Febbraio 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La NASA sta valutando l’utilizzo di SpaceX per salvare gli astronauti dopo la fuga dalla stazione spaziale russa

Il 15 dicembre, la NASA e i suoi astronauti si sono trovati di fronte a una situazione spaventosa quando A.J La navicella spaziale russa Soyuz ha attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale, provocando una perdita di refrigerante, poco prima dell’inizio di una passeggiata spaziale di una coppia di cosmonauti russi. L’equipaggio a bordo è al sicuro e non in pericolo immediato, ma due astronauti e un cosmonauta della NASA avrebbero dovuto utilizzare la navicella Soyuz per tornare sulla Terra all’inizio del prossimo anno. Con la navicella spaziale nel limbo, la NASA e Roscosmos, l’agenzia spaziale russa, stanno cercando di capire le loro opzioni su come procedere.

A tal fine, la NASA sta prendendo in considerazione un piano di emergenza: utilizzare la missione SpaceX Crew Dragon per salvare efficacemente gli astronauti bloccati nei prossimi mesi.

“I team della Stazione Spaziale Internazionale continuano a incontrarsi per quanto riguarda la perdita del circuito di raffreddamento esterno della Soyuz MS-22”, ha detto un portavoce della NASA a The Daily Beast in una dichiarazione via e-mail. La NASA e Roscosmos continueranno a esaminare insieme le opzioni prima di prendere una decisione finale su come riportare a casa in sicurezza l’equipaggio. L’equipaggio dell’Expedition 68 è ancora in buona forma, svolge lavori di manutenzione e ricerca.

“Inoltre, abbiamo posto a SpaceX alcune domande sulla loro capacità di riportare altri membri dell’equipaggio su Dragon, se necessario, ma questo non è il nostro obiettivo principale in questo momento”.

SpaceX non ha risposto alle richieste di commento di The Daily Beast.

Non è ancora chiaro cosa comporterà esattamente la missione SpaceX. La navicella spaziale Crew Dragon (chiamata Endeavor) è già attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale, e in teoria potrebbero essere aggiunti più posti a quella missione quando dovrebbe tornare sulla Terra il prossimo anno. Ma questa missione è in realtà piena di quattro persone: gli astronauti della NASA Nicole Mann e Josh Kasada, l’astronauta giapponese Koichi Wakata e l’astronauta di Roscosmos Anna Kikina.

READ  Proteina scoperta di recente collegata a un aumento significativo del rischio di Alzheimer

Un’altra opzione è che la NASA dia la priorità al lancio del nuovo SpaceX Crew Dragon sulla Stazione Spaziale Internazionale specificamente per raccogliere i tre membri dell’equipaggio che avrebbero dovuto tornare sulla Soyuz: l’astronauta della NASA Frank Rubio, i cosmonauti russi Sergey Prokopyev e Dmitry Petlin.

La perdita di refrigerante significa che l’attuale capsula Soyuz sta subendo significativi aumenti di temperatura. La NASA ha affermato che le temperature della capsula rimangono “entro limiti accettabili” ed è raffreddata da un flusso d’aria ventilato consentito dal portello aperto al resto della Stazione Spaziale Internazionale. Ma sembra quasi impossibile immaginare che la capsula possa essere utilizzata per riportare gli esseri umani sulla Terra.

La causa della perdita di Soyuz è ancora sconosciuta. L’indagine ha rilevato un foro all’esterno del dispositivo di raffreddamento, che potrebbe essere stato causato da un micrometeorite o da un piccolo pezzo di detriti orbitali. Potrebbe anche essere causato da un malfunzionamento dell’hardware, che porterà solo a ulteriori controlli I crescenti errori spaziali di Roscosmos.