Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La FA condanna gli abusi razzisti online sui giocatori dopo aver perso la finale del Campionato Europeo contro l’Italia

La Federcalcio ha dichiarato di volere “gravi possibili sanzioni” per le persone identificate come vittime di abusi razziali su membri della squadra nazionale dopo la sconfitta contro l’Italia nella finale di Euro 2020.

Le due squadre hanno pareggiato 1-1 dopo i tempi supplementari e l’Italia ha vinto ai rigori 3-2, mentre gli inglesi Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka, tutti neri, hanno mancato i calci di rigore.

“La FA condanna fermamente tutte le forme di discriminazione ed è sconvolta dal razzismo online che prende di mira alcuni giocatori inglesi sui social media”, si legge nella nota.

“Non possiamo essere chiari sul fatto che chiunque dietro un comportamento così disgustoso non sia il benvenuto per seguire la squadra. Faremo tutto il possibile per supportare i giocatori colpiti e sollecitando le sanzioni più severe possibili per chiunque sia responsabile”.

La Premier League è stata colpita la scorsa stagione da diversi episodi di abusi razzisti online contro giocatori di colore.

Ad aprile, la FA, insieme ai club della Premier League, della English Football Leagues, della Women’s Super League e del Women’s Championship, ha boicottato i social media per quattro giorni in risposta ai continui abusi sui giocatori.

Gli organi di governo del calcio inglese hanno inviato una lettera aperta a febbraio a Facebook e Twitter chiedendo alle piattaforme di social media di bloccare e rimuovere i post offensivi.

Oggi, la Football Association ha invitato ancora una volta il governo e le società dei social media a fare di più per fermare gli abusi razzisti.

“Continueremo a fare tutto il possibile per eliminare le discriminazioni nel gioco, ma facciamo appello al governo affinché si muova rapidamente e approvi la legislazione appropriata in modo che le violazioni abbiano conseguenze reali”, si legge nella nota.

“Le società di social media devono intensificare e assumere responsabilità e azioni per bandire gli utenti dalle loro piattaforme, raccogliere prove che potrebbero portare a procedimenti giudiziari e supportare la loro piattaforma libera da questo tipo di odio abuso”.

Reuters/ABC

READ  La variante Delta del Covid-19 provoca scompiglio a livello globale negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Cina