Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Germania porta l’Italia alla Corte internazionale di giustizia per le richieste di risarcimento naziste

La Germania ha intentato una causa contro l’Italia presso la più alta corte delle Nazioni Unite sostenendo che Roma continua a consentire alle vittime dei crimini di guerra nazisti di chiedere un risarcimento allo stato tedesco, anche dopo una precedente sentenza secondo cui tali accuse violano il diritto internazionale.

La domanda della Germania alla Corte di giustizia, che è stata pubblicata sul sito web della corte venerdì ora locale, affermava che l’Italia aveva consentito che le richieste di risarcimento fossero presentate ai tribunali nazionali nonostante una sentenza della Corte di giustizia del 2012 affermava che ciò violava il diritto all’immunità di Berlino ai sensi del diritto internazionale.

Berlino ha affermato che dalla sentenza del 2012, in Italia sono state presentate più di 25 nuove richieste di risarcimento per danni causati dai crimini nazisti durante la seconda guerra mondiale.

In molti di questi casi, i tribunali hanno condannato la Germania al risarcimento dei danni.

Per soddisfare le accuse in due casi, i tribunali italiani stanno cercando di confiscare proprietà a Roma di proprietà dello Stato tedesco.

Grande simbolo dorato con due cerchi inscritti accanto alla Corte Internazionale di Giustizia scritti in lettere maiuscole
La Corte internazionale di giustizia di solito impiega anni per decidere i casi.(Getty Images: Abdullah Oseiran/Agenzia Anadolu)

La Germania ha affermato di aver portato il caso alla Corte internazionale di giustizia ora perché un tribunale italiano ha affermato che deciderà entro il 25 maggio se forzare la vendita degli edifici, alcuni dei quali ospitano istituzioni culturali, archeologiche, storiche e educative tedesche.

Berlino ha chiesto al tribunale di adottare le cosiddette misure provvisorie per garantire che l’Italia non metta all’asta la proprietà mentre è allo studio il suo caso più ampio sulle richieste di risarcimento.

Non è stata fissata una data per l’udienza dei provvedimenti provvisori, ma è prevista un’udienza nelle prossime settimane.

La controversia sulle richieste di risarcimento della seconda guerra mondiale iniziò nel 2008, quando la più alta corte italiana stabilì che la Germania avrebbe dovuto pagare circa 1 milione di euro (1,49 milioni di dollari) alle famiglie di nove persone uccise dall’esercito tedesco a Civitella, in Toscana, nel 1944.

Sono seguite numerose richieste di risarcimento simili.

La Germania ha affermato di aver già compensato le lamentele della seconda guerra mondiale in ampi trattati di pace e riparazione con i paesi colpiti, pagando miliardi di euro dalla fine della guerra con la sconfitta del regime nazista nel 1945.

Reuters

READ  Biden, Bolsonaro e Xi tra i leader concordano un accordo per porre fine alla deforestazione | poliziotto 26