Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Italia vs Austria | sabato 26 giugno 2021 | Campionato Europeo | Euro 2020

Marco Verratti potrebbe essere il miglior calciatore italiano che non abbia mai giocato in Serie A. Esordito con il Pescara in Terza Divisione all’età di 15 anni, ha fatto parte della squadra promossa del Delfini nel 2010 per poi diventare uno dei tanti giocatori. I nomi delle stelle, insieme a Ciro Immobile e Lorenzo Insigne, sono saliti al n. 2 allo Stadio Adriatico nel 2011-12.

La sua formidabile abilità in una posizione di centrocampo non sarebbe mai passata inosservata ai più grandi club italiani nonostante il suo telaio leggero di 5 piedi e 5, e Verratti è stato collegato a tutti i Giganti di Bel Pass. In precedenza aveva avuto un incidente sfiorato con il Milan dopo averlo impressionato in una partita under 16, ma è stata una sorpresa per alcuni quando il PSG ha identificato il 19enne come la figura centrale della loro squadra. Paga per diventare Europe Super Club.

Certo, non hanno firmato solo con Verratti. Infatti, lo stesso giorno in cui lo hanno svelato alla stampa, c’era un’ombra sull’arrivo incontenibile di Zlatan Ibrahimovic in contemporanea. Nella loro prima estate piena di attività sotto la proprietà di QSI, artisti del calibro di Thiago Silva ed Ezequiel Lavezzi sono venuti a Parigi, ma l’aggiunta di € 12 milioni di Verratti è stata una firma che ha dimostrato che il PSG stava costruendo un grande futuro e non solo cercando di aggiungere a lungo armi a distanza Con grandi nomi.

“Con gli ultimi acquisti e il giovane talento Verratti, penso che ci sia un futuro e un presente”, ha detto Ibrahimovic in conferenza stampa per la sua presentazione, sottolineando l’importanza insignificante del centrocampista per il progetto PSG. “Non ci sono tante squadre come quella che abbiamo oggi”.

READ  Qualificazioni Mondiali: l'Italia eguaglia il record

La grande lettura del gioco di Verratti, la sua corsa instancabile e la sua sete di placcaggi lo hanno reso rapidamente uno dei talenti più duraturi del calcio europeo. Mentre le aggiunte di nomi più grandi che sono arrivate in quei primi giorni di QSI sono state e sono andate, Verratti è diventato una leggenda del club dei giorni nostri.

Verratti è diventato una figura chiave al Paris Saint-Germain

Nove anni, 346 partite, sette titoli di Ligue 1 e un totale di 27 titoli Al debutto a Parigi, Verratti è la colonna portante del club della capitale francese. Inoltre, è diventato uno dei giocatori più importanti d’Italia, quindi ci si aspettava che sarebbe stato un duro colpo per Roberto Mancini quando il centrocampista flessibile ha subito un danno ai legamenti del ginocchio poco prima di Euro 2020.

Mancini è andato avanti e ha comunque scelto Verratti nella sua lista di 26 uomini, fiducioso che il resto della sua squadra sarebbe in grado di guidarli attraverso la fase a gironi e la stella del PSG potrebbe avere un impatto nel tempo a eliminazione diretta.

Ha avuto la possibilità di testare il ginocchio poco prima dell’inizio del torneo quando ha indossato la maglia del Pescara per la prima volta in nove anni, giocando 20 minuti di un’amichevole a porte chiuse per le giovanili Delfini contro l’Italia durante il ritiro della squadra. Insieme alla possibilità di ricordare i colori della sua ex squadra, è stata anche un’occasione fondamentale per mettere le mani sui minuti in un ambiente non competitivo.

LA PERFORMANCE DI LOCATELI COMPLETA RAPIDAMENTE I DUBBI SULL'IMPORTANZA DI VERRATTI

READ  I leader del G7 concordano su vaccini, Cina, imposta sulle società | corporate Notizie, sport, lavoro

LA PERFORMANCE DI LOCATELI COMPLETA RAPIDAMENTE I DUBBI SULL’IMPORTANZA DI VERRATTI

Il problema di Verratti è come gli Azzurri abbiano gestito la sua assenza per iniziare gli Europei. Le ottime prestazioni di Manuel Locatelli contro Turchia e Svizzera nel Gruppo A, in particolare quando ha segnato una doppietta contro gli svizzeri, hanno lasciato molti a chiedersi se il centrocampista del Sassuolo avesse fatto abbastanza per costringere Verratti fuori dalla prima squadra per il resto del torneo.

Ma la prestazione di Verratti al suo ritorno a giocare contro il Galles domenica ha mostrato che la sua classe rimane inconfutabile. Per tutto l’innegabile talento di Locatelli, Verratti è chiaramente una superstar e un leader nella formazione azzurra. Dove ha sviluppato queste qualità di leadership? Ovviamente sotto l’ala del suo vecchio compagno di squadra Zlatan.

“Ho sentito spesso della mancanza di leader nello spogliatoio dopo che Zlatan Ibrahimovic se n’è andato”, ha detto Verratti a Goal nel 2017, poco dopo che Ibra ha lasciato il Manchester United. Al contrario, Zlatan ci ha insegnato a diventare leader! È un giocatore che migliora tutti quelli con cui gioca”.

Nel 2021 è lo stesso giocatore. Sta migliorando tutti intorno a lui, sia con il PSG che con l’Italia, e sabato contro l’Austria dovrebbe essere di nuovo titolare a Wembley mentre gli Azzurri cercano di raggiungere i quarti di finale di Euro 2020. Se succede al fianco di Locatelli così sia , ma se l’Italia dovesse vincere tutta questa partita, è difficile credere che lo farebbe senza Verratti che gioca un ruolo importante.