Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Meloni è oggetto di aspre critiche mentre la ripresa economica italiana vacilla

La Meloni è oggetto di aspre critiche mentre la ripresa economica italiana vacilla

Giorgia Meloni la scorsa settimana era soddisfatta che le previsioni del Fondo monetario internazionale mostrassero che l’Italia sarebbe cresciuta più velocemente di Germania e Francia quest’anno – qualcosa che secondo lei era la prova dell’”efficacia” delle politiche economiche del suo governo di coalizione di destra.

Ma lunedì il Primo Ministro italiano ha ricevuto un duro shock, dopo che i dati hanno mostrato che la ripresa economica del Paese dopo la pandemia del virus Corona ha perso molto più slancio del previsto.

L’economia italiana si è contratta dello 0,3% nel secondo trimestre del 2023, superando di gran lunga le aspettative di crescita zero della maggior parte degli analisti. Nel frattempo, l’Eurozona nel suo complesso ha registrato un’espansione dello 0,3%.

Questa lettura desolante evidenzia le sfide che il governo Meloni deve affrontare, che sta attuando un drammatico giro di vite sugli alti prezzi al consumo, nel tentativo di mantenere la crescita sulla buona strada e di porre il pesante debito italiano su una base più sostenibile.

“È una brutta sorpresa per la Meloni”, ha detto Francesco Galletti, fondatore della società di consulenza sul rischio politico Policy Sonar con sede a Roma. “Era così concentrata sull’inflazione che probabilmente non si aspettava che la crescita perdesse slancio così rapidamente”.

Il governo di coalizione della Meloni sta già affrontando una crescente reazione politica mentre inizia a eliminare gradualmente il controverso programma di riduzione della povertà “Reddito di cittadinanza” lanciato dal populista Movimento Cinque Stelle nel 2019.

Roma ha deciso di imporre criteri di ammissibilità più severi tra le lamentele dei datori di lavoro secondo cui il programma, di cui hanno beneficiato circa 1,7 milioni di famiglie l’anno scorso, ha scoraggiato gli italiani dall’accettare posti di lavoro e ha creato una carenza artificiale di manodopera.

READ  Azienda italiana crea 400 posti di lavoro con una nuova cartiera nell'ex sito RAF Sealand

Nei giorni scorsi, circa 160.000 persone considerate dal governo abili al lavoro e occupabili hanno ricevuto messaggi di testo che informavano che i loro benefici sarebbero stati tagliati, provocando proteste a Napoli e altrove.

I partiti di opposizione affermano che il dato sulla crescita solleva seri interrogativi sulla direzione economica dell’Italia.

Ubaldo Pagano, deputato del Partito Democratico all’opposizione, ha dichiarato in una nota: “Non si tratta del rallentamento economico o della sfortuna, ma piuttosto dei risultati della palese incapacità di questo governo di gestire le operazioni economiche e incoraggiare gli investimenti”.

Il Ministero delle Finanze italiano ha attribuito la recessione a fattori globali fuori dal controllo di Roma, compresi i ripetuti aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea – che sono stati fortemente criticati da diversi membri del governo Meloni.

Il Ministero afferma nella sua nota: “I risultati sono stati particolarmente influenzati dal declino del ciclo industriale globale, dall’aumento dei tassi di interesse e dall’impatto della prolungata fase di aumento dei prezzi sul potere d’acquisto delle famiglie”.

Filippo Taddei, capo economista europeo presso Goldman Sachs, ha affermato che i deludenti numeri sulla crescita dell’Italia sono parte di un malessere più ampio che colpisce il settore manifatturiero europeo, compreso in Germania – che ha visto una crescita stagnante negli ultimi trimestri – e in Austria, dove l’industria orientata all’export è in difficoltà. lottando contro la debole domanda globale.

“[The Italian figure] “La lettura iniziale della crescita del settore manifatturiero è stata una sorpresa negativa e inferiore alle nostre aspettative, ma i dati indicano chiaramente che il settore manifatturiero sta affrontando una debolezza prolungata”, ha detto Taddi.

READ  LIVE: niente panico, lascia i bambini a casa: CM Mamata Banerjee sull'adenovirus

Ciò riflette anche le circostanze specifiche dell’Italia, in particolare la decisione del governo Meloni di sospendere il controverso programma del “grande bonus”.

Il programma, che offriva agli italiani un credito d’imposta del 110% per aver apportato miglioramenti domestici che promuovano l’efficienza energetica, ha portato a un boom edilizio post-pandemia poiché le persone realizzano costose migliorie domestiche a spese pubbliche.

Roma ha annunciato importanti modifiche al piano a febbraio. L’attività edilizia italiana a maggio è scesa del 3,8% rispetto ai livelli del primo trimestre.

“È stato fiscalmente prudente da parte del governo Meloni frenare il programma di bonus lo scorso febbraio”, ha affermato Taddei “La transizione non è facile ma è stata ben accolta dagli operatori di mercato e questo è comprensibile”.

Angelica Donati, capo dell’ala giovanile dell’Associazione nazionale delle imprese edili italiane, ha affermato che il programma Superbonus ha accelerato la crescita del PIL ed “era impossibile che il fatto che avesse smesso di funzionare non avesse un impatto negativo sull’economia”.

Nel frattempo, i progressi negli investimenti finanziati dal piano di ripresa Covid-19 dell’Italia da 191,5 miliardi di euro, finanziato dall’UE, sono stati molto più lenti del previsto. “È stata la tempesta perfetta”, ha detto Donati.

Gli analisti si aspettano ancora che l’economia italiana riprenda slancio, consentendo al Paese di raggiungere l’obiettivo di crescita del PIL dell’1% fissato dal Ministero delle Finanze per il 2023.

Anche se il settore delle costruzioni potrebbe rimanere debole a causa dell’impatto dell’eliminazione del Superbonus, Taddei ha affermato che la performance dei costruttori “migliorerà”.

Tuttavia, all’inizio del terzo trimestre non si sono registrati segnali di miglioramento per i produttori italiani. L’indagine mensile di Standard & Poor’s Global sui responsabili degli acquisti ha rilevato che “la produzione e i nuovi ordini sono diminuiti a tassi storicamente elevati” a luglio, stimando che la produzione sia diminuita maggiormente dallo scoppio della pandemia più di tre anni fa.

READ  Notizie economiche | L'epilogo del grande cinema italiano a Mumbai

“Il rallentamento della domanda globale, le condizioni creditizie restrittive e l’impatto dell’inasprimento della politica monetaria continueranno a svolgere un ruolo [manufacturing sector] L’economista Loredana Maria Federico della banca italiana UniCredit ha affermato che “l’economia globale è molto debole”, sebbene sia fiduciosa che il turismo aiuterà la ripresa della crescita.

Lorenzo Codogno, ex alto funzionario del Tesoro italiano, ha affermato di aspettarsi che le famiglie aumenteranno la spesa man mano che l’inflazione diminuirà. L’avanzamento del programma Next Generation dell’UE sosterrà anche la crescita.

“L’economia si sta chiaramente indebolendo a causa dell’inasprimento delle condizioni monetarie da parte della Banca Centrale Europea, ma non nella misura in cui giustificherebbe una recessione. Ci sono molti stimoli in cantiere”, ha detto.

Report aggiuntivi di Martin Arnold a Francoforte e Giuliana Ricozzi a Roma