Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La storia di un giocatore italiano diventato calciatore che ha lasciato l’India per aiutare i profughi ucraini a fuggire in Polonia

Mario Ferri potrebbe essere una figura un po’ sconosciuta al di fuori della scena pubblica italiana. Vieri, conosciuto da chi gli è vicino come Il Falco, ha guadagnato una certa notorietà alcuni anni fa non per essere un calciatore, ma per le sue buffonate di invasore al trotto in campo. Avrebbe viaggiato dagli stadi italiani a quelli europei e sudamericani – in particolare i Mondiali – e avrebbe lasciato il campo con la maglia di Superman. Una volta in campo, interagiva con i giocatori e faceva eccitare il pubblico. In seguito è diventato amico di alcuni giocatori dello stesso campo che ha conquistato.

Ma questa non è la storia di un calciatore italiano conquistatore diventato calciatore professionista che cerca di creare più guai. Questa è in realtà una storia sull’invasione russa in corso dell’Ucraina e su come questa persona abbia lasciato tutto per un centesimo per recarsi ai confini della Polonia e aiutare i rifugiati ucraini a fuggire dalla loro patria.

“Mentre parliamo, sono in Polonia, in una città chiamata Medica, vicino al confine con l’Ucraina”, ha detto Ferry a CBS Sports. “Ieri abbiamo portato 60 donne da questa parte in autobus…”

Ferry è attualmente sotto contratto con lo United Sports Club di Calcutta, che è una squadra di secondo livello al di fuori dell’India. All’inizio di febbraio, il calciatore 35enne è tornato dall’India dopo che il campionato ha deciso di sospendere le competizioni fino a giugno dopo che i casi di COVID-19 sono aumentati rapidamente nella regione.

Quando raggiunse la sua città natale, Pescara, non poté trattenersi più a lungo. “Ho un amico qui [in Poland] E dimmi cosa sta succedendo. Sono una persona concreta, e quello che ho visto in India mi ha davvero colpito. La gente lì soffre molto. Avevo bisogno di rispondere a qualcosa anche in un contesto completamente diverso. Così sono andato in Polonia, ho noleggiato un’auto e ho viaggiato fino al confine con l’Ucraina”.

READ  Con un affare da 2,1 miliardi di dollari, il produttore agro-tecnologico è stato acquistato da una società italiana Italian

Quello che fa Ferry è qualcosa di speciale: guida le famiglie di rifugiati che si dirigono verso il confine per chiedere asilo e poi tornano per trovare altre persone in cerca di aiuto. La maggior parte di loro sono donne e bambini perché alla maggior parte della popolazione maschile non è permesso lasciare il paese come è il caso.

“All’inizio, ho iniziato con un’associazione che si occupa di rifugiati qui e lavoro ancora con loro, ma poi ho notato che molti ucraini mi scrivevano su Instagram”, ha rivelato Ferry. “Pensavo che i social media fossero solo per cose inutili, ma ora ho una visione completamente diversa.

“In qualche modo Instagram aiuta molte persone in questa situazione ora e sono grato di poter fare qualcosa per loro. Ricevo circa 30-40 messaggi al giorno, e anche da persone in Italia che mi dicono di avere dei parenti e familiari qui che hanno bisogno di aiuto qui… questa è la strada”.

Ferry ha trascorso anni con l’obiettivo di conquistare diversi luoghi in tutto il mondo. Ora ha un altro obiettivo: vuole essere il primo calciatore a giocare professionalmente in tutti e cinque i continenti una volta lasciato il confine polacco-ucraino. Con Europa, Africa e Asia già cancellate dalla sua lista, punta a trasferirsi il prossimo anno negli Stati Uniti e in Australia. “Avrò successo in un anno”, ha detto Ferry convinto.

Ferry prende molto sul serio questo nuovo e inaspettato ruolo: “Lo faccio da solo. Pago tutto e non voglio nulla in cambio. Quel giorno mi sono quasi iscritto perché ho visto un ragazzo chiedere soldi per fare quello che faccio Non è accettabile, la gente è un po’ disperata qua e là Coloro che desiderano fondare un’impresa da essa.

READ  Il servizio di streaming australiano che ha scioccato il mondo del calcio si è sciolto

“Vado a Leopoli, cerco persone che hanno bisogno di aiuto e guido per cinque, 10 o 15 ore. Leopoli è come un porto per gli ucraini che vogliono lasciare il paese. Fuori dal paese [in Poland especially] Pieno di persone che aiutano, ma all’interno dell’Ucraina molti sono preoccupati che possa succedere loro qualcosa “.

Fairey l’ha vista tutti questi giorni. Si è fatto a malapena la doccia in 10 giorni perché è stato costretto a dormire in macchina, in autobus o in treno per diverse notti fredde, ma è più motivato ad aiutare in quella che è stata una tragica crisi umanitaria. La sua motivazione viene dalle stesse persone che sta guidando verso le frontiere. Le loro storie, il loro disperato bisogno di aiuto e la loro angosciante fuga sono ciò che lo spinge a continuare ad aiutare questi rifugiati ucraini su base quotidiana.

“Ce ne sono due che non dimenticherò”, ricorda Ferry. Una madre con suo figlio [named] Davide. Ero in Ucraina e suo padre è venuto da me e mi ha detto di portarli al confine. Non poteva andarsene, è un consulente finanziario ma ora sta lottando per il suo Paese. Quando abbiamo iniziato la nostra campagna, non poteva nemmeno parlare per le prime due ore [because of] le sue lacrime”.

“Quando siamo arrivati ​​al confine con la Polonia, ho deciso di fare qualcosa in più e mi sono diretto a Varsavia, dove avevano un posto dove stare. Ho guidato per 15 ore quel giorno, anche se siamo rimasti bloccati nel traffico per circa 10. L’ho fatto perché non potevo lasciarli al confine, sentivo che non potevo farlo.

READ  Le obbligazioni a breve termine dell'India sopporteranno l'urto delle scommesse del falco della RBI

“Sai, con David, mi sentivo come se avessi un rapporto molto speciale, anche durante le poche ore che siamo stati insieme. Sono sicuro che ha capito qualcosa, sono sicuro… Ho appena finito FaceTime con loro, David era sorridente.”

Visita CBS News per le ultime notizie sull’invasione russa dell’Ucraina.