Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Milk Tea Alliance ha ora un’emoji per Twitter. Ecco come è stato lanciato il movimento di solidarietà

A Taipei, si tratta di bubble tea. A Yangon viene servito caldo. Non importa come sia preparato, questi posti hanno un debole per il tè al latte.

Il fascino della bevanda asiatica l’ha vista trasformarsi in un’espressione online di solidarietà contro i regimi autoritari, sotto l’hashtag #MilkTeaAlliance.

L’hashtag è stato utilizzato 11 milioni di volte nell’ultimo anno e nel primo anniversario del suo debutto su Twitter, la piattaforma di social media gli ha regalato un’emoji.

L’emoji è una tazza bianca e una cannuccia su uno sfondo tricolore, che riflette le tonalità del tè regionali.

Inizialmente, tuttavia, l’alleanza era tra Taiwan, Hong Kong e Thailandia Dopo un colpo di stato militare a febbraioIl Myanmar è diventato il nuovo reclutatore.

Caricamento in corso

Alcuni utenti di Twitter includono anche India e Malesia nell’alleanza.

È l’ultimo movimento di protesta ad avere un’emoji su Twitter: la piattaforma di social media ha anche pubblicato emoji per movimenti sociali tra cui #MeToo e #BlackLivesMatter.

“In tempi di disordini civili o repressione violenta, è più importante che mai per il pubblico avere accesso a #OpenInternet per aggiornamenti in tempo reale, informazioni affidabili e servizi essenziali”, ha detto Twitter mentre rilasciava l’emoji.

“Non importa in quale parte del mondo ti trovi, bevi una buona tazza [tea] Partecipa alla conversazione per mostrare il tuo amore e il tuo sostegno per #MilkTeaAlliance. “

Alcuni netizen in Cina, dove Twitter è stato bloccato, non hanno accettato i nuovi emoji di quello che si chiamava il movimento “anti-Cina”.

Un utente di Weibo ha scritto: “Taiwan dovrebbe esserne il cervello”.

Come il dramma su Twitter è diventato un movimento

L’hashtag che è diventato un simbolo di solidarietà a favore della democrazia è iniziato in modo improbabile.

Non è iniziato con gli attivisti, ma con gli attori.

Caricamento in corso

L’attore thailandese Vacherawit Chivari, noto ai suoi fan come “Bright”, ha condiviso un tweet su un orizzonte di Hong Kong che si riferiva al territorio come a un paese.

Ciò ha scatenato una reazione online da parte dei nazionalisti cinesi, che hanno iniziato a rivelare i post sui social media della sua ragazza, la modella thailandese Wiraya Sukaram, nota anche come Nnevvy.

Caricamento in corso

Aveva pubblicato un post in cui criticava la gestione dell’epidemia da parte della Cina e aveva fatto un commento che sembrava riconoscere l’indipendenza di Taiwan dalla Cina.

Questo è un punto dolente per Pechino – Vedi Taiwan come il suo territorio Nell’ambito della politica della Cina una, ha sostenuto una nuova legge globale che invade la sovranità di Hong Kong come questione interna.

Bright in seguito si è scusato con i suoi fan cinesi, ma la partita si è accesa e l’hashtag è nato.

Taiwan e Hong Kong combattono la tirannia

Quella che era iniziata come una reazione degli utenti di Internet al controllo del Partito Comunista Cinese si è espansa fino a includere movimenti pro-democrazia contro l’oppressione e l’autoritarismo in tutta l’Asia.

Max Mock posa per un ritratto a Brisbane.
Max Mok è fuggito da Hong Kong dopo aver partecipato alle proteste per la democrazia del 2019.(

Corrispondente estero: Glenn Hunt

)

Anche se #MilkTeaAlliance è arrivata un anno dopo Le proteste del 2019 che hanno scosso Hong KongQueste proteste hanno contribuito a plasmare il movimento online, secondo Chris Wong, un residente di Hong Kong che vive a Brisbane.

“[I’m] Ne sono un po ‘orgoglioso, per il modo in cui la gente di Hong Kong ha ispirato altri paesi durante il nostro movimento democratico “.

“La lotta per la democrazia e contro l’autoritarismo è un messaggio molto importante per il mondo”.

Risuona anche con l’australiano-taiwanese Kevin Cheng.

“In quanto persona di origine taiwanese che crede fermamente nell’indipendenza di Taiwan, è naturale per me unirmi al movimento”, ha detto.

Per Max Mook, fuggito in Australia dopo aver partecipato al movimento di protesta di Hong Kong, #MilkTeaAlliance è una forma di supporto emotivo, in cui le comunità della diaspora possono scambiarsi informazioni e stringere amicizie oltre i confini.

“[For] Un movimento così diversificato come Milk Tea Alliance, non abbiamo davvero l’unico requisito per cui pagare. ”

“Chiediamo tutti i diritti umani e la democrazia e combattiamo tutti nelle nostre case”, ha detto.

Una protesta contro il governo militare in Thailandia e Myanmar

La Milk Tea Alliance ha guadagnato slancio in tutta la Thailandia Proteste studentesche contro la monarchia e il governo nel 2020.

L’uso dell’hashtag è cresciuto di nuovo nel febbraio di quest’anno dopo che l’esercito del Myanmar ha preso il potere e Una repressione mortale lanciata sui manifestanti.

Tre donne che indossano maschere siedono sul ciglio della strada, guardando i loro telefoni
I social media sono ampiamente utilizzati in Myanmar, rendendo l’attivismo digitale un fronte importante nelle proteste contro il colpo di stato.(

Reuters

)

Ki Fu Mu Hittit, uno studente del Myanmar che vive in Australia, ha affermato che l’attivismo digitale ha un potere reale, e questo è stato evidente dal fatto che l’esercito del Myanmar ha interrotto l’accesso a Internet e ai social media dopo il colpo di stato.

“Scollegare l’intero canale di comunicazione significa assicurarsi che questo cambiamento non avvenga rapidamente”.

Kyi Phyu Moe Htet indossa una tradizionale gonna blu birmana senza sorriso davanti alla finestra.
Kyi Phyu Moe Htet afferma che i militari stanno chiudendo Internet e sparando contro i manifestanti in Myanmar.(

Notizie ABC: Irene Handley

)

Ha aggiunto che la situazione in Thailandia è diversa dalla situazione in Myanmar, dove l’esercito conduce raid notturni e ha pubblicamente avvertito che spareranno ai manifestanti alla testa.

Ha detto che il movimento ha anche espresso preoccupazione per “il crescente potere egemonico della Cina” nel sud-est asiatico, aggiungendo che c’è anche molto sentimento anti-cinese in Myanmar.

Con così tanti importanti leader thailandesi imprigionati e nuovi casi di COVID-19 in aumento in Thailandia, il movimento di protesta è dovuto tornare su Internet, ha detto Kanyat Kalfjiannis, un attivista thailandese con sede in Australia.

“La gente non può fare nulla e non possiamo organizzare un’altra protesta”, ha detto.

“Quello che possiamo fare è il movimento online. Siamo stati costretti a tornare di nuovo al movimento online”.

Nota che l’attivismo online si è tradotto in proteste sul campo in Australia, con gruppi che esprimono solidarietà con Hong Kong, Thailandia, Myanmar e gli uiguri, una minoranza musulmana in Cina.

Ha detto che le comunità stanno facendo pressioni sul governo australiano per approvare una legge simile al Magnitsky Act, che applicherebbe sanzioni mirate contro gli autori di gravi violazioni dei diritti umani, come funzionari governativi o militari in Cina, Thailandia o Myanmar.

“Dobbiamo essere più attivi della semplice pubblicazione online o organizzazione di webinar, sai.”

Movimento globale, realtà locali

Oltre all’hashtag, i movimenti pro-democrazia hanno condiviso altri simboli e strategie – dagli attivisti di Hong Kong che offrono consigli sugli occhiali e si occupano dei gas lacrimogeni, ai giovani birmani che adottano il saluto tridattilo dalla Thailandia – un gesto ispirato alla miserabile Fame Serie di giochi.

Attivisti pro-democrazia salutano con tre dita durante una manifestazione a un incrocio di cassette nella periferia di Bangkok.
Alcuni utenti di Twitter hanno chiesto che il saluto di Hunger Games diventasse la prossima emoji.(

AP: Sakshay Lalit

)

Aim Sinpeng, un esperto di social media e politica thailandesi, ha affermato che gli hashtag e gli emoji sono un modo divertente per aumentare la consapevolezza sui problemi di geopolitica e repressione.

“È solo un modo interessante, coinvolgente e facilmente condiviso per pensare a qualcosa di positivo – che è il tè al latte – e sostenersi a vicenda, almeno approssimativamente, nei loro sforzi per opporsi a quelli che pensano siano governi autoritari”, ha detto.

Ha detto che sebbene il Quartetto condivida una posizione comune contro l’autoritarismo, si traduce in modo diverso in ogni contesto: per Hong Kong e Taiwan, si tratta della Cina. In Thailandia e Myanmar si tratta più della monarchia e dell’esercito.

Ha detto: “È un significato diverso, ma è lo stesso spirito”.

“Ma se vuoi davvero capire quali sono le lotte, la Milk Tea Alliance non arriva davvero al nocciolo delle loro lamentele”.

Il dottor Sinpeng ha aggiunto che il movimento digitale è andato oltre il “clicktivism”.

“Questa volta sui social media è molto importante”, ha detto.

Agenti di polizia sparano gas lacrimogeni durante una manifestazione contro la proposta di legge sull'estradizione di Hong Kong.
Le proteste sono scoppiate a Hong Kong nel 2019 per un controverso disegno di legge di estradizione con la Cina continentale.

Adam K. Dedman, dottorando in studi culturali e taiwanesi presso l’Università di Melbourne Ho scritto di questo fenomeno in un articolo intitolato The Digital Deconstruction of Asian Autocracy.

Ha detto che la vasta rete di persone che la pensano allo stesso modo in Asia “stanno combattendo contro l’autoritarismo nei loro paesi perché credono che un sistema democratico, sebbene non perfetto, garantirà loro più diritti e avrà voce in capitolo su come e chi li governa. “

“È chiaro che alla fine i cittadini di ogni paese dovranno combattere la propria battaglia interna contro il governo autoritario”, ha detto.

“La #MilkTeaAlliance non può farlo per loro, ma insegna loro che non sono soli e che il loro conflitto risuona con le persone in tutta l’Asia”.

READ  Il leader dell'opposizione russa imprigionato Alexei Navalny sarà ricoverato in ospedale