Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La presidente del MIA a Roma Gaia Trident parla dell’attenzione su “inclusione e diversità”.

La presidente del MIA a Roma Gaia Trident parla dell’attenzione su “inclusione e diversità”.

Il prossimo MIA Market di Roma, dedicato a serie TV, animazione, lungometraggi e documentari internazionali, si svolgerà dal 9 al 13 ottobre presso Palazzo Barberini, nel centro di Roma, che è anche il fulcro principale del mercato oltre ad essere il Galleria Nazionale d’Arte Antica d’Italia.

Giunto alla nona edizione, questo innovativo evento che precede il Mipcom (MIA, abbreviato in Mercato Internazionale Audiovisivo) mira a rafforzare l’industria italiana rafforzandone le relazioni internazionali. La mostra presenterà 62 progetti di tutte le forme e dimensioni provenienti da 36 paesi con un focus su “inclusione e diversità”, afferma la sua direttrice Gaia Trident.

Come annunciato in precedenza, MIA ha reclutato una serie di relatori MIA di alto calibro che includono Nicole Clemens, presidente di Paramount Television Studios e serie con sceneggiatura originale Paramount+; Sarah Bernstein, presidente dei film documentari di Brian Grazer e Ron Howard; Marge Dean, responsabile dello studio di animazione presso Skybound Entertainment e presidente di Women in Animation; Ari Folman, regista di “Valzer con Bashir”; e James Townley, responsabile dello sviluppo presso Banijay.

Di seguito, Trident sta parlando con diversificato Informazioni sulle novità in negozio quest’anno.

Sembra che la MIA si stia sviluppando. Cosa c’è di nuovo?

Abbiamo messo insieme un programma che mi piace chiamare “MIA Extended”. Un mercato basato sui principi MIA e che comprende tutti i format. L’anno scorso abbiamo lanciato il nostro reparto di animazione come quello che potreste definire un programma pilota. Ha funzionato molto bene e ha attirato i principali attori degli anime. Da allora abbiamo stretto partnership con altri mercati dell’animazione, come il MIFA di Anneny. Non appena ho saputo che Marge Dean era stata nominata a capo del nuovo studio di animazione di Skybound, l’ho contattata e lei sarebbe venuta a rappresentare l’animazione per adulti, che è uno dei migliori rami dell’animazione al momento.

READ  L'annuncio di Serafini non è la fine definitiva del ristorante italiano Erie

Ma ci stiamo muovendo anche verso contenuti di realtà estesa. Quest’anno a Palazzo Barberini avremo il MIA XR Tech Pavilion e sale di realtà virtuale. Fa tutto parte del nostro sforzo di aprirci a nuove forme di narrazione e creare connessioni tra loro.

Sebbene il MIA rimanga eurocentrico, ora ha una portata geografica più ampia. Come è successo?

Abbiamo assistito ad un aumento del 30% nel numero di paesi, ora 81, che hanno presentato più di 500 progetti al mercato della coproduzione. I 61 progetti che abbiamo selezionato provengono da 36 paesi, tra i quali ovviamente spicca l’Europa. Ma quello che posso dire è che, soprattutto nel reparto animazione, abbiamo progetti dal Ghana, Messico, Egitto e Sud Africa, oltre a progetti europei. Ciò riflette il fatto che quest’anno abbiamo lavorato sull’inclusione e sulla diversità, non solo nella selezione dei nostri progetti, ma anche nel nostro consiglio di amministrazione e nei comitati di selezione. La maggiore diversità geografica è evidente in tutto il nostro portafoglio di progetti, compresi i nostri contenuti, dimostrando che quest’anno, per la prima volta, i contenuti globali – non solo italiani – sono aperti. Abbiamo ampliato il nostro programma di scambio B2B, lanciato lo scorso anno per sostenere l’industria televisiva e cinematografica ucraina, per includere altri paesi tra cui Egitto, Sudan, Libano, Marocco e Congo.

La coproduzione, che è il cuore del MIA, è più importante che mai. Quale pensi sia il motivo per cui stanno acquisendo sempre più importanza?

In definitiva, si tratta di tagliare i budget di produzione a tutti i livelli, sia attraverso la trasmissione in diretta, sia attraverso le emittenti pubbliche o private, sia in televisione che nel cinema. Il modello di coproduzione sta tornando alla ribalta e svolgendo un ruolo diverso – soprattutto su progetti ambiziosi con grandi budget – perché più attori riesci a portare attorno al tavolo, più è probabile che tu abbia successo. Ciò significa adottare modelli di business che prima si applicavano solo ai film indipendenti e ora sono parte integrante del pacchetto finanziario delle serie TV. I produttori di serie si assumono una quota maggiore dei rischi e mantengono una quota maggiore dei diritti. Allo stesso tempo, il ruolo dei distributori internazionali sta cambiando. Mentre un tempo i distributori rappresentavano l’ultimo anello della catena vendendo il prodotto finale sul mercato, ora gestiscono i progetti in una fase molto precoce, quindi le società di distribuzione assumono persone per occuparsi dello sviluppo creativo. Non dimentichiamo che ci sono aziende attive nella distribuzione e che acquistano aziende di produzione [such as France’s Vuelta Group that recently purchased Italy’s Indiana Production].

READ  I produttori italiani Mario Giannianni e Lorenzo Meli entrano nel Mediawan Fold

Mentre il MIA si evolve, come vedi la sua funzione dal punto di vista della distribuzione cinematografica? Questo aspetto è cambiato?

Sebbene abbiamo lavorato duramente per diventare un mercato innovativo per le coproduzioni, abbiamo sempre cercato di rafforzare il nostro ruolo di mercato per il prodotto teatrale finito. Crediamo fermamente che, con l’AFM vacillante, il MIA potrà diventare un mercato importante per i film europei di questo tipo in autunno. Ecco perché abbiamo un programma speciale per gli acquirenti chiamato MIA Buyers Club, insieme alle offerte del Marketplace. Sono tanti i compratori che vengono a Roma, anche grazie alla collaborazione con i migliori enti di promozione come Unifrance, German Films e Unefa (Unione Esportatori Cinematografici e Audiovisivi). La differenza è che quest’anno abbiamo introdotto una nuova sezione, chiamata Comin’up, dove gli acquirenti possono scoprire i lungometraggi in lavorazione. Abbiamo anche una sezione vetrina See U in arrivo per eventuali titoli in cerca di un distributore internazionale. Come sapete, le vendite avvengono in diverse fasi del ciclo del progetto e MIA ora copre tutte queste fasi.