Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La privacy di Apple cerca di rompere il settore della pubblicità digitale

La privacy di Apple cerca di rompere il settore della pubblicità digitale

Per anni, Apple ha espresso la sua convinzione in questo La privacy è un diritto umano fondamentale. Nel 2020, la sua decisione di ridurre il monitoraggio degli annunci di iPhone ha acceso un dibattito tra i dirigenti su quanto lontano sarebbe andata l’azienda per fermare tale ricerca.

Gli sviluppatori di dispositivi mobili, le società pubblicitarie e i broker di dati utilizzano da tempo gli annunci digitali per monitorare il comportamento degli utenti. Craig Federighi, chief software officer di Apple, ha supervisionato un team di ingegneri che cercano di rimuovere il tracciamento degli annunci. La sua squadra era ferocemente contraria a questo strumento, mentre alcuni colleghi non lo erano altrettanto. Questi includono Eddie Keogh, capo dei servizi e della pubblicità di Apple, e Philip Schiller, l’allora chief marketing officer di Apple, che guidava l’App Store. Entrambi erano preoccupati per il calo delle entrate dell’App Store se fossero stati con veemenza contro l’ad tracker.

articolo da l’informazione Approfondisce le sfide che Apple e i suoi colleghi tecnologici hanno affrontato con la pubblicità digitale.

Ho iniziato con IDFA

Tutto è iniziato quando Erik Neuenschwander, capo del team di ingegneria della privacy, ha avuto l’idea di questo controverso strumento di tracciamento, chiamato Identifier Advertisers (IDFA). L’IDFA doveva essere un modo innocuo per fornire agli utenti annunci più mirati.

Con lo sviluppo della pubblicità, IDFA è diventato più penetrante. Alcuni broker hanno iniziato ad abusare dell’IDFA, tracciando e monitorando le persone in tutto il mondo e persino trovando le loro posizioni fisiche. Questa non era l’idea iniziale dell’IDFA in quanto intendeva fornire una migliore esperienza pubblicitaria agli utenti beneficiando al contempo delle aziende che pubblicano gli annunci.

READ  I nuovi laptop Dynabook Satellite Pro terranno lontani i germi

Alla fine, IDFA potrebbe essere disattivato in una chiave in un menu, ma questo non era familiare a molti utenti di iPhone. Neuenschwander e il suo team hanno apportato numerose modifiche nel corso degli anni per impedire il tracciamento. Molti sviluppatori hanno scelto di ignorare qualsiasi miglioramento Apple e hanno trovato soluzioni alternative per loro.

Nel 2019 Federighi ha detto al team della privacy di “fare qualcosa per l’IDFA”. Sebbene fossero preoccupati di andare troppo oltre nell’eliminazione del tracciamento, i dirigenti hanno escogitato un piano.

La soluzione, Application Tracking Transparency (ATT), richiede agli sviluppatori di applicazioni di chiedere agli utenti se desiderano monitorare la loro attività online. Questo popup viene visualizzato quando l’app viene avviata per la prima volta. Il monitoraggio delle attività non si verificherà se qualcuno rinuncia. secondo Flurry .AnaliticaSolo il 26% degli utenti globali sceglie di aderire, con la stragrande maggioranza che rinuncia.

Nonostante le sue intenzioni, ATT ha danneggiato le entrate pubblicitarie delle aziende sull’App Store. Per esempio, Meta prevede un calo di 10 miliardi di dollari di entrate quest’anno dall’impatto di queste modifiche alla privacy sulle loro pratiche di raccolta dei dati.

E per Android?

Ci sono state preoccupazioni sul fatto che la spesa pubblicitaria si sposterà su Android. Tuttavia, Google ha recentemente annunciato i propri piani per creare funzionalità aggiuntive per il miglioramento della privacy su Android. Chiamata Protezione della privacyPresto, sul suo sistema operativo saranno disponibili funzionalità pubblicitarie più speciali.

Indipendentemente dalle sfide, Apple continua a mantenere la privacy degli utenti in prima linea nei suoi sforzi.


Dai un’occhiata a 9to5Mac su YouTube per ulteriori notizie su Apple: