Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La scoperta di un sito fossile racconta la storia dell’origine dell’Australia

Ragni fossili, cicale, vespe, piante e pesci, tutti datati tra 11 milioni e 16 milioni di anni fa durante l’epoca del Miocene, dipingono un quadro vivido degli ecosistemi delle foreste pluviali australiane.

ha affermato Matthew McCurry, paleontologo dell’Australian Museums Research Institute, autore di uno studio del sito pubblicato venerdì su Science Advances.

“Il Miocene è stato il momento in cui è stata creata la maggior parte degli ambienti australiani moderni, quindi questo sito fossile è davvero la storia delle origini dell’Australia”.

Durante il Miocene, la riduzione delle precipitazioni ha causato il restringimento delle foreste pluviali in tutto il mondo, determinando paesaggi sempre più aridi, afferma lo studio.

McCurry ha detto che il sito, chiamato McGraths Flat e situato nel mezzo delle Tablelands, vicino alla città di Gulgong, è stato scoperto da un contadino locale, che ha trovato foglie pietrificate in uno dei suoi campi.

McCurry ei suoi colleghi hanno visitato e scavato il sito sette volte.

Un nascondiglio di fossili ben conservati

“I fossili sono incredibilmente belli quando li guardi e con un microscopio possiamo osservare i dettagli delle superfici dei fossili straordinariamente ben conservati”, ha detto via e-mail.

“Si possono vedere caratteristiche come singole cellule e persino organelli intracellulari. Questo livello di dettaglio ci consente di dire molto sull’aspetto di questi ecosistemi”.

Ad esempio, i melanosomi scoperti nelle piume fossilizzate significano che gli scienziati possono determinare il colore delle piume. In questo caso, pensano che fosse da marrone scuro a nero.

Il paleontologo Matthew McCurry (sopra) dell'Australian Museum Research Institute e colleghi hanno visitato il sito fossile sette volte.

McCurry ha detto che il sito, costituito da rocce ricche di ferro, era destinato a essere visto come Lagerstätte, un termine tedesco usato dai paleontologi per descrivere un sito eccezionale con molti fossili perfettamente conservati.

READ  I feroci "vermi del pene" erano i paguri negli antichi mari

Piante e creature rimasero pietrificate quando le acque sotterranee ricche di ferro defluirono in un pozzo d’acqua.

McCurry ha detto che il suo fossile preferito era un tipo di ragno, che era il fossile di ragno meglio conservato mai trovato in Australia.

“È un esemplare molto bello.”