Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Ferrari promette veicoli elettrici “ancora più unici” delle auto

Il logo di un cavallo danzante Ferrari SpA è presente sul cerchione di una supercar in una mostra unica al Museo Ferrari di Maranello, in Italia, giovedì 15 ottobre 2015.

Marco Collina | Bloomberg | Getty Images

La casa automobilistica di lusso ha detto agli investitori giovedì che i modelli elettrici e ibridi rappresenteranno l’80% delle vendite della Ferrari entro il 2030 e si è impegnata a produrre auto “più premium” in quanto renderà il costoso passaggio alla guida a emissioni zero.

“Riteniamo di poter utilizzare il motore elettrico per migliorare le prestazioni delle nostre auto”, ha detto giovedì il CEO Benedetto Vigna quando ha svelato il nuovo piano industriale tanto atteso dell’azienda.

Come altri produttori di auto sportive, la sfida di Ferrari va oltre l’enorme investimento di capitale necessario per sviluppare modelli elettrici in grado di eguagliare le elevate prestazioni dei loro predecessori a combustibili fossili: le batterie delle auto elettriche di oggi non possono fornire l’energia sostenibile per un’auto sportiva con motore a combustione.

Ferrari e i suoi concorrenti stanno anche vendendo un’esperienza emotiva a clienti facoltosi che attualmente ruota attorno al rombo gutturale di questo potente motore. Quindi, quando diventa elettrica, la Ferrari deve garantire i suoi clienti e investitori con un patrimonio netto elevato lungo la strada.

“Tutto ciò che facciamo si concentrerà sempre sull’essere Ferrari con stile”, ha detto il CEO John Elkann in un discorso di apertura. “La combinazione di opportunità dell’elettricità e dell’elettronica ci consentirà di realizzare auto più uniche”.

Nel frattempo, la Ferrari ha dichiarato che svelerà il suo primo SUV in assoluto, alimentato dal suo enorme motore commerciale a 12 cilindri che consuma gas, a settembre.

READ  Classiche italiane e tedesche affrontano il meglio del Giappone al Rare Car Show

Vigna ha confermato i piani della casa automobilistica italiana di lanciare il suo primo modello elettrico nel 2025 e la Ferrari ha dichiarato che lancerà 15 nuovi modelli dal 2023 al 2026.

L’azienda prevede che le auto completamente elettriche rappresenteranno il 5% delle vendite nel 2025 e il 40% nel 2030, secondo Vigna. Gli ibridi dovrebbero salire al 55% delle vendite nel 2025 dal 20% nel 2021, prima di scendere al 40% nel 2030.

Vigna ha affermato che la Ferrari svilupperà e produrrà i propri motori elettrici, inverter e unità batteria per i suoi modelli elettrici su una nuova linea di assemblaggio presso il suo stabilimento di Maranello, in Italia, esternalizzando i componenti non principali ai partner.

Ha affermato che la casa automobilistica sta lavorando con i produttori di batterie per ricercare la prossima generazione di batterie a stato solido, in grado di immagazzinare più energia rispetto alle batterie convenzionali oggi, per i loro modelli elettrici.

Di fronte ai divieti incombenti sulle auto a combustibili fossili in Europa e Cina, le principali case automobilistiche si sono impegnate a spendere oltre 250 miliardi di dollari entro il 2025 per la transizione all’elettrificazione, secondo le stime del settore.

La Ferrari ha affermato che prevede di investire 4,4 miliardi di euro (4,58 miliardi di dollari) entro il 2026, principalmente nello sviluppo del prodotto, generando un profitto di base di 2,5-2,7 miliardi di euro entro quell’anno. L’attuale previsione di Ferrari per il 2022 è un adeguamento dell’EBITDA di 1,65-1,70 miliardi di euro.

La casa automobilistica prevede un free cash flow accumulato compreso tra 4,6 e 4,9 miliardi di euro dal 2022 al 2026.

READ  Le Olimpiadi di Tokyo indicano la voglia di ripartire, dice Mattarella - Italian

Sia i clienti che gli investitori amano ciò che fa oggi la Ferrari, con la sua lunga storia di ordini per auto a partire da oltre € 200.000.

Le azioni della Ferrari sono rimaste pressoché piatte negli ultimi 12 mesi, contro un calo del 18% per l’indice delle auto europee e un calo del 13% per l’indice delle auto di lusso.

(1 dollaro = 0,9613 euro)