Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La pubblicità di Gucci attira Flak per aver usato le tigri, Carole Baskin del marchio di moda Slms di Netflix

La pubblicità di Gucci attira Flak per aver usato le tigri, Carole Baskin del marchio di moda Slms di Netflix

L’attivista per i diritti degli animali Carole Baskin si è opposta all’ultima campagna del marchio di moda di lusso italiano Gucci che ha caratterizzato le tigri. Il marchio sta affrontando un contraccolpo per l’utilizzo di vere tigri nella sua peggiore ultima campagna che celebra l'”Anno cinese delle tigri” che inizia il 1 febbraio. Carole, che ha fondato “Big Cat Rescue”, ha detto a Yahoo News: “Questo tipo di campagna pubblicitaria invia il possibile messaggio; ovvero che le tigri sono prodotti usa e getta da usare per il capitalismo e da scartare a piacimento”. Voleva anche sapere chi era il fornitore di gatti e ha aggiunto che chiunque nel pubblico sarebbe rimasto sbalordito dal modo in cui i poveri gatti venivano usati a scopo di lucro.

Carole ha fondato Big Cat Rescue, un santuario per animali senza scopo di lucro con sede in Florida. È diventata famosa dopo essere apparsa nel documentario Netflix intitolato “Tiger King: Murder, Mayhem and Madness”.

Diversi utenti di Instagram hanno iniziato a esprimere il loro sgomento per l’utilizzo di vere tigri per il servizio fotografico. Anche l’organizzazione per i diritti degli animali, World Animal Protection, ha espresso preoccupazione per l’uso delle tigri nell’ultima campagna. ‘Gucci Tiger’, presenta “un’ampia sezione di prêt-à-porter e accessori, con varie interpretazioni dell’animale”.

Ecco il post:

Il marchio di moda ha anche affermato che le tigri sono state catturate in un “ambiente sicuro”. Secondo Times of India, una terza parte per il benessere degli animali @americanhumane ha monitorato il set e ha dato un segnale verde che “nessun animale è stato danneggiato”.

Diversi utenti di Instagram hanno anche criticato la casa di moda per aver usato le tigri. Hanno detto: “Non va bene avere animali selvatici nella pubblicità”, un commento diceva che le tigri appartengono allo stato selvatico, non in cattività, per non essere usate per vendere moda, un altro ha detto che “gli animali selvatici appartengono allo stato selvatico e non dovrebbero essere utilizzato per l’intrattenimento e i media.

Molte altre organizzazioni per il benessere degli animali, inclusa la PETA, hanno anche esortato i loro seguaci a “dire loro di SMETTERE di usare animali selvatici nelle loro pubblicità!”

Il World Animal Protection US ha scritto sulla sua pagina Twitter ufficiale: “Gucci sta inviando il messaggio sbagliato promuovendo le tigri come animali domestici e oggetti di lusso quando sono animali selvatici che appartengono allo stato brado”.

Tuttavia, Gucci ha affermato che lo stile del marchio di moda è della natura e degli animali selvatici. Ha dichiarato di aver aderito al Lion Share Fund, un’iniziativa che raccoglie fondi per proteggere le specie in via di estinzione nel loro habitat naturale.

L’uso di animali selvatici in diversi marchi di moda costosi è stata una questione controversa. L’anno scorso, una coppia di Dubai ha usato una tigre in un’acrobazia di genere che ha creato indignazione su diversi siti di microblogging.

Leggi tutte le ultime notizie, le ultime notizie e le notizie sul coronavirus qui.

READ  La soluzione al cruciverba del NYT: La città italiana dove nacque Colombo