Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Industrie del mobile Cooperazione Cina-Italia-Ponte Xinhua

Industrie del mobile Cooperazione Cina-Italia-Ponte Xinhua
Questa foto scattata il 22 marzo 2024 mostra il paesaggio urbano di Roma dalla Terrazza Belvedere Aventino a Roma, Italia. (Xinhua/Li Jing)

La Cina è il principale produttore mondiale di mobili e Nangang sta emergendo come uno dei principali centri di produzione di mobili.

MILANO/NANCHANG, Italia/Cina, 21 aprile (Xinhua) — I robot industriali raccolgono autonomamente i colori del legno e manipolano delicatamente i materiali, mentre i carrelli intelligenti AGV (veicoli a guida automatizzata) li trasportano. Nel frattempo, sullo schermo LED vengono visualizzati gli aggiornamenti dei dati di produzione in tempo reale.

Situato nell'area montuosa della contea di Nangang, nella città di Ganzhou, nella provincia di Jiangxi, nel sud della Cina, il centro di produzione di materiali intelligenti è operativo 24 ore su 24. A differenza delle tipiche fabbriche di mobili con motoseghe ruggenti e segatura volante, l'impianto lavora esattamente su linee di produzione standardizzate.

A 10.000 km da Nangang, il Nangang Furniture Exhibition Hall ha debuttato alla Milano Design Week nella capitale della moda.

Per tutta la settimana, la mostra ha presentato mobili originali che incorporavano caratteristiche cinesi, tra cui arredi per la sala da tè, sedute in bambù e tavoli da pranzo in mogano, disposti meticolosamente.

Guidati da importanti designer italiani, l'allestimento e la decorazione della sala espositiva hanno favorito un'atmosfera di scambio culturale tra la Cina e l'Occidente e hanno attirato un gran numero di visitatori.

Marco, cittadino italiano sulla settantina, è rimasto “molto sorpreso” nel vedere a Milano prodotti di arredamento con caratteristiche cinesi.

“L'Italia è orgogliosa della produzione di mobili di alta qualità, ma le mostre provenienti dalla Cina sono speciali e penso che sia un buon scambio per entrambe le parti vedere la varietà dei prodotti”, ha detto.

READ  L'NCPC afferma che i cristiani inizieranno presto un pellegrinaggio in Italia

Sin dalla sua fondazione nel 1961, l'annuale fiera del mobile di Milano ha mantenuto uno status prestigioso nel settore, attirando ogni primavera designer da tutto il mondo.

Sette aziende di mobili di Nangang hanno organizzato una partecipazione congiunta, esponendo i loro prodotti sotto lo slogan “Nangang Furniture”.

I mobili esposti, realizzati con materiali come legno di frassino, mogano e rattan, abbracciavano una varietà di stili tra cui l'estetica neocinese, nordica e moderna. Secondo i funzionari del governo locale di Nangang, tutti i prodotti esposti hanno brevetti estetici che incarnano l'essenza del design originale.

“Milano è una delle regioni più sviluppate al mondo per la produzione di mobili. Come produttore, è sempre stato il mio sogno portare i miei prodotti a Milano”, ha affermato Deng Wangjiang, presidente della Jiangxi Iyang Furniture Company.

Negli ultimi due decenni, Deng ha assistito a cambiamenti significativi nel settore del mobile di Nangang. All'inizio del secolo, come quasi 100.000 falegnami di Nangang, cercò lavoro nella provincia del Guangdong. Successivamente, ritornò nella sua città natale e fondò una fabbrica di produzione di mobili.

“L'ostacolo principale alla nostra espansione era la produttività”, ha detto Deng, citando l'esempio di un letto di legno che una volta richiedeva tre giorni di lavoro a un falegname.

Visitatori della mostra Crossing Parallels: German Design 1945-1990 al Museo d'arte dell'Università Tsinghua di Pechino, capitale della Cina, il 21 febbraio 2023. (Xinhua/Chen Zhonggao)

Negli ultimi dieci anni, l’industria del mobile di Nangang ha gradualmente adottato la produzione intelligente. “Si tratta di un progresso graduale ma inevitabile nello sviluppo del settore. Ogni anno si vedono miglioramenti”, ha osservato Deng. Attualmente, la fabbrica di Nangang, specializzata nella produzione di letti, con 30 dipendenti, può produrre fino a 30.000 unità al mese, il che rappresenta un aumento di cento volte della capacità produttiva.

READ  La statua romana rubata è stata ritrovata dalla polizia artistica italiana fuori servizio in un negozio belga

Oggi, la Cina è il principale paese produttore di mobili nel mondo e Nangang sta emergendo come uno dei principali centri di produzione di mobili.

Negli ultimi anni, Nangang ha accelerato lo sviluppo di un hub chiave con la Belt and Road Initiative, creando e gestendo l’ottavo porto aperto interno della Cina.

Secondo He Shanjin, segretario del Comitato distrettuale di Nangang del Partito Comunista Cinese (PCC), il distretto impiega più di 10.000 aziende manifatturiere e sussidiarie e più di 500.000 persone. Nel 2023, i ricavi aziendali primari del cluster industriale supereranno i 270 miliardi di yuan (37,29 miliardi di dollari).

“L'industria del mobile cinese e quella italiana mostrano un forte allineamento e complementarità. Vogliamo creare un nuovo modo di cooperazione nel settore del mobile”, ha osservato.

Durante il Salone del Mobile di Milano si è tenuta la tavola rotonda sulla cooperazione economica e commerciale e sugli scambi Cina-Italia (Jiangxi), culminata con la firma da parte del distretto di Nangang di un accordo con l'Associazione di Amicizia Italia-Cina per la creazione di un parco industriale internazionale del mobile.

La 62esima edizione del Salone del Mobile di Milano ha visto la partecipazione di quasi 2.000 espositori e 185 marchi provenienti da 35 paesi. Secondo Giuliano Nozzi, prorettore per la Cina del Politecnico di Milano, il salone del mobile funge da ponte importante.

“Stabilire una tale cooperazione commerciale è molto importante. Da questa prospettiva, credo che Jiangxi e l'Italia possano sviluppare una cooperazione globale, soprattutto alla luce di questo evento”, ha affermato Nozzi.