Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La crescente preferenza dell’Europa per la valuta cinese è carica di rischi

Nicola Casarini è Senior Associate Fellow, Avari Internationale Institute, Roma e Global Fellow presso il Wilson Center di Washington, DC. Rita Fategoso è Senior China corrispondente de Il Sole 24 Ore, quotidiano finanziario italiano.

Lo yuan ha ricevuto una spinta il mese scorso quando il Fondo Monetario Internazionale ha aumentato la quota della valuta cinese dei diritti speciali di prelievo, un’attività di riserva internazionale che include anche il dollaro, l’euro, la sterlina e lo yen.

Riflettendo la crescente influenza della valuta cinese, il FMI ha aumentato il suo peso in yuan di 1,36 punti percentuali al 12,28%, diventando così la terza riserva ufficiale del FMI dopo il dollaro e l’euro.

Dato che l’obiettivo dichiarato di Pechino è promuovere l’internazionalizzazione della sua valuta e ridurre il potere finanziario dell’Occidente, la decisione del FMI ha significative implicazioni geopolitiche.

In seguito all’esclusione della Russia dalla Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali (SWIFT), si ipotizzava che Pechino avrebbe aiutato Mosca a eludere le sanzioni finanziarie imposte dopo l’invasione dell’Ucraina tramite il sistema di pagamento transfrontaliero (CIPS) che utilizza lo yuan. In effetti, uno dei motivi alla base della decisione del FMI di espandere le proprie riserve in yuan è stato il maggiore utilizzo dei CIPS da parte delle banche di tutto il mondo.

Non si sa quale ruolo svolga l’Europa nel promuovere le ambizioni monetarie della Cina.

Mentre il Gruppo dei Sette ha imposto sanzioni alla Russia e potrebbe fare lo stesso con la Cina se invadesse Taiwan, il fatto che l’Europa sostenga un uso più ampio dello yuan nei pagamenti internazionali transfrontalieri dovrebbe destare preoccupazione tra gli Stati Uniti e i suoi alleati asiatici . .

Al di fuori della Cina continentale e di Hong Kong, l’Europa ospita il maggior numero di banche che utilizzano il CIPS per liquidare denaro in yuan utilizzato per finanziare progetti nell’ambito della Belt and Road Initiative di Pechino.

READ  Pakistan e Italia vedono "nuove dimensioni" per rilanciare il commercio e i legami economici

A fine marzo 169 banche europee avevano accesso indiretto ai servizi offerti da CIPS, su un totale di 1.304 partecipanti, la maggior parte ubicati in Asia. La crescente percezione dello yuan come un bene rifugio, insieme al potenziale per un maggiore utilizzo della valuta cinese per i pagamenti transfrontalieri, sta spingendo le banche europee a posizionarsi nel mercato emergente del commercio e dei servizi in yuan.

Secondo SWIFT Business Intelligence, ad aprile l’Europa si è classificata al secondo posto dopo Hong Kong nelle transazioni transfrontaliere in yuan. In generale, l’Europa liquida circa il 10% dei pagamenti mondiali denominati in yuan e ci sono tutte le ragioni per ritenere che la quota di mercato dell’Europa continuerà a crescere.

Poiché le aziende cinesi non hanno accesso illimitato alle valute estere per pagare le loro controparti europee e la Cina è il partner commerciale numero uno in Europa in termini di beni, si prevede che l’uso di CIPS e dello yuan digitale aumenterà.

Inoltre, sta diventando sempre più facile per le aziende europee investire i propri profitti in yuan in strumenti finanziari denominati in yuan gestiti da banche europee, comprese le loro filiali in Cina.

Durante i negoziati sull’Accordo globale sugli investimenti (CAI), un accordo che, se ratificato, rafforzerebbe le relazioni commerciali e di investimento tra l’UE e la Cina, la Commissione europea si è assicurata impegni vincolanti da Pechino per espandere l’accesso al mercato per le banche e le istituzioni finanziarie europee. in tutta la Cina continentale.

Sulla stessa linea, l’Europa sta rafforzando i legami finanziari con la Cina. Le borse che scambiano titoli cinesi e meccanismi per collegare i mercati con le borse cinesi sono emersi nel Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Lussemburgo. Molte borse europee sponsorizzano borse private cinesi per titoli cinesi, come il London-Shanghai Stock Connect, lanciato nel giugno 2019.

READ  Novak Djokovic, Rafael Nadal, testa di serie per incontrarsi nei quarti di finale dell'Open di Francia

La Germania è in prima linea in questi sviluppi. Lanciata nel novembre 2015 e con sede a Francoforte, China Europe International è una joint venture costituita da Shanghai Stock Exchange, German Stock Exchange e China Financial Futures Exchange. È il primo luogo di scambio dedicato ai prodotti di investimento legati allo yuan al di fuori della terraferma. La Francia intende sviluppare un meccanismo di collegamento simile tra Euronext Paris e la Borsa di Shanghai.

Nell’ultimo dialogo economico e finanziario ad alto livello tra Cina e Francia tenutosi nel dicembre 2021, le due parti hanno lanciato un fondo di cooperazione con la partecipazione di China Investment Corporation, BNP Paribas e il principale gruppo di investimento mondiale Eurazeo per rafforzare il ruolo del fondo di cooperazione come piattaforma di investimento di frontiera e promuovere l’uso dello yuan tra le aziende francesi.

Quasi tutte le banche centrali in Europa, oltre alla Banca centrale europea, attualmente accettano lo yuan come riserva praticabile e hanno firmato accordi di swap con la People’s Bank of China.

È vero, il dollaro rimane la principale valuta di riserva, come dimostra la composizione delle riserve ufficiali in valuta estera del Fondo monetario internazionale. Tuttavia, la quota dello yuan è in aumento, grazie ai responsabili politici europei che hanno opinioni positive sul ruolo crescente dello yuan nell’economia globale.

Come ha dichiarato l’attuale primo ministro italiano Mario Draghi nel novembre 2015 quando era presidente della Banca centrale europea, fare dello yuan una valuta globale non sarebbe male per l’euro.

Mario Draghi ha dichiarato che fare dello yuan una valuta globale non danneggerebbe l’euro. © Image Alliance / dpa / AP

READ  Classifica Arizona: i 10 migliori ristoranti italiani del 2022

A differenza degli europei, gli Stati Uniti si sono tradizionalmente contrari all’inclusione dello yuan nelle riserve ufficiali del Fondo monetario internazionale e hanno criticato Bruxelles per non aver considerato il fatto che lo yuan non soddisfa ancora i criteri per lo status di riserva.

Ciò richiederebbe alla Cina di aprire i propri conti di capitale, il che significa che aziende, individui e banche possono spostare denaro senza regole arroganti e approvazioni del governo, consentire alla sua valuta di fluttuare liberamente e facilitare il controllo del governo sulla sua banca centrale. Niente di tutto questo è successo.

A marzo, nove senatori repubblicani hanno introdotto un “Say No to the Silk Road Act” che mira a limitare l’uso dello yuan digitale sulla base del fatto che potrebbe consentire a paesi come la Russia di aggirare i sistemi finanziari globali come SWIFT e consentire al Partito Comunista Cinese per raccogliere dati personali agli utenti.

Il sostegno dell’Europa al CIPS cinese e, più in generale, al più ampio utilizzo globale dello yuan, non solo minaccia di incoraggiare Pechino in un momento di crescenti tensioni USA-Cina, ma mina anche le future sanzioni in caso di controversia su Taiwan.

Per evitare di dividere le democrazie liberali a favore della Cina, è urgente un maggiore coordinamento all’interno del Gruppo dei Sette principali paesi industrializzati sulle ambizioni monetarie della Cina, anche se allo stesso tempo include mettere in discussione il sostegno dell’Europa allo yuan.