Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Russia produrrà il vaccino Sputnik V in Italia

La Russia sta procedendo con i piani per produrre il proprio vaccino contro Covit-19 in Europa e, tra ulteriori negoziati con Germania e Francia, è stato raggiunto un accordo per produrre il vaccino Sputnik V in Italia. AcerPress, Che cita Bloomberg.

Adien Pharma & Biotech SA ha firmato un accordo per la produzione del vaccino russo Sputnik V contro COVID-19 nel suo stabilimento di produzione nella regione di Milano, ha detto martedì Francesco de Narrow, fondatore e presidente dell’azienda svizzera.

L’accordo firmato da Adien Pharma & Biotech SA con il fondo sovrano russo RTIF è il primo accordo di produzione del vaccino Spotnik V in Europa. Sebbene la Russia abbia inizialmente approvato l’uso del vaccino Covit-19 per il grande pubblico, è stato più lento di alcuni dei suoi concorrenti quando si è trattato di aumentare la produzione.

La scorsa settimana, Sputnik V ha raggiunto un momento critico per la futura distribuzione nell’UE, con l’EMA con sede ad Amsterdam che ha iniziato a testare il vaccino. In seguito all’annuncio, i funzionari russi si sono detti pronti a vaccinare 50 milioni di europei a partire da giugno.

“Ci sono molte regioni in Italia che sono entusiaste di ricevere il vaccino Sputnik e vogliono produrlo. Abbiamo una partnership in Germania e stiamo parlando con un certo numero di società francesi”, ha detto domenica il direttore del fondo sovrano russo. . ., Grill Dimitriev, alla stazione televisiva italiana Roy 3.

Dmitriev, responsabile del lancio internazionale del vaccino Sputnik V, ha stimato che la produzione in Italia potrebbe iniziare a giugno. Tuttavia, i tempi dipendono dall’ottenimento delle necessarie autorizzazioni dalle autorità di regolamentazione italiane e Francesco de Naro ha affermato che l’obiettivo di produzione non può essere fissato in questo momento.

READ  Flightboy aggiunge voli a sei nuove destinazioni di vacanza in Italia, Turchia e isole greche

Ansiosi di un processo considerato troppo lento, molti paesi dell’UE stanno cercando vaccini che non sono stati ancora approvati da una coalizione come l’Ungheria, che ha iniziato a fornire vaccini russi alla sua popolazione il mese scorso. Anche la Repubblica Ceca e la Slovacchia hanno ordinato vaccinazioni dalla Russia.

Autore: V.M.