Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Russia produrrà il vaccino Sputnik V in Italia

La Russia sta procedendo con i piani per produrre il proprio vaccino contro Covit-19 in Europa e, tra ulteriori negoziati con Germania e Francia, è stato raggiunto un accordo per produrre il vaccino Sputnik V in Italia. AcerPress, Che cita Bloomberg.

Adien Pharma & Biotech SA ha firmato un accordo per la produzione del vaccino russo Sputnik V contro COVID-19 nel suo stabilimento di produzione nella regione di Milano, ha detto martedì Francesco de Narrow, fondatore e presidente dell’azienda svizzera.

L’accordo firmato da Adien Pharma & Biotech SA con il fondo sovrano russo RTIF è il primo accordo di produzione del vaccino Spotnik V in Europa. Sebbene la Russia abbia inizialmente approvato l’uso del vaccino Covit-19 per il grande pubblico, è stato più lento di alcuni dei suoi concorrenti quando si è trattato di aumentare la produzione.

La scorsa settimana, Sputnik V ha raggiunto un momento critico per la futura distribuzione nell’UE, con l’EMA con sede ad Amsterdam che ha iniziato a testare il vaccino. In seguito all’annuncio, i funzionari russi si sono detti pronti a vaccinare 50 milioni di europei a partire da giugno.

“Ci sono molte regioni in Italia che sono entusiaste di ricevere il vaccino Sputnik e vogliono produrlo. Abbiamo una partnership in Germania e stiamo parlando con un certo numero di società francesi”, ha detto domenica il direttore del fondo sovrano russo. . ., Grill Dimitriev, alla stazione televisiva italiana Roy 3.

Dmitriev, responsabile del lancio internazionale del vaccino Sputnik V, ha stimato che la produzione in Italia potrebbe iniziare a giugno. Tuttavia, i tempi dipendono dall’ottenimento delle necessarie autorizzazioni dalle autorità di regolamentazione italiane e Francesco de Naro ha affermato che l’obiettivo di produzione non può essere fissato in questo momento.

READ  Un insegnante di italiano in pensione ha lasciato 25 milioni di euro ad alcuni ospedali e associazioni di beneficenza. Non è chiaro da dove provenisse la ricchezza della donna, ma la stampa italiana ha suggerito che il denaro fosse probabilmente ereditato.

Ansiosi di un processo considerato troppo lento, molti paesi dell’UE stanno cercando vaccini che non sono stati ancora approvati da una coalizione come l’Ungheria, che ha iniziato a fornire vaccini russi alla sua popolazione il mese scorso. Anche la Repubblica Ceca e la Slovacchia hanno ordinato vaccinazioni dalla Russia.

Autore: V.M.