Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Intervista a Fabia Bettini

Celebrate Italian cinema at MOVIEMOV 2022: An interview with Fabia Bettini

Da rivoluzionari come Federico Fellini e Michelangelo Antonioni a maestri del genere come Dario Argento e Lucio Fulci a voci contemporanee come Alice Rohrwacher e Piero Messina, il mondo deve molto al cinema italiano. Tuttavia, con i franchise teatrali commerciali che danno la priorità ai film di Hollywood, alle uscite commerciali locali, ai piccoli cinema incentrati su titoli locali e ai film indipendenti, c’erano poche strade per scoprire e riscoprire il cinema italiano nel paese.

In risposta a questo, il Festival del cinema italiano di Mofimov Offri annualmente l’accesso gratuito al cinema italiano agli spettatori curiosi nelle Filippine. Il festival è ospitato da Play-Town, in collaborazione con il Film Development Council of the Philippines (FDCP), la Italian Filipino Society, l’Ambasciata d’Italia nelle Filippine e il Ministero della Cultura e del Turismo italiano (MIBACT) e sono prevalentemente giovanile ed educativo. Giunto alla sua undicesima edizione, MOVIEMOV continua la sua tradizione presentando otto film italiani attraverso un teatro virtuale, la maggior parte dei quali è seguita da una sessione di dialogo con i registi e gli attori partecipanti. L’edizione di quest’anno è uscita appositamente in onore dell’illustre regista Pier Paolo Pasolini, in occasione del centenario della sua nascita.

Nonostante fossimo a migliaia di chilometri di distanza, mi sono seduto con la direttrice del festival Fabia Pettini per parlarle dello sviluppo del programma di quest’anno, della celebrazione della cultura italiana attraverso il cinema e del futuro del festival ora che i cinema riaprono. L’intervista è stata organizzata da Marianne Toure di FDCP e tradotta con l’assistenza di Rachel Ann Greenwood.

Quali sono state le tue considerazioni quando stavi programmando il festival di quest’anno?

Per noi è sempre importante promuovere il nuovo cinema italiano. Quindi abbiamo scelto molte opere prime ma anche grandi maestri. Così possiamo mescolare la nostra storia del cinema con registi importanti come Marco Bellochio e Mario Martone [who’ve gone to] Molti festival importanti come Venezia, Berlino e Cannes. Ma mira anche a promuovere nuovi direttori. Ecco perché ci piace sempre mescolare una selezione di entrambi.

READ  Un'opera ispirata al romanzo italiano "Il Gattopardo" per la prima volta in Florida | intrattenimento

Per noi è molto facile perché il festival è a Roma e con noi in città abbiamo fatto le stesse cose. Ci piace scoprire il nuovo cinema italiano e ci piace mettere in luce i talenti. Ci piace anche parlare delle nostre tradizioni cinematografiche. È qualcosa che realizziamo con il nostro lavoro, tutti gli eventi dell’anno.

Il tuo film inaugurale di quest’anno Qui Rido Io (Il re della risata) di Mario Marton (2021). So che il film ha partecipato per la prima volta a Venezia nel 2021 ed è stato recentemente proiettato a Rotterdam nel 2022. Perché sceglieresti questo film come film di apertura?

Martone è uno dei più grandi maestri che abbiamo in Italia in questo momento e ha una vasta gamma di cultura profondamente radicata nelle nostre tradizioni. Soprattutto a Napoli. Abbiamo deciso di aprire con il re della risata Perché con questo film mostriamo l’evoluzione di Martone: da quando è uscito per la prima volta con il suo film La morte di un matematico napoletano (Morte di un matematico napoletano, 1992) Mostra come i suoi film si siano evoluti in un capolavoro. il re della risata È davvero uno dei capi della sua carriera. Quindi abbiamo pensato di celebrare la sua fotografia ma anche la sua crescita negli anni aprendo il festival con questo film.

Il tuo ultimo film di quest’anno è Diario di Spezie (Diario delle spezie) di Massimo Donati (2021), un film noir incentrato sul conoscitore di spezie e restauratore di pittura. Dal titolo e dalla sinossi, questo film sembra essere diverso per tono e tema dall’apertura. Cosa ti ha spinto a concludere il festival con questo film?

Sì davvero! È un tipo di film completamente diverso e stiamo mettendo insieme le grandi tradizioni dei film di Martone con il nostro primo pezzo. Questo è il primo film del regista e abbiamo pensato che fosse interessante mostrare come potrebbero evolversi gli schemi: dall’apertura del grande regista alla chiusura del festival con un nuovo arrivato con un nuovo film completamente diverso per tono e regia.

READ  Foxtel estende l'accordo sui diritti TV australiani con la Formula 1, ogni gara in diretta, come guardarla, l'app F1TV gratuita

Volevamo concludere con questo anche perché il nostro protagonista Lorenzo Richelmy non è solo il padrino del MOVIEMOV di quest’anno, ma è stato anche visto come attore principale in Marco Polo da Netflix [created by John Fusco]. Quindi sarebbe fantastico mostrare lui, la sua carriera e come si sviluppa in questo film.

Quest’anno un omaggio retrospettivo al grande regista italiano Pier Paolo Pasolini, di cui in tutto il mondo si festeggiano i 100 anni. Mi chiedevo, tra tutti i suoi film, perché dovresti scegliere Mamma Roma (1962)? Perché il documentario? La Rebia di Pasolini (2008) a parte lui?

Quindi la scelta è stata molto difficile [from] Film di Pasolini perché c’era così tanto da scegliere ma non avevamo spazio per scegliere [everything] Quindi abbiamo dovuto sceglierne solo alcuni. Da quest’anno si festeggia il centesimo anniversario della sua nascita, non solo in Italia, ma in tutto il mondo.

Mamma Roma È stato così divertente perché è stato il film che ha fatto dobo dei cartoni animati E c’è stata una ricorrenza [in] Queste materie le fece dal 1962 in poi. E il Mamma Roma Ha raccontato in particolare come vivevano le persone nella periferia di Roma in quel momento. È stato molto commovente per me ma anche per tutta la nostra generazione perché ha mostrato la nostra città, ha mostrato com’era Roma una volta e come possiamo festeggiarla ora grazie a lui.

A proposito di documentario, è stato facile scegliere un altro film, un altro lungometraggio, di Pier Paolo Pasolini. Tuttavia, abbiamo pensato che fosse meglio scegliere un documentario sulla sua vita per mostrare come ha superato il suo lavoro, come ha affrontato la sua creatività, come ha dovuto affrontare così tanta rabbia e come ha dovuto usare la sua rabbia per superare la sua vita. Un lavoro all’epoca, e come riuscì ad essere il Pier Paolo Pasolini che conosciamo oggi.

READ  Il trend Covid: l'accesso alle libertà dipende sempre più dalla vaccinazione

Mostre fisiche, mostre online e altro: Art Fair Philippines 2022 torna come evento misto

Per un pubblico che potrebbe non avere necessariamente familiarità con il cinema italiano, cosa speri che portino via dal festival?

Dal festival, spero che qualsiasi pubblico possa apprezzare il cinema italiano. Ma anche, in qualche modo, educati perché il nostro cinema italiano racconta davvero come sono gli italiani, come viviamo nella demografia sociale del mondo e la nostra demografia sociale, i nostri sentimenti, le nostre emozioni. Certo, il cinema italiano non è grande per gli effetti speciali. Ma il senso profondo del cinema italiano va davvero in profondità nella psiche umana degli italiani ed è ciò che vogliamo condividere con il nostro pubblico.

Prima della pandemia, so che il festival verrà proiettato nei cinema di tutte le Filippine. Ora che i cinema stanno riaprendo lentamente nel paese, c’è una possibilità per un festival di persona o misto in futuro? O hai trovato qualcosa che vuoi mantenere in formato online?

L’idea è di essere pienamente presenti. Sono ai festival e sono totalmente d’accordo con molti registi. Anche tutti i registi e gli attori che hanno lavorato con noi nelle precedenti edizioni dicono che è diverso: conosci la cultura, conosci le persone e sai tutto quando sei presente. È qualcosa di diverso. Non è una cosa fredda. È un’altra cosa.

di certo, [we’d want it to be] Per ora, se possibile. E magari anche una copia digitale. Forse se fossimo nelle Filippine, potremmo [virtual screenings] in Thailandia e Vietnam. Ma l’idea è di viaggiare. Siamo nati con questa idea e vorremmo continuare a farlo. – Rappler.com

MOVIEMOV Italian Film Festival proietterà infatti i suoi film dal 31 marzo al 4 aprile 2022. Per assistere a proiezioni di film, teaser talk e masterclass, clicca qui.