Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La domanda di carbone metallurgico del Queensland dovrebbe aumentare nonostante la tendenza globale

Sebbene la domanda globale di carbone continuerà a diminuire entro il 2050, si prevede che la necessità di carbone minerale nel Queensland aumenterà durante quel periodo, secondo l’analisi del governo statale.

Il Tesoro del Queensland ha tracciato un quadro di come potrebbe essere la futura domanda internazionale di carbone termico e metallico per lo stato in un nuovo rapporto basato sul World Energy Outlook dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), pubblicato quest’anno.

Il rapporto dell’AIE ha esaminato tre diversi scenari per la futura domanda di carbone fino al 2050.

Uno era basato sulle politiche esistenti stabilite dai governi internazionali, il secondo fattore considerava il raggiungimento da parte dei governi degli impegni politici relativi al clima e il terzo modellava i risultati delle emissioni nette globali di carbonio entro il 2050.

In tutti gli scenari, la domanda di carbone dovrebbe diminuire entro il 2030 – dal 10% al 45% a seconda dello scenario – e tra il 2030 e il 2050 la domanda dovrebbe diminuire dal 25 all’82%.

Nonostante ciò, l’Agenzia internazionale per l’energia prevede che le esportazioni di carbone australiano aumenteranno del 10% entro il 2050, in gran parte trainate dal carbone metallico utilizzato per produrre acciaio.

Il vice sottosegretario per l’economia e le finanze del Queensland, Denis Molloy, ha affermato che il governo si aspetta che la domanda di minerali rimanga forte, ma che la necessità di carbone termico, utilizzato per produrre elettricità, ne risentirà.

Dennis sorride.
Deputy Treasurer for Economics and Tax del Queensland Denis Molloy.(ABC News: Marco Leonardi)

“Sappiamo dall’analisi di organizzazioni come l’Agenzia internazionale per l’energia che mentre ci adattiamo a un’economia a basse emissioni di carbonio, ciò significherà che i carichi termici saranno sotto pressione”, ha affermato.

“Ma il vantaggio del Queensland è che siamo principalmente carbone minerale.

“C’è ancora una prospettiva molto brillante per il carbone metallurgico a causa dell’industrializzazione in India, che sarà molto importante per noi.

“La qualità del nostro carbone, dove siamo posizionati geograficamente, le nostre catene di approvvigionamento, la nostra forza lavoro qualificata e l’incredibile flessibilità del settore, ci rendono davvero in grado di assicurarci di avere ancora grandi volumi di carbone da coke in futuro”.

Il rapporto del Tesoro del Queensland ha indicato che la domanda di carbone metallurgico – o carbone da coke – continuerà per qualche tempo a causa dell’attuale mancanza di alternative al carbone nel processo di produzione dell’acciaio.

Una minatrice cammina davanti a un autocarro con cassone ribaltabile in una miniera di carbone nel Queensland centrale.
L’India ora guida la domanda di carbone del Queensland.(AAP: Dan Peled)

Il Queensland è il più grande esportatore offshore mondiale di carbone minerale, producendo il 90% del carbone da coke del paese nel 2021-22.

Il rapporto ha evidenziato che i prezzi record del carbone e del carbone termico hanno spinto il valore delle esportazioni di carbone del Queensland a un record di 79,7 miliardi di dollari per l’anno conclusosi a settembre 2022.

L’India sta raccogliendo il buco nero delle esportazioni lasciato dalla Cina

Il rapporto del Tesoro del Queensland ha anche esaminato l’impatto del divieto informale della Cina sulle importazioni di carbone australiano avvenuto nell’ottobre 2020.

La ABC aveva precedentemente riferito che l’Australia ha esportato quasi 14 miliardi di dollari di carbone in Cina nel 2019, la maggior parte di quel coke.

Molloy ha affermato che la Cina era il più grande mercato di esportazione di carbone del Queensland, ma ora le perdite sono state ampiamente compensate dall’India.

READ  Il Congresso peruviano mette sotto accusa il presidente Pedro Castillo e promuove il vicepresidente