determinate regole comuni) ed emettono le proprie obbligazioni quando prendono in prestito dai mercati finanziari. Il tasso di interesse – o rendimento – delle obbligazioni italiane è superiore a quello delle obbligazioni tedesche perché gli investitori considerano l’Italia più rischiosa della Germania.

Da quando la Banca centrale europea ha indicato che si unirà ad altre banche centrali nell’aumento dei tassi di interesse, il divario (o spread) tra i rendimenti delle obbligazioni tedesche e quelli di Italia, Spagna, Portogallo e Grecia si è ampliato. Gli investitori sono preoccupati per come questi paesi affronteranno costi di finanziamento più elevati e una crescita più lenta.

Iscriviti alla posta quotidiana di Business Today o segui Guardian Business su Twitter su BusinessDesk

Un decennio fa, i rendimenti obbligazionari italiani e spagnoli hanno raggiunto livelli che sollevano la questione se l’eurozona si dividerà in un nucleo solido incentrato sulla Germania e un anello esterno più morbido. In quell’occasione, l’allora presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha promesso che avrebbe fatto “tutto il necessario” per proteggere la moneta unica. Ho fatto il trucco.

Ora Christine Lagarde, il successore di Draghi, si trova ad affrontare lo stesso problema di frammentazione. Dell’8,1%, il Tasso di inflazione nell’area dell’euro Troppo alto per il comfort della BCE. La domanda è come possiamo aumentare i costi dei prestiti senza causare ai membri più deboli dell’eurozona un danno tale che i loro rendimenti obbligazionari raggiungano livelli elevati.

La Banca centrale europea si è impegnata a presentare uno strumento anti-frammentazione in base al quale la banca centrale garantirà che i rendimenti obbligazionari nei paesi fortemente indebitati, come l’Italia, non aumentino eccessivamente. Tuttavia, questo non sarà facile. Scholz avrà problemi a vendere il suo programma di acquisto di obbligazioni a un pubblico tedesco scettico, soprattutto perché potrebbe portare a perdite con l’aumento dei tassi di interesse. Il tempo non è dalla parte di Lagarde e, se sbagli, il prossimo shock indesiderato per l’economia globale sarà la crisi dell’eurozona.

READ  Ubitus è partner di Vodafone Italia per il lancio di GameNow®, il servizio di cloud gaming