Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La navicella spaziale Dream Chaser di Sierra Space si prepara per un volo pre-lancio verso il Capo – Spaceflight Now

La navicella spaziale Dream Chaser di Sierra Space si prepara per un volo pre-lancio verso il Capo – Spaceflight Now
Lo spazioplano Dream Chaser di Sierra Space è mostrato all’interno di una camera di prova presso il Neil Armstrong Test Facility della NASA a Sandusky, Ohio. Immagine: Sierra Space

Sierra Space è un passo avanti nel vedere il suo spazioplano Dream Chaser raggiungere la rampa di lancio. La navicella spaziale ha completato i test ambientali presso il Neil Armstrong Test Facility della NASA a Sandusky, Ohio, la scorsa settimana.

La campagna di test è iniziata lo scorso gennaio, quando il veicolo è arrivato al centro per essere sottoposto a test di shock e vibrazioni lo scorso febbraio, durati circa cinque settimane.

Questo è stato seguito da un test del vuoto termico, in cui lo spazioplano denominato “Tenacity” e la sua estensione cargo Shooting Star sono stati esposti per più di un mese a una gamma di temperature, che vanno da -150 gradi Fahrenheit a 250 gradi Fahrenheit.

“Il completamento con successo di una campagna di test ambientali incredibilmente rigorosa in stretta collaborazione con la NASA è una pietra miliare importante e mette Dream Chaser sulla buona strada per le operazioni entro la fine dell’anno”, ha affermato in una nota il CEO di Sierra Space, Tom Weiss. “Questo è l’anno in cui passiamo da una rigorosa ricerca e sviluppo a regolari operazioni orbitali e, così facendo, cambiamo il modo in cui colleghiamo lo spazio alla Terra”.

Con la campagna finita, Sierra Space si sta ora preparando a caricare Dream Chaser e Shooting Star per la spedizione al Kennedy Space Center della NASA. Una volta arrivato allo Space Systems Processing Facility (SSPF), i team finiranno di aggiungere i pannelli di protezione termica ed eseguiranno ulteriori controlli, come i test acustici.

Sierra Space lavora da tempo verso questo obiettivo. È passato da una versione con equipaggio del veicolo a una versione cargo quando è stato selezionato come parte del contratto IDIQ (Indefinite-Delivery Indefinite Quantità) da 14 miliardi di dollari della NASA per Commercial Resupply Services 2 (CRS-2) nel 2016. Anche la loro scelta del contratto CRS originale fa parte di questo accordo.

READ  Una guida per proteggere i tuoi occhi

Nel marzo 2022, la NASA ha richiesto altre 12 missioni a Northrop Grumman e SpaceX, sei ciascuna, che verranno effettuate fino al 2026. Ciò porta il numero totale di missioni ordinate nell’ambito del CRS-2 al seguente:

  • 14-Northrop Grumman
  • 3 – Sierra Space (originariamente Sierra Nevada Corporation)
  • 15-SpaceX

Vulcaniano SERT-2

Lo spazioplano dovrebbe essere il carico utile per la seconda missione di certificazione della United Launch Alliance per il suo razzo Vulcan. Questa sarà la prima di sette missioni contrattualizzate che utilizzeranno il missile.

Se tutto andrà secondo i piani con Dream Chaser, il lancio dovrà fare i conti con una serie di elementi nel calendario della Stazione Spaziale Internazionale, tra cui quattro missioni previste per il lancio sui razzi SpaceX Falcon 9, il cui lancio è previsto nel corso del mese -Un lungo periodo di tempo è agosto per dare il cambio a Crew-8, e la NASA prevede entro ottobre la quarta missione di astronauti privati ​​attraverso Axiom Space.

Ci sono anche i lanci della 31a missione cargo di SpaceX (SpX-31) e della 21a missione cargo di Northrop Grumman (NG-21) nell’ambito del contratto CRS-2, che dovrebbero avvenire anch’essi nella seconda metà del 2024.

Sebbene ULA preveda che Tenacity diventi il ​​secondo carico utile di Vulcan, ciò potrebbe cambiare se dovessero sorgere problemi nel prossimo ciclo di test. In un post sui social media, il presidente e amministratore delegato dell’ULA Torey Bruno ha dichiarato: “Abbiamo un backup se hanno un problema”, ma per il resto ci aspettiamo che venga lanciato questo autunno.

L’ufficiale della difesa con cui ha parlato Novità sullo spazio L’uso di un simulatore di massa potrebbe essere una valida alternativa per ULA, ha detto, se Dream Chaser non raggiungesse i suoi attuali obiettivi di lancio per questo autunno.

READ  Appaiono prove dell'esistenza di galassie prive di materia oscura

La notizia arriva sulla scia di una lettera inviata venerdì ai presidenti sia della Lockheed Martin che della Boeing dal sottosegretario dell’Aeronautica Militare Frank Calvelli. Washington Post Rompi la storia.

La lettera affermava che Calvelli era “preoccupato” per la tempistica di sviluppo di Vulcan e “la capacità di ULA di aumentare la produzione ed estendere il raggio di lancio del suo razzo Vulcan per soddisfare le nostre esigenze”.

In un’intervista con Spaceflight Now a gennaio, Bruno ha affermato che la società stava facendo buoni progressi verso un tasso di lancio pianificato di 25 razzi all’anno, o circa un lancio ogni due settimane, entro “la seconda metà del 2025”. Ha preso atto del completamento del magazzino dei prodotti finiti della ULA vicino al suo stabilimento principale a Decatur, in Alabama, e ha parlato dell’arrivo di una seconda chiatta per il trasporto di componenti missilistici (ufficialmente svelare la settimana scorsa).

Alcuni dei loro fornitori, come L3Harris, che fornisce avionica, e Northrop Grumman, che produce motori a razzo a propellente solido, stanno espandendo le loro linee di produzione per aumentare la capacità, ha detto Bruno.

Il primo razzo Vulcan, alimentato da due motori Blue Origin BE-4, decolla da SLC-41 presso la stazione spaziale di Cape Canaveral l’8 gennaio 2024. Foto: Adam Bernstein/Spaceflight Now

Anche lo spazio della fabbrica di Blue Origin a Huntsville, in Alabama, è stato raddoppiato per aumentare la produzione dei suoi motori BE-4, che alimentano lo stadio booster di Vulcan, ha detto in quell’intervista, e di nuovo durante una conferenza stampa a marzo. Poiché Blue Origin era in ritardo rispetto agli altri fornitori in termini di sviluppo, ULA non è riuscita a passare completamente a un modello completo di “lavoro futuro” per raggiungere il tasso di lancio bisettimanale fino alla seconda metà del 2025, ha affermato Bruno.

READ  Alimenti ultra-lavorati legati a malattie cardiache, cancro del colon-retto e morte prematura

“Non saremo davvero nel piano di costruzione anticipato quest’anno e nella parte anteriore del prossimo anno con Blue Origin finché non faranno il loro passo e raggiungeranno il tasso di produzione che stiamo cercando”, ha detto Bruno a marzo. . “Poi si riprenderanno e costruiranno l’inventario, come tutti gli altri.”

In Note scritte Dopo la presentazione alla sottocommissione per le forze strategiche della Camera, Calvelli ha sottolineato l’importanza del completamento del Cert-2 come evento chiave che apre le porte alle missioni di sicurezza nazionale. Secondo lo Space Systems Command (SSC) degli Stati Uniti, ULA si è assicurata il 60% di tutte le missioni di Fase 2 del National Security Space Launch (NSSL), per un valore di 3,12 miliardi di dollari.

“Il mancato completamento del volo di Certificazione II ritarderà quest’anno il lancio di carichi utili per la sicurezza nazionale, tra cui GPS III-7, USSF-106 e USSF-87”, ha scritto Calvelli. “Parallelamente, Blue Origin deve espandere la propria produzione di motori BE-4. Stiamo monitorando se queste due società possono espandersi per soddisfare le nostre esigenze.

Secondo SSC, la USSF-106, descritta come una “missione su più fronti”, dovrebbe essere la prima missione NSSL di Vulcano. Trasporterà il carico utile del satellite Navigation Technology 3 e un altro carico utile non annunciato per la US Space Force.