Maggio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Meloni guida i titani dell’economia italiana nel rinnovamento della leadership

La Meloni guida i titani dell’economia italiana nel rinnovamento della leadership

(Bloomberg) — Il primo ministro Giorgia Meloni ha esteso un rinnovamento dell’élite economica e imprenditoriale italiana mentre il suo governo ha riconfermato o sostituito i leader di alcune delle più grandi società controllate dallo stato.

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

distribuzione

Delle tre posizioni più importanti della società annunciate mercoledì, rimane solo l’amministratore delegato del gigante petrolifero Eni Spa, con Claudio Descalzi che mantiene la sua posizione.

In concessione al leader della Lega Matteo Salvini e ad altri partiti della coalizione che lavorano per risolvere le tensioni di governo, Flavio Cattaneo guiderà la società energetica Enel SpA, ponendo fine al mandato triennale di Francesco Starace.

Roberto Cingolani, ministro nel precedente governo di Mario Draghi, sostituirà Alessandro Profumo alla società di difesa Leonardo Spa.

Le nomine, che durano ciascuna tre anni, rappresentano il più grande passo finora compiuto per rimodellare la leadership imprenditoriale italiana a immagine della coalizione di Meloni in una fase successiva, con diverse selezioni che avvengono contemporaneamente.

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

Ciò offre un’opportunità unica per l’alleanza di lasciare il segno nelle questioni economiche quando le regole fiscali dell’UE limitano lo spazio di manovra nelle finanze pubbliche e i tassi di interesse sono fissati a Francoforte per l’eurozona nel suo insieme.

Eni ed Enel da sole hanno una capitalizzazione di mercato associata di circa 110 miliardi di euro (120 miliardi di dollari) e costituiscono quasi il 20% della capitalizzazione dell’indice milanese di riferimento FTSE MIB.

READ  StartUp porta un carrello espresso europeo nelle strade di St. Pete • St. Pete Catalyst

La questione di chi guida le aziende strategiche che vanno dall’energia alla difesa ha assunto un’importanza ancora maggiore sullo sfondo del rapido riallineamento delle priorità nelle forniture di gas e nel riarmo militare mentre la guerra infuria nel continente europeo.

Tuttavia, i partner di coalizione della Meloni non si sono lasciati distrarre da queste considerazioni dal rivendicare la loro quota di nomine.

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

Il primo ministro avrebbe voluto che Stefano Donnarumma diventasse amministratore delegato di Enel, ma ha fatto perno per mantenere i suoi alleati a bordo e lasciarli passare anche da Paolo Scaroni come capo dell’azienda.

Scaroni attualmente occupa questo incarico nel Milan ed è considerato vicino al partito di Forza Italia di Silvio Berlusconi. È un ex amministratore delegato di Eni, dove ha lavorato per approfondire i legami con la russa Gazprom.

Enel svolge un ruolo importante nel plasmare le politiche energetiche e gli obiettivi di transizione verde dell’Italia, soprattutto dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha aumentato il bisogno di indipendenza energetica.

Lo stesso vale per Eni, il cui presidente Descalzi ha contribuito a liberare l’Italia dalla dipendenza dal gas russo. Ora, al suo quarto mandato, guida uno dei più grandi produttori di petrolio in Europa, che è attivo in 69 paesi ed è la principale compagnia di questo tipo nel continente africano.

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

Il processo di selezione del lavoro per le imprese governative segna quest’anno il secondo round di importanti nomine economiche dopo il rinnovo del personale dei funzionari a gennaio.

READ  Roma seleziona consulenti per facilitare la vendita ITA italiana

Veterano dell’industria finanziaria londinese, Riccardo Barbieri è stato promosso alla direzione della tesoreria, ruolo cardine nella politica economica e nella gestione degli enti statali. Draghi una volta ricopriva questa posizione di direttore generale.

L’ultimo passo arriverà in autunno, quando scadrà il mandato non rinnovabile di Ignazio Fiesco alla carica di Governatore della Banca d’Italia. La coalizione di Meloni dovrà trovare un nuovo volto, visto che chi otterrà l’incarico diventerà membro del consiglio direttivo della Bce.

Mentre l’indipendenza della banca centrale è garantita dal trattato, è probabile che il governo cerchi di scegliere qualcuno vicino alle sue opinioni. Meloni ha criticato pubblicamente l’aumento dei tassi di interesse della BCE, affermando che è stato troppo rapido e ha rischiato di danneggiare l’economia.

– Con l’assistenza di Flavia Rotondi e Tommaso Ibhart.