Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La collezione di un amante di auto d'epoca tedesche e italiane è all'asta

La collezione di un amante di auto d'epoca tedesche e italiane è all'asta

L'anonimo collezionista bulgaro, le cui auto saranno messe all'asta nell'ambito dell'asta di Monaco di Baviera di RM Sotheby alla fine di questo mese, aveva un gusto eccezionale sia per i modelli sportivi tedeschi che per quelli italiani e per le auto da turismo.

La cosiddetta Collezione Connoisseur abbraccia 47 anni e molte delle auto che saranno offerte all'asta del 25 novembre sono rare, tutti esempi eccezionali nel loro genere.

“Abbiamo organizzato quest'asta qui l'anno scorso e saremmo molto entusiasti se si avvicinasse anche solo al risultato dell'anno scorso in termini di qualità e quantità”, afferma Markus Goerig, specialista automobilistico con sede in Germania presso RM Sotheby's. “Abbiamo dimostrato che c'è domanda alle aste in Germania, ma bisogna farlo nel modo giusto. La collezione Connoisseur proviene dall'Europa dell'Est, dove c'è una vasta base di collezionisti dai gusti raffinati. Queste auto dalla Bulgaria ne hanno una quantità sorprendente di patina.

Un pezzo forte della BMW in mostra è una cabriolet 501 “Sechszylinder” (sei cilindri) del 1955, verniciata avorio con interni in pelle verde. La carrozzeria fu realizzata dalla Baur, che tra il 1955 e il 1958 produsse solo 37 cabriolet e coupé sul telaio 501. A differenza della 502 e della 503, che montavano il motore V8 apparso anche sulla leggendaria roadster 507, questa 501 monta un motore M337 sei cilindri in linea da 2.077 cc. . I sei motori originali dell'auto, sviluppati dalla centrale elettrica del modello 326 prebellico, sono in grado di spingere il cosiddetto “Angelo barocco” a una velocità di 90 mph. Il cambio a quattro velocità è spostato di colonna.

Questo esemplare, numero di telaio 49024, è stato originariamente venduto dalla concessionaria Hopstein & Kaiser a Colonia, in Germania. Il suo sesto proprietario acquistò l'auto (per soli 2.000 DM) e la restaurò dalla carrozzeria tra il 2005 e il 2006. Si dice che l'auto conservi un bell'aspetto interno e viene venduta con manuali, fatture, fotografie e un libretto di circolazione tedesco degli anni '60. Il prezzo di vendita stimato è compreso tra € 230.000 (US $ 244.801) e € 300.000.

La collezione comprende anche una BMW 327/28 Coupé del 1939, con lo stesso motore a sei cilindri da 1.971 cc della 328 Roadster. Con tripli carburatori, il motore produce 80 cavalli. Questa vettura bicolore fu consegnata al Portogallo nel 1939 e nel giro di pochi mesi entrò in griglia al II Rallye Nacional de Miramar. Si dice anche che fosse iscritta per partecipare al Rally di Monte Carlo, ma non riuscì a partire a causa di un motore confiscato. L'auto aveva temporaneamente l'alimentazione Bristol. Dopo il periodo trascorso in Portogallo, la 327/28 è tornata in Germania, dove è stata revisionata meccanicamente, un processo che includeva l'installazione di un'unità BMW ricostruita. Il prezzo indicativo è compreso tra 140.000 e 180.000 euro.

Un'altra BMW è una cabriolet sportiva a due posti 319 del 1936 in nero e argento, che secondo quanto riferito ha beneficiato di un restauro di tre anni e 3.000 ore nel 2018. La stima è compresa tra € 120.000 e € 160.000.

Ancora più moderna è la BMW 3200 CS del 1963, precursore della 2800 CS e 3.0 CS, con lo stile del famoso Giorgetto Giugiaro, appena subentrato come capo progettista alla Bertone. I cadaveri furono in parte costruiti a Bertone. Il motore era un V8 da 3,2 litri, che produceva 160 cavalli e una velocità massima di 124 miglia all'ora. La stima oscilla tra i 100.000 ed i 130.000 euro.

Nella serie W187, Mercedes-Benz offrì la 220 a sei cilindri come berlina a quattro porte, ma anche come Cabriolet A a due posti e Cabriolet B a quattro posti. Poco prima che i modelli berlina e B-cab venissero ritirati alla fine del 1953, alla gamma fu aggiunta una coupé. Disponibile fino all'estate del 1955, ne furono costruiti solo 85. Questa 220 coupé del 1954 è un esemplare in pelle grigio su grigio e ha un rarissimo tettuccio scorrevole in acciaio. Il valore dell'offerta dovrebbe essere compreso tra 180.000 e 200.000 euro.

Un paio di ex Mercedes includono una 170 S Cabriolet A del 1951 in un'attraente tonalità di verde scuro e una 220 Cabriolet A blu scuro del 1952. La 170 S è uno dei soli 830 esemplari di Cabriolet A prodotti e fu consegnata in Svezia. – Dove rimase per più di 60 anni, si dice che i successivi proprietari appartenessero tutti alla stessa famiglia. L'auto è in condizioni originali, compresa vernice e pelle. Include libri, strumenti antichi e un prezioso set di valigie Karl Paich in tre pezzi. La stima è di vendita tra € 140.000 e € 180.000.

Il mittente ha “molto buon gusto”, dice Jorig. “Non ti aspetteresti una Mercedes 170 S nel colore e negli interni originali: è più probabile che tu veda auto più appariscenti.”

La 220 Cabriolet A del 1952 con carrozzeria Sindelfigen aveva un motore a sei cilindri in linea ed era molto esclusiva, con solo 1.278 esemplari prodotti (c'erano 16.154 berline). Il prezzo stimato è tra 130.000 e 160.000 euro. Un'altra Mercedes è una coupé 280 SE 3.5 del 1971 molto desiderabile, color argento con interni neri. La 3.5 aveva un V8 da 3,5 litri a iniezione e fu disponibile solo per due anni, dal 1969 al 1971. In quell'ultimo anno furono costruite solo 679 coupé. Questo bellissimo esemplare con “griglia bassa”, in argento con pelle nera, è un restauro vintage acquistato nel 2016 da un concessionario nei Paesi Bassi. Il prezzo della Mercedes è stimato tra i 70.000 e i 90.000 euro.

Nella collezione ci sono anche due auto Alfa Romeo, una Giulia 1600 Spider del 1963 e una Giulietta Sprint del 1962. La splendida Spider decappottabile a due posti, sviluppata dall'azienda su consiglio dell'infaticabile importatore americano Max Hoffman, ha preso in prestito molti meccanismi meccanici. dalla serie 750 Sprint, e nel 1963 apparve una versione da 1,57 litri del famoso motore bialbero Alfa, abbinato ad un cambio a cinque marce. L'auto messa all'asta è stata consegnata in California ed è rimasta negli Stati Uniti fino a quando non è stata acquistata lì dall'attuale mittente. Una volta tornata in Europa è stata verniciata e dotata di moquette nuova e tachimetro metrico sostitutivo. La stima oscilla tra i 50.000 e gli 80.000 euro.

La Sprint Coupé fu progettata da Franco Scaglione alla Bertone e ottenne una versione da 1,29 litri del motore bialbero in alluminio dell'Alfa. L'auto mostrata, ora in azzurro, è stata originariamente consegnata a Francoforte, in Germania, ma si è trasferita presto in California e poi in Arizona nel 2019. È stata a lungo un'auto “asciutta”. La stima è di vendita tra i 50.000 e gli 80.000 euro.

Le auto Porsche sono ampiamente differenziate. La Targa 911 “Soft Window” del 1967 fu la prima 911 ad essere completamente aperta agli elementi e presentava un lunotto posteriore in tessuto con cerniera. Quest'ultima caratteristica scomparve nell'anno modello 1969. Durante il primo ciclo di produzione furono costruite solo 235.911 Targa. È stato estradato in Germania, poi trasferito in California, poi in Ohio, ed è tornato in Europa nel 2019.

Sotto l'attuale proprietario, questa Porsche ha avuto il motore, il cambio e l'asse anteriore con numeri corrispondenti completamente ricostruiti, ricablati e riverniciati nel verde irlandese corretto dalla fabbrica. Le stime d'asta oscillano tra i 160.000 ed i 200.000 euro.

Questa 911 Carrera 3.2 Cabriolet del 1986, in Grand White, è un modello consegnato negli Stati Uniti e ospita il motore e la trasmissione originali. Completamente restaurata dal precedente proprietario. L'auto ha una carrozzeria larga “turbo-look” di fabbrica, spoiler “a coda di balena” e sedili sportivi. La 911 Cabriolet fu introdotta nel 1983 e vendette subito bene: 4.214 vetture nel primo anno. Il modello da 3 litri fu sostituito dalla Carrera da 3,2 litri nel 1984. Le caratteristiche di questa vettura includono interni completamente in pelle, differenziale a slittamento limitato, cambio al volante corto, chiusura centralizzata e stereo Blaupunkt Monterey. Gli organizzatori dell'asta si aspettano di ottenere tra 100.000 e 150.000 euro.