Ottobre 17, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La sonda spaziale solare orbitante della NASA e dell’Agenzia spaziale europea hanno catturato un video delle eruzioni del sole

il Sole Costantemente bolle e scoppi. Se le esplosioni sulla sua superficie fossero abbastanza grandi, potrebbero inviare miliardi di tonnellate di plasma e particelle caricate elettricamente verso la Terra.

Per monitorare e studiare questi tipi di esplosioni, chiamate espulsioni di massa coronale (CME), la NASA e l’Agenzia spaziale europea (ESA) Lanciato l’orbiter solare Nel febbraio 2020.

La sonda si è avvicinata alla nostra stella quest’anno, il 10 febbraio, quando ha volato a 48 milioni di miglia (77 milioni di chilometri) dal sole, la metà della distanza tra il sole e la Terra. Mentre salta oltre il Sole, tornando in aree più fredde dello spazio, la sonda ha catturato le riprese video di due CME.

Tre strumenti di imaging sul veicolo spaziale hanno seguito l’ECM mentre lasciava il Sole e si diffondeva nello spazio. Il primo strumento ha registrato il sole stesso, mentre il secondo ha catturato il flusso di energia attraverso la corona del sole, o l’atmosfera esterna.

Un terzo fotografo ha catturato il flusso di particelle caricate elettricamente, polvere e raggi cosmici che fluiscono nello spazio dall’eruzione.

Eiezione di massa coronale CME vento solare gif

La prima espulsione di massa coronale, o CME, osservata da un fotografo eliosferico appare come un’improvvisa tempesta bianca.


ESA e NASA / Solar Orbiter / SoloHI team / NRL



Le tempeste solari possono causare pericolose condizioni meteorologiche spaziali

Esplosioni come queste sono bellissime e spesso interagiscono con l’atmosfera terrestre per creare luci aurore, ma possono essere pericolose.

Nel 1989, l’immersione di particelle caricate elettricamente dal sole ha inattivato il Quebec per circa nove ore. Altre due tempeste solari hanno interrotto le comunicazioni radio di emergenza per un totale di 11 ore subito dopo l’uragano Irma nel 2017. Interrompi la trasmissione SOS dal Titanic Quando affondò nel 1912.

Aurora boreale

L’aurora boreale, o “aurora boreale” sul Canada, vista dalla stazione spaziale vicino al punto più alto del suo percorso orbitale, il 15 settembre 2017.


NASA / JSC



Le esplosioni di attività solare potrebbero anche mettere a rischio gli astronauti interferendo con i loro veicoli spaziali o interrompendo le comunicazioni di controllo della missione.

Ecco perché la sonda solare sta osservando tali esplosioni. Studiare l’origine di queste tempeste elettriche inaspettate può aiutare gli scienziati a capire come proteggere sia gli astronauti che la rete elettrica terrestre.

“Quello che vogliamo fare con il Solar Orbiter è capire come la nostra stella crea e controlla l’ambiente spaziale in continua evoluzione in tutto il sistema solare”, ha detto Yannis Zoganelis, uno scienziato dell’Agenzia spaziale europea che lavora alla missione, l’anno scorso, prima del lancio della sonda. Fondamentali sulla nostra stella non ancora risolti. “

Guarda i brillamenti solari da due lati del sole

Dall’altra parte del Sole, vicino alla Terra, altri due veicoli spaziali dell’Agenzia spaziale europea – il satellite propa-2 e l’osservatorio eliosferico (SOHO) – hanno rilevato le stesse CME. Il filmato sotto mostra la resa di Proba-2 delle esplosioni (a sinistra) e le immagini SOHO del plasma sparato nello spazio (a destra).

Anche il Solar Terrestrial Relations Observatory della NASA, un veicolo spaziale in orbita attorno al sole vicino alla Terra, ha visto i due CME. Questo telescopio blocca il sole per catturare più chiaramente le eruzioni e i suoi scatti sotto.

CME espulsione di massa coronale gif

Primo CME visto da un fotografo dell’eliosfera in orbita, visto dal Solar Earth Relations Observatory della NASA.


NASA / STEREO / COR2



Il Sole entra in un nuovo ciclo solare di 11 anni, il che significa che le sue eruzioni e bagliori dovrebbero aumentare più frequentemente e violentemente, raggiungendo il loro apice nel 2025.

Nei prossimi sei anni, la sonda solare volerà più vicino ai poli del sole rispetto a qualsiasi sonda precedente. Si prevede inoltre di inviare le prime immagini dei poli solari sulla Terra. Il veicolo spaziale sarà in grado di tenere il passo con la rotazione del Sole, consentendogli di sorvolare regioni specifiche per lunghi periodi di tempo per assistere alle masse coronali espulse e ad altre aree di maggiore attività.

Combinando i dati del Solar Orbiter e di altri telescopi spaziali, la NASA e l’Agenzia spaziale europea possono vedere i brillamenti solari dalla loro sorgente quasi fino alla Terra.

In effetti, il veicolo spaziale solare in orbita ha rilevato e catturato questi due tipi di CMM Le foto più vicine mai scattate al sole. Ma è solo l’inizio. Ora, la navicella sta navigando: sta orientandosi e testando i suoi strumenti. Il veicolo spaziale inizierà a far funzionare tutti questi dispositivi a piena capacità a novembre. Quindi sarà in modalità flag completa.

Alla fine, la sonda deve avventurarsi più vicino al Sole di Mercurio – entro 26 milioni di miglia (42 milioni di km).

“Negli ultimi 25 anni ci siamo resi conto che c’è molto da fare sulla CME tra la superficie del sole e la Terra”, ha detto Robin Colagneau, un ricercatore che lavora su una delle telecamere Solar Orbiter della NASA. pubblicazione. “Quindi speriamo di ottenere immagini con una risoluzione molto migliore di tutti questi deflussi avvicinandoci al sole”.

READ  Abbiamo rintracciato 5 misteriose esplosioni radio veloci nelle braccia di galassie a spirale lontane