Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La società di media pro-democrazia di Hong Kong Apple Daily è destinata a chiudere con una grande vittoria per Xi Jinping

È probabile che il tabloid di Hong Kong Apple Daily e il suo sito web chiudano entro la fine di questa settimana, forse prima, dopo una dura campagna contro di esso guidata dagli agenti di sicurezza nazionale del presidente Xi Jinping.

Nelle ultime settimane, la polizia di sicurezza nazionale appositamente istituita dal signor Shi a Hong Kong ha arrestato cinque redattori senior con l’accusa di collusione straniera e ha congelato i beni della società madre Next Media.

L’anno scorso, il proprietario di Next Media Jimmy Lai è stato incarcerato dalla polizia di sicurezza nazionale per complicità straniera, mentre il 73enne è stato incriminato e perseguito con successo dalla polizia locale in più casi di protesta illegale.

Ex colleghi hanno detto alla signora Boone che il personale si sta dimettendo in massa a causa delle pressioni e che la fine del giornale potrebbe arrivare già mercoledì.

Gli arresti dei migliori editori la scorsa settimana non hanno dissuaso i giornalisti dal media ferocemente pro-democrazia, che ha organizzato un’edizione speciale stampata di 500.000 copie di The Day After che è stata strappata dai sostenitori.

Jimmy Lai, fondatore di Apple Daily, viene portato in un camion della prigione ammanettato dopo essere stato accusato
Jamie Lai, fondatore dell’Apple Daily, è stato condannato in base alla stessa legge sulla sicurezza nazionale in base alla quale i direttori e gli editori del giornale sono ora arrestati.(

Reuters: Tyrone Seo

)

Ma Mark Simon, un consigliere con sede negli Stati Uniti di Jimmy Lai, ha dichiarato in un’intervista a Reuters che il congelamento dei beni imposto dalla polizia ha impedito alla società di continuare a pagare i dipendenti.

Next Media terrà una riunione del consiglio venerdì e ha chiarito che se la polizia non sblocca i beni dell’azienda, smetterà di stampare il giornale e di aggiornare il sito.

“La chiusura dell’Apple Daily indica purtroppo che non c’è più libertà di espressione a Hong Kong o libertà di stampa perché il governo può togliersela”, ha affermato Kevin Carrico, editorialista dell’Apple Daily e specialista di studi cinesi presso Università di Monash. .

La polizia e il ministro della Giustizia di Hong Kong, John Lee, hanno sottolineato che gli arresti sono stati uno sforzo legittimo per contrastare la collusione con forze straniere ostili.

Un'inquadratura dall'alto di un mare di persone in una strada che protesta contro un disegno di legge di estradizione a Hong Kong nel 2019.
Le proteste di Hong Kong del 2019 hanno visto enormi proteste, a volte violente, contro la proposta di estradare i cittadini in Cina.(

Reuters: Stringer/foto d’archivio

)

“Stiamo parlando di una cospirazione in cui c’è una serie di azioni – una di queste azioni include la pubblicazione sull’Apple Daily così come le notizie online relative ad articoli che invitano paesi stranieri o nemici esterni a imporre sanzioni o condurre attività ostili contro Hong Kong e per svolgere attività ostili contro Hong Kong”, ha detto ai media dopo gli arresti della settimana. il passato”.

La polizia di Hong Kong afferma che diversi articoli pubblicati dal giornale sono sotto inchiesta per violazione della vaga e ampia legge sulla sicurezza introdotta dal presidente Xi e ha avvertito altri giornalisti di Hong Kong di non ripubblicare nessuna delle storie del giornale.

Una spina nel fianco di Pechino

Apple Daily è stato lanciato nel 1995, due anni prima che la Gran Bretagna cedesse il controllo di Hong Kong al dominio cinese.

Avviato dall’imprenditore di abbigliamento al dettaglio Jimmy Lai, il giornale ha tagliato i rivali in termini di prezzo e ha offerto un mix di eccitazione populista, pettegolezzi sulle celebrità e una forte vena politica interna altamente critica sia nei confronti del governo cinese che di quello di Hong Kong.

Quando il signor Lai è diventato un critico schietto di Pechino, il giornale ha dovuto affrontare le richieste di boicottaggio della pubblicità da parte dei lealisti di Pechino in città, ma è rimasto il giornale più popolare di Hong Kong per diffusione.

Gli Apple Daily Pack sono accumulati in pile con un titolo impegnativo
Apple Daily ha pubblicato il titolo “Apple Daily continuerà a combattere” dopo l’arresto di Jimmy Lai nel 2020. (

Reuters: Tyrone Seo

)

Nel 2019, quando in città sono scoppiate proteste di massa per un piano per consentire l’estradizione verso la terraferma, Apple Daily si è bloccato dietro il movimento di protesta, a volte usando la sua prima pagina per invitare le persone alle manifestazioni.

Lai ha anche visitato Washington e ha incontrato i funzionari dell’amministrazione Trump mentre chiedeva pubblicamente il sostegno internazionale per Hong Kong contro le pressioni di Pechino.

In un’intervista del 2019 con la ABC durante le proteste, il signor Lai ha respinto le accuse dei media statali cinesi di aver colluso con le forze straniere e ha promesso di continuare.

Attualmente è in carcere dopo essere stato condannato per “assemblea illegale” per aver partecipato a una protesta di massa nel 2019 che non è stata approvata dalla polizia ma è in attesa di processo per complicità che potrebbe portare al suo rilascio.

Il presidente cinese Xi Jinping saluta dal tetto apribile di un'auto mentre si rivolge a una parata militare in Cina.
Il presidente cinese Xi Jinping pronuncerà presto un discorso durante una cerimonia a Pechino per celebrare il 100° anniversario della fondazione del Partito comunista cinese.(

Reuters: Thomas Peter/foto d’archivio

)

Anche dopo il suo arresto, Apple Daily ha continuato a pubblicare con i giornalisti per adattarsi ai vaghi limiti della censura imposti dal National Security Act.

I media di proprietà del Partito Comunista Cinese come il Global Times hanno ripetutamente definito il signor Lai come un “traditore” durante le proteste e lo hanno definito uno dei principali obiettivi della nuova legge sulla sicurezza quando è stata introdotta nel 2020.

Ora è in prigione, i suoi beni sono stati congelati e il suo giornale sta per chiudere appena una settimana prima che Xi Jinping presieda una massiccia parata e celebrazione a Pechino per celebrare il 100° anniversario della fondazione del Partito Comunista.

“Verranno dopo The Stand News, e poi verranno dopo altri media che non sono controllati dal governo”, ha detto la signora Boone.

READ  Il mostro di Loch Ness visto nel Canale di Caledonia scozzese su filmati di droni