Gennaio 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La polizia di Hong Kong fa irruzione nell’agenzia pro-democrazia “Stand News”, arrestandone sei, compreso il personale senior

Centinaia di agenti della polizia di sicurezza nazionale di Hong Kong hanno fatto irruzione negli uffici del media online pro-democrazia mercoledì, arrestando sei persone, tra cui personale di alto livello, con l’accusa di “cospirazione per la pubblicazione di volantini che inducono sedizione”.

Stand News – che è stata creata nel 2014 come pubblicazione senza fini di lucro – è la pubblicazione pro-democrazia più importante rimasta a Hong Kong dopo che un’indagine sulla sicurezza nazionale all’inizio di quest’anno ha chiuso il popolare Apple Daily pubblicato dal miliardario in carcere Jimmy Lai.

Il raid solleva anche preoccupazioni per la libertà di parola e la libertà dei media nell’ex colonia britannica, che è tornata al dominio cinese nel 1997 con la promessa di un’ampia gamma di diritti individuali che sarebbero stati protetti.

La polizia ha dichiarato in una dichiarazione che stavano entrando nell’edificio con un mandato che li autorizzava a “perquisire e confiscare materiale di stampa pertinente”.

Un uomo è stato portato su un'auto della polizia.
La polizia ha detto che Patrick Lam, caporedattore ad interim di Stand News, è una delle sei persone arrestate “con l’accusa di cospirazione per pubblicare una pubblicazione sediziosa”.(Reuters: Tyrone Seo)

Ronson Chan, vicedirettore di Stand News e presidente dell’Associazione dei giornalisti di Hong Kong (HKJA), non era tra gli arrestati.

Tuttavia, ha detto, la polizia ha sequestrato il suo computer, iPhone, iPad, tessera stampa e documenti bancari durante una perquisizione mattutina della sua casa.

“Stand News ha sempre riportato in modo professionale”, ha aggiunto.

Caricamento in corso

Stand News ha pubblicato un video della polizia che arriva a casa del signor Chan.

Uno degli agenti è stato visto dire: “L’accusa era di cospirazione per la pubblicazione di pubblicazioni sediziose. Questo è l’ordine del tribunale e questa è la mia carta di autorizzazione. Il tuo telefono sta ostacolando il nostro lavoro”.

Non è stato possibile raggiungere altri dipendenti senior per un commento.

L’ufficio Stand News – situato in un edificio industriale nel quartiere operaio di Kwun Tong – era parzialmente chiuso, con dozzine di poliziotti che vagavano per l’atrio e quattro camioncini parcheggiati nel seminterrato.

Gli agenti sono stati visti trasportare una trentina di scatole di documenti e altri oggetti che erano stati sequestrati come prova di un camion.

Stephen Butler, coordinatore del programma Asia del CPJ, ha affermato che le azioni della polizia sono state un “attacco aperto a una libertà di stampa già a brandelli a Hong Kong”.

L’Ufficio per la sicurezza del governo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Le autorità hanno ripetutamente affermato che tutti i procedimenti giudiziari sono basati su prove e non hanno nulla a che fare con la professione degli arrestati.

La sedizione non è tra i crimini elencati nell’ampia legge sulla sicurezza nazionale che Pechino ha imposto alla città nel giugno 2020.

Nuove leggi puniscono terrorismo, collusione con forze straniere, sabotaggio e separatismo, con possibile ergastolo.

I traslocatori raccolgono scatole di prove in un camion dopo una perquisizione della polizia presso l'ufficio Stand News.
Il raid ha sollevato preoccupazioni per la libertà di espressione e la libertà dei media a Hong Kong.(Reuters: Tyrone Seo)

Tuttavia, le recenti sentenze dei tribunali hanno liberato le autorità dall’usare i poteri conferiti dalla nuova legislazione per pubblicare leggi dell’era coloniale che erano poco utilizzate, incluso il Crimes Act sulla sedizione.

Le autorità affermano che il National Security Act ha riportato l’ordine dopo i violenti disordini a favore della democrazia nel 2019 e che non limita i diritti e le libertà.

I critici affermano che la legislazione è uno strumento per schiacciare il dissenso e mettere il centro finanziario globale su un percorso autoritario.

A giugno, centinaia di poliziotti hanno fatto irruzione nel quartier generale dell’Apple Daily, arrestando dirigenti con l’accusa di “collusione con un paese straniero”.

Il giornale è stato successivamente chiuso dopo che la polizia ha congelato i suoi beni.

Martedì, i pubblici ministeri hanno presentato un’accusa di “pubblicazione sediziosa” contro il signor Lai e sei ex dipendenti dell’Apple Daily, oltre alle accuse precedenti.

L’accusa ha affermato che i loro post potrebbero “incitare all’odio o al disprezzo” o “incitare all’indignazione” contro i governi di Hong Kong e Cina.

La polizia non ha pubblicato articoli da Apple Daily o Stand News che considerano sediziosi.

Reati linguistici a Hong Kong

La carta di Stand News afferma che deve essere indipendente, autogovernata e impegnata a proteggere i valori fondamentali di Hong Kong di “democrazia, diritti umani, stato di diritto e giustizia”.

Dopo il raid dell’Apple Daily, Stand News ha dichiarato che avrebbe smesso di accettare donazioni dai lettori e rimosso i commenti dalla piattaforma per proteggere sostenitori, autori e redazione, aggiungendo che i “reati linguistici” avevano raggiunto Hong Kong.

La polizia è vista fuori dall'edificio degli uffici di Stand News.
I critici affermano che la legislazione sulla sicurezza nazionale approvata lo scorso anno è uno strumento per schiacciare il dissenso.(Reuters: Tyrone Seo)

L’annuncio di giugno diceva che l’avvocato senior ed ex deputata democratica Margaret Ng, il cantante pop Dennis Hu e altri quattro si erano dimessi dal loro consiglio di amministrazione, e due direttori fondatori, Tony Tsui e l’ex caporedattore Chung Boye Quinn, erano rimasti.

I media locali hanno affermato che le sei persone arrestate mercoledì includevano Ng, Hu, Chong, il caporedattore ad interim Patrick Lam e due ex membri del consiglio, Chow Tat Chi e Christine Fang.

In una dichiarazione separata, la polizia ha affermato di aver arrestato tre uomini e tre donne, di età compresa tra 34 e 73 anni, e che erano in corso le perquisizioni nelle loro case.

I nomi degli arrestati non sono stati forniti, in linea con la normale prassi.

L’ufficio Stand News, situato in un edificio industriale nel quartiere operaio di Kwun Tong, era parzialmente chiuso, con dozzine di poliziotti che giravano intorno all’atrio e quattro pickup parcheggiati nel seminterrato, secondo i giornalisti presenti sulla scena.

Un funzionario di collegamento con i media della polizia al 14° piano ha affermato che l’ingresso nell’ufficio non sarebbe stato consentito, data “l’operazione in corso”.

L’autorità ha dichiarato in una nota che è “profondamente preoccupata per il fatto che la polizia abbia ripetutamente arrestato membri di spicco dei media e perquisito gli uffici di organizzazioni di notizie contenenti grandi quantità di materiale di stampa”.

Reuters

READ  Israele stabilisce il record di casi di COVID-19 il giorno prima della riapertura delle scuole