Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Javed Akhtar: Solo l’avidità di denaro fa sì che i registi mettano canzoni nei film di oggi

faiz ahmed faiz hum dekhenge, javed akhtar, CAA protests, IIT Kanpur, IIT Kanpur caa protests, Jamia CAA protests, Faiz Ahmed Faiz, Hum dekhenge poem

Il famoso sceneggiatore e poeta Javed Akhtar afferma oggi che i registi usano le canzoni nei film come obbligo di guadagno piuttosto che come strumento narrativo perché ne sono “imbarazzati”.

Akhtar, che ha scritto i testi per alcune delle più grandi colonne sonore del cinema hindi da Silsila (1981), 1942: A Love Story, Dil Chahta Hai, Kal Ho Na Ho to Gully Boy (2019), ha affermato che la narrazione rapida ha influenzato direttamente le canzoni nel film.

“Il ritmo dei film è aumentato, il ritmo della vita è aumentato, il ritmo della musica è aumentato. Quando la musica sviluppa un ritmo tecnico avanzato, il mondo diventa incomprensibile. La parola può essere apprezzata, ammirata e compresa solo se c’è un mezzo- melodia veloce, in modo che le persone possano concentrarsi sulla parola. Quindi, il ritmo della musica non è a favore della parola, Javed Akhtara Dillo a PTI.

Lo scrittore 76enne ha affermato che ciò che è cambiato anche oggi è il melodramma sullo schermo, che sta diventando sempre meno desiderabile.

Ha detto che i registi evitano qualsiasi cosa emotiva, quindi le canzoni che prima enfatizzavano l’emozione stanno lentamente svanendo.
“I registi e gli scrittori oggi sono andati dall’altra parte, e lo toccano come un estremo. Sentono l’emozione, l’emozione e l’unicità. Quindi la situazione non è abbastanza emotiva e quindi le canzoni smettono di essere parte della narrazione”.

Akhtar ha detto che l’attuale gruppo di registi non sa come usare le canzoni nella narrazione perché sono cresciuti sotto l’influenza non dei film indiani ma del cinema occidentale.

Anche quando le canzoni sono incorporate nella narrazione, vengono messe in secondo piano e utilizzate solo per “avidità di denaro” perché i diritti musicali generano entrate, ha detto il cantautore.

READ  Dunkin' ora deve affrontare una quarta causa nel New Jersey per gravi ustioni dovute al caffè

“Trovano imbarazzante e imbarazzante che qualcuno canti a una festa. Quindi, le canzoni sono sparite in sottofondo. Perché sono (ancora) lì perché c’è ancora domanda di musica ed è una fonte di reddito. Ecco perché hanno canzoni nei film, non perché vogliono canzoni nel film. Solo l’avidità di denaro fa sì che mettano le canzoni nelle immagini. “

Akhtar ha affermato che l’atteggiamento dei registi, che vedono le canzoni cinematografiche come un “male necessario”, viene invertito quando usano una traccia non correlata a “tutto ciò che accade in primo piano”.

Akhtar ha detto che in questa “situazione patetica”, è inutile aspettarsi canzoni dal disco girate da un fan come Guru Dutt, Raj Kapoor, Raj Khosla o Vijay Anand.

“Non c’è più ed è triste perché sai che non dovresti essere imbarazzato.”

Akhtar non sostiene che ogni film dovrebbe avere canzoni, ma lo scrittore ha affermato che il metodo originale di raccontare una storia attraverso le tracce musicali si è verificato nel corso dei secoli e ha trovato radici nei testi più antichi.

“Se prendi antiche commedie sanscrite, ci sono canzoni in esse, se prendi Ram Leela o Krishna Leela, ci sono canzoni in esse. Il teatro Urdu e Parsi, che era un teatro urbano accanto a “nautanki” ed è più rurale, aveva canzoni.

Ora perché ti vergogni di loro? Devi essere così imbarazzato per l’opera italiana, allora devi essere così imbarazzato per il kabuki giapponese. È un errore ed è triste che tutti ci abbiano rinunciato. Ha aggiunto: “Possiamo fare film in cui non ci sono canzoni, ma perché uccidere questo genere, è sbagliato”.

READ  Recensione 'Atlantide': irrequieta e spericolata sulla laguna veneta

Nel Giorno dell’Indipendenza, Akhtar sarà visto come il titolo principale del progetto Shayari India ZEE Live. Lo speciale di 90 minuti sarà trasmesso su ZEE5 il 15 agosto.

Lo scrittore ha affermato che iniziative come il Progetto Shayari in India sono importanti perché non saranno solo una celebrazione della poesia, ma anche della libertà del Paese.

Ha sottolineato che la crescente disponibilità di piattaforme per le giovani generazioni ha portato a un vasto pubblico e seguaci di poesie e poeti.

“Le giovani generazioni, non grazie a noi, infatti, hanno trovato ciò che manca nella loro vita mentre scoprono da sé la poesia.

Ha aggiunto: “L’idea alla base di questa iniziativa è quella di connettere e ispirare i giovani poeti che hanno sviluppato una nuova metafora, un nuovo stile e un nuovo linguaggio. Sono molto ottimista riguardo alla poesia, al suo futuro e alla comunicazione tra le giovani generazioni e i poeti. .”

La mostra riunirà anche altri poeti indiani tra cui Kawthar Munir, Kumar Vishwas e Zakir Khan, con l’obiettivo di celebrare “shayari” e lo spirito di libertà.