Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La NASA sta procedendo con il dispiegamento del telescopio spaziale Sunscreen Webb

Gli ingegneri attivano un file Telescopio spaziale James Webb Affina il suo sistema di alimentazione elettrica per gestire meglio l’ambiente spaziale reale e raffreddare i motori leggermente più caldi del previsto prima di andare avanti lunedì con il dispiegamento finale del tettuccio solare critico dell’osservatorio.

Stringere i cinque strati sottilissimi del tettuccio parasole, tirandoli con cura con cavi motorizzati che passano attraverso più rulli, richiederà probabilmente tre giorni per essere completato, ha affermato Bill Ochs, project manager della NASA. Ma lunedì sera, tre dei cinque strati erano stati messi in forma, con gli ultimi due in attesa di essere rafforzati martedì.

il baldacchino disteso È stato a lungo considerato uno dei Web Gli ostacoli più impegnativi, ma “Non mi aspetto alcun dramma”, ha detto Ochs.

parasole2.jpg
Un parasole a cinque strati per il telescopio spaziale James Webb, visto durante i test presso l’impianto di lavorazione di Northrop Grumman a Redondo Beach, in California.

NASA


“Dico sempre alle persone che la cosa migliore per le operazioni è la noia”, ha detto. “E questo è quello che ci aspettiamo per i prossimi tre giorni. Penso che tutti possiamo tirare un sospiro di sollievo una volta raggiunto il quinto livello di stress. Ma non mi aspetto il dramma”.

web, e La sonda scientifica più costosa Mai, è stato Lanciato Con grande clamore in cima al razzo Ariane 5 dell’Agenzia spaziale europea il giorno di Natale, diretto in orbita intorno al sole a un milione di miglia dalla Terra.

Progettato per catturare la luce infrarossa dalle prime stelle e galassie che si sono formate all’indomani del Big Bang, Webb è molto complesso. Ma a parte i lievi problemi di crescita comuni a tutti i nuovi veicoli spaziali, Ochs ha affermato che l’osservatorio da $ 10 miliardi si sta muovendo attraverso la sua attivazione iniziale proprio come previsto.

“Stiamo ancora imparando a conoscerti usando il telescopio”, ha detto ai giornalisti in una teleconferenza al mattino. “Tutti i satelliti saranno sempre leggermente diversi in orbita da quelli che sono sulla Terra, e ci vuole tempo per conoscerlo e comprenderne le caratteristiche.

“Questo è molto di quello che abbiamo fatto nell’ultima settimana, inoltre stiamo ancora facendo ottimi progressi nel programma di messa in servizio”.

L’array solare del telescopio è stato dispiegato come pianificato pochi istanti dopo l’arrivo nello spazio, sono stati eseguiti due fulmini per la correzione della traiettoria, un’antenna ad alto guadagno non era tesa e puntata verso la Terra e due piattaforme che sostenevano le membrane del baldacchino del sole sono state ruotate in posizione.

Una torre estensibile ha sollevato lo specchio primario e la strumentazione di Webb di quattro piedi sopra il tettuccio parasole ancora piegato, fornendo ulteriore spazio e isolamento dal calore generato dall’elettronica della navicella. Quindi è stato dispiegato un “flap di slancio” per contrastare le leggere forze trasmesse dal vento solare.

Dopo aver tolto di mezzo le coperture protettive, sono apparsi due bracci sovrapposti Esteso dalle piattaforme del tettuccio parasole Alla vigilia di Capodanno, le membrane di Kapton si sono ritirate nella loro forma simile a un aquilone.

“Chiaramente, stratificare la tensione è il prossimo grande passo che stiamo attraversando”, ha detto Ochs. “Quando avremo finito la tensione per tutte e cinque le classi, avremo ritirato da qualche parte tra il 70 e il 75% dei 344 punti di fallimento individuali discussi prima dell’assegnazione”.

Si riferiva al numero di macchine e meccanismi non ridondanti necessari per innumerevoli implementazioni Webb che non dispongono di backup se qualcosa va storto. Tutti dovrebbero semplicemente funzionare.

artista dell'impressione  jpg
È stata pubblicata un’immagine artistica del telescopio Webb con le sue ombre solari e il suo intero sistema ottico.

NASA


È necessario un parasole per bloccare il calore del sole, e lo specchio primario e gli strumenti di Webb, larghi 21,3 piedi, si sono raffreddati fino a quasi meno 400 gradi, abbastanza da registrare la debole luce infrarossa delle prime stelle e galassie per illuminarsi dopo il Vivido grande.

Per ottenere le temperature estremamente basse richieste, ogni strato deve essere teso da cavi motorizzati che passano attraverso più rulli, un processo che solleva e separa anche i film per consentire la dissipazione dei vacuoli di calore.

Quella tensione finale è stata rinviata durante il fine settimana per dare agli ingegneri del tempo libero dopo un’intensa prima settimana di attività di implementazione e quindi per valutare le prestazioni dell’array solare a cinque pannelli di Webb e del suo sistema di batterie.

Come si è scoperto, le impostazioni di fabbrica che regolano l’uscita del pannello solare dovevano essere regolate per tenere conto delle temperature effettive che Webb ha sperimentato nello spazio. Allo stesso tempo, il telescopio è stato leggermente riorientato per raffreddare i sei motori necessari per stringere gli strati del parasole.

“Tutto va bene e funziona bene ora”, ha affermato Amy Lo, ingegnere di sistemi Webb con il principale appaltatore Northrop Grumman. “L’osservatorio non è mai stato in pericolo e non abbiamo mai veramente avuto bisogno della potenza… il riequilibrio della matrice ci dà un bel po’ di margine (contro) il previsto aumento di potenza di cui avremo bisogno in futuro”.

Per quanto riguarda i motori, Lo ha detto che non erano mai fuori limite, solo un po’ più caldi dell’ideale. E giocando sul sicuro, Webb è stato reindirizzato domenica per migliorare il raffreddamento e “ora abbiamo un grande margine sulla nostra temperatura”.

READ  Gli astronomi hanno rilevato per la prima volta la luce da dietro un buco nero, dimostrando ancora una volta che Einstein aveva ragione