Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La polizia del Kosovo ha scambiato il fuoco con i serbi locali che bloccano le strade per protestare contro l’arresto di un ufficiale

I serbi del Kosovo e la polizia del paese si sono scambiati colpi di arma da fuoco sabato dopo l’escalation delle tensioni nell’instabile parte settentrionale del paese.

Oggi, i serbi del nord del Kosovo hanno bloccato le strade principali della regione per protestare contro l’arresto di un ex membro della polizia del Kosovo che si è dimesso dal suo incarico il mese scorso insieme ad altri di origine serba.

Con l’aggravarsi della crisi nel nord a maggioranza serba, il presidente kosovaro Vjosa Osmani ha annunciato sabato che le elezioni locali in quella regione saranno rinviate al 23 aprile.

Le elezioni erano previste per il 18 dicembre, ma i serbi hanno detto che avrebbero boicottato il voto.

La polizia ha detto che il blocco ha bloccato il traffico e costretto alla chiusura di due valichi di frontiera tra Kosovo e Serbia.

Successivamente, hanno affermato di essere stati uccisi in diverse località vicino a un lago al confine con la Serbia.

Non ci sono state segnalazioni immediate di feriti.

“Le unità di polizia, per legittima difesa, sono state costrette a rispondere con armi da fuoco ai criminali, che sono stati respinti e sono fuggiti in direzioni sconosciute”, ha affermato la polizia in un comunicato.

Spari sono stati uditi in altre località del nord del Paese.

READ  Un pilota americano aiuta a salvare la vita di una madre afgana, mentre inizia il travaglio durante un volo di evacuazione

La polizia di Pristina ha detto che l’ex poliziotto Dejan Pantic è stato arrestato per presunto attacco agli uffici della Commissione elettorale, agli agenti di polizia e ai funzionari elettorali martedì.

Tre agenti di polizia del Kosovo in uniforme si trovano in una strada
La polizia del Kosovo ha arrestato un serbo sospettato di aver partecipato a un attacco armato contro una pattuglia della polizia.(Reuters: Eugene Teofilovsky)

I sindaci serbi dei comuni del nord del Kosovo, insieme ai giudici locali e a circa 600 agenti di polizia, si sono dimessi il mese scorso per protestare contro la decisione del governo di sostituire le targhe automobilistiche di Belgrado con quelle di Pristina.

“La Serbia ha ordinato alle sue strutture illegali di erigere barricate nel nord del Kosovo. Belgrado ha la piena responsabilità di qualsiasi escalation”, ha dichiarato su Twitter il capo dello staff del Kosovo Blerim Vila.

In precedenza, la polizia del Kosovo aveva arrestato un altro serbo sospettato di aver partecipato a un attacco armato contro una pattuglia della polizia.