Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La protezione avanzata dalla degenza ospedaliera di Omicron diminuisce dal 91% al 78%

Ingrandisci / Fiale contenenti il ​​vaccino di richiamo Moderna COVID-19 presso il centro vaccinale.

Le dosi aumentate di COVID-19 reggono ampiamente contro una variante di omicron altamente trasmissibile, nonostante il fatto che la protezione inevitabilmente diminuisca nel tempo, secondo Un recente studio pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention.

Tuttavia, con l’inevitabile declino dei potenziatori e la capacità di Omicron di eludere alcune risposte immunitarie, in futuro potrebbero essere necessarie quarte dosi per mantenere o migliorare la protezione contro COVID-19, osservano gli autori dello studio.

Lo studio, pubblicato nel Centers for Disease Control and Prevention’s Disease and Mortality Weekly Report, ha stimato la maggiore efficacia contro malattie gravi e ospedalizzazione. Ha registrato una leggera diminuzione dell’efficacia del richiamo da meno di due mesi dopo una dose di richiamo a più di quattro o cinque mesi dopo il terzo colpo. L’ultimo periodo di tempo è il più recente per il quale sono disponibili dati avanzati, in base a quando il filmato è diventato ampiamente disponibile. Lo studio ha raccolto dati da pazienti in 10 stati, comprese oltre 240.000 visite al pronto soccorso o centri di cure urgenti e oltre 93.000 ricoveri.

In generale, le dosi di richiamo hanno migliorato significativamente la protezione contro l’omicron e sono state ampiamente mantenute nel tempo. Nei soggetti che hanno ricevuto una terza iniezione di uno qualsiasi dei vaccini mRNA entro due mesi, la dose di richiamo è stata stimata essere efficace al 91% contro il ricovero per infezione da omicron. Questa stima dell’efficacia del vaccino è scesa all’88% se la persona aveva due o tre mesi di pausa dal richiamo. L’efficacia è scesa al 78 percento dopo quattro o più mesi.

READ  Un dipendente di Starbucks è risultato positivo all'epatite A, che potrebbe esporre migliaia di clienti al virus

In termini di protezione da un pronto soccorso indotto da Omicron o da una visita di assistenza urgente, una terza iniezione di qualsiasi vaccino mRNA somministrato entro due mesi è risultata efficace all’87%. Questa efficacia è scesa all’81 percento due o tre mesi dopo l’aumento e poi al 66 percento quattro o più mesi dopo l’iniezione. Lo studio contiene anche dati su 18 pazienti COVID-19 che erano a cinque mesi o più dalla loro terza iniezione e che necessitavano di cure di emergenza o urgenti. Di questi pazienti, gli autori dello studio hanno stimato l’efficacia del vaccino al 31%. Tuttavia, i numeri sono semplicemente troppo piccoli per essere un calcolo affidabile; L’intervallo di confidenza del 95 percento nel calcolo variava da -50 a 68.

determinanti

Sebbene l’efficacia del 66% a quattro mesi possa anche sembrare preoccupante, è importante notare che gli autori dello studio hanno anche stimato l’efficacia di soli due colpi. Cinque o più mesi dopo le due iniezioni, il vaccino era efficace solo per il 37% contro una visita di emergenza o cure urgenti per un’infezione da omicron.

Lo studio aveva un design robusto. L’impostazione del test negativo ha confrontato le probabilità di persone non vaccinate e non vaccinate sottoposte a test per COVID-19 utilizzando modelli. Questi modelli rappresentano la settimana di calendario, la posizione di ciascun paziente, l’età, i livelli di trasmissione del virus locale, lo stato di immunodeficienza, ulteriori condizioni di salute di base e altri fattori.

Ma c’erano anche molti limiti. Come notato sopra, la piccola quantità di dati sulle persone che sono state sospese per cinque mesi o più dal richiamo rende inaffidabili le stime dell’efficacia del vaccino per questo lasso di tempo. Inoltre, lo studio non è stato in grado di distinguere tra Terze dosi e dosi di richiamo per pazienti immunocompromessiPer chi è consigliato avere una terza dose come parte della loro serie iniziale e Dose di richiamo successiva. Si consiglia alle persone con immunodeficienza da moderata a grave di assumere una serie iniziale di tre dosi perché due dosi da sole non forniscono gli stessi livelli di protezione osservati nei soggetti non immunocompromessi. Pertanto, se lo studio includesse soggetti immunocompromessi che hanno ricevuto una terza dose, anziché una quarta, potrebbe distorcere le stime di efficacia più in basso.

READ  I ricercatori degli Stati Uniti affermano di aver svelato il mistero del piccione di Darwin

Nel complesso, concludono gli autori dello studio, i dati sono una valida argomentazione per i rinforzi, anche se non sono gli ultimi colpi di cui potremmo aver bisogno. “Questi risultati sottolineano l’importanza di ricevere una terza dose del vaccino mRNA COVID-19 per prevenire COVID-19 correlato a ED/UC [emergency department and urgent care] Incontri e COVID-19 negli ospedali tra adulti, concludendo che la scoperta che la protezione dai vaccini mRNA è diminuita nei mesi successivi alla ricezione di una terza dose di vaccino rafforza l’importanza di considerare dosi aggiuntive per mantenere o migliorare la protezione contro COVID-19 – ED Meetings / UC Accompagnare e ricoverare COVID-19. “