Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La città in cui è iniziata l’epidemia del Govt-19 in Italia sta cercando di tornare alla vita normale

È passato un anno dalla conferma del primo caso di trasmissione di SARS-VOC2 in Italia.

La città del paziente divenne successivamente parte della penisola e fu più volte isolata nei mesi successivi.

I residenti non dimenticheranno presto il sogno in cui hanno vissuto, ma stanno gradualmente cercando di tornare a una vita normale.

Nel piccolo comune di Codogno, esattamente un anno fa, è stato scoperto in Italia il primo caso di diffusione di malattie locali. Il giorno successivo l’intera regione è stata isolata in quanto isolata dal resto della penisola. Le strade erano chiuse e l’esercito stava controllando le strade.

Maria Vittoria Falcetti, Direttore Marketing, MDA: “Il 21 febbraio 2020 iniziarono a circolare voci secondo cui avevano trovato il famoso” paziente zero “a Kodokno, ma abbiamo lavorato tranquillamente tutto il giorno. La sera abbiamo ricevuto la notizia che tutti erano isolati, ovviamente. I nostri affari. ci ha costretti a venire e chiudere. “

Nelle prime due settimane con misure drastiche, le aziende hanno perso un totale di 100 milioni di euro. Altre persone hanno sofferto. Tra loro c’è Edward Georg.

Edward Giorge, Kodokno: “Poiché eravamo nella zona rossa, abbiamo sentito tutti i danni provocati dal virus in Italia, dall’isolamento alla perdita del lavoro, la gente si è dimenticata della propria casa. (L’epidemia) ci ha colpito economicamente e socialmente in ogni modo”.

Ma le perdite umane sono molto dolorose. Secondo l’ufficio del sindaco, in una città con meno di 20.000 persone, il numero di persone morte tre volte tanto rispetto all’anno precedente.

Ora, la situazione non è così grave. Ci sono diverse dozzine di pazienti COVID in città, un numero ridotto rispetto alla scorsa primavera. Dozzine di casi sono stati segnalati entro poche ore. Tuttavia, i residenti sono stati segnati da un’esperienza orribile.

READ  La squadra italiana di successo di Euro 2020 riceve un caloroso benvenuto a Roma dopo la vittoria finale

Manuela Benci, Kodokno: “Guarda, la vita è stagnante, penso, fa paura a tutti noi. A causa dell’isolamento e delle restrizioni, le persone stanno diventando sempre più spaventate dal virus, ci ha cambiato, siamo come prigionieri”.

Angela Cason: “La paura era intatta. Penso che sarà con noi ancora per molto tempo. “

Dall’epidemia sono state segnalate in Italia più di 2,7 milioni di infezioni da SARS-VOC2, uccidendo quasi 100.000 persone.