Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In una stanza piena di mobili lussuosi, l’icona di Melbourne Franco Couso incombe ancora

In una stanza piena di mobili lussuosi, l'icona di Melbourne Franco Couso incombe ancora

“Megalo, megalo, megalo!”

È il motto italo-australiano che Franco Couso usava per rappresentare i suoi mobili in stile barocco negli spot televisivi a basso budget degli anni ’80. Ma la parola “megalo”, che significa “grande” in greco, si adatta perfettamente al carisma di questo 85enne. Il magnate dell’arredamento, arrivato dalla Sicilia a “Foot-is-cray” nel 1956, guida la (show) room con il suo umorismo ironico, un accento denso e inconfondibile e una spruzzata di colonia.

Quando sono arrivato allo showroom Footscray in chiusura, Kuzu stava parlando con un altro giornalista nell’ufficio del mezzanino. È stato in interviste consecutive prima della prima mondiale Palazzo Kozu, un documentario della regista locale Madeleine Martinello, sarà proiettato questo mese nell’ambito del MIFF. Il film di 86 minuti è una storia toccante sul lavoro e sulla vita personale di Cozzo, raccontando allo stesso tempo come i gruppi di immigrati hanno lasciato il segno a Melbourne in quel periodo. (“Franco, sei una star del cinema!” Ho detto in seguito per scherzo. Mi ha risposto: “Quante volte te lo devo dire? Sono una star del cinema, senza soldi.”)

Prima di sederci, sua moglie Assunta entra nell’ufficio per dirgli che sono arrivato. Dalla finestra, lo guardo riordinare la scrivania, raddrizzare la sedia – così come la cravatta – e scendere le scale. (Ma non prima di aver sparso il suo caratteristico profumo e aver catturato il suo riflesso nello specchio della sua toletta impilata strettamente.) Quando la porta si apre, l’odore dei mobili freschi viene superato senza soluzione di continuità dall’eau de Cozzo.

Durante le riprese prima dell’intervista, Cozzo cammina con orgoglio nello showroom. Ci diverte con un assolo di batteria su un plinto decorativo in stile romano, una performance abbagliante di Il Divo. Grazie mio caro, una demo di come ha preso a calci un cane e un sacco di commenti ingannevoli. “Abbiamo finito? (Abbiamo finito?) ‘ chiede, seguendolo da vicino, ‘Damma mangiare, che c’ho fame (Fammi mangiare, ho fame).’ ”

READ  "Sama": Alla scoperta delle somiglianze tecniche tra India e Italia

Nel corso di sei decenni, Cozzo ha costruito un impero e ora ha un numero enorme di clienti fedeli e dei fan più fedeli. C’è una strada in pendenza che porta il suo nome ufficiosamente e un gigantesco murale in suo onore. E le richieste di selfie stanno arrivando in un flusso costante. Mi ha detto: “Quando il pubblico mi vede, mi stringe la mano o mi bacia… mi sento orgoglioso”. “Tutto Melbourne è mio amico.” Li incoraggio “ti amano”. “Ben fatto. Adoro [those] Chi mi ama… Se mi rispetti, ti rispetterò tre volte.” Ma nonostante sia un nome familiare, l’umiltà di Kuzu è incrollabile. “Sono lo stesso uomo. [as the one who] Sono arrivato in Australia… sono arrivato dove vivo e ho un sacco di manjiari [to eat]Ho tutto quello che voglio”.

Per quanto riguarda gli affari? È più tranquillo adesso. Cozzo faceva parte dell’ondata del dopoguerra degli anni ’50, per lo più immigrati dal Mediterraneo, così come i suoi primi clienti. Ma ora i dati demografici dopo i suoi mobili decorati e lussuosi sono più diversificati. Cozzo dice anche che i gusti delle persone sono cambiati da quando è stato aperto nel 1960. “Che cos’è Entanto Cozza Busiamo fare? … Si tira avanti (ma nel frattempo, cosa possiamo fare? … Si continua),” ha dice. “Se non sei felice, ti ammalerai”. Nell’immersione in italiano e inglese, l’icona di Melbourne coglie ogni opportunità per condividere con me parole di saggezza. Faccio del mio meglio per stare al passo con tutti loro (Successivamente, chiedo a mia madre che parla italiano di sedersi con me e ascoltare Registra l’intervista nel caso in cui mi sia perso qualcosa.)

READ  Chinchon: Wes Anderson gira il suo nuovo film alla periferia di Madrid | civiltà

“L’istruzione è la cosa più bella del mondo”, dice. Lo capisco ma – ironia della sorte – che in questo momento spero di seguire il mio piano di prendere lezioni di italiano in modo da poter rispondere in modo eloquente. Invece, sorrido e rispondo in inglese, come ho fatto per anni con i miei nonni. La passione di Kuzu per l’educazione si riflette nelle sue intenzioni nei confronti dei suoi nipoti. Quando visito, aiuta suo nipote (che condivide un nome completo con lui) nello showroom. Chiedo all’anziano Kuzu se ha intenzione di consegnare la bacchetta al Kuzu più giovane in futuro, ma lui dice che la scuola è più importante del lavoro. “Se non sai leggere non può fare niente”. Non è no.

La dichiarazione trilingue di Cozzo (italiano, greco e inglese) è stato un importante fattore naturale per il multiculturalismo di Melbourne. “[It] Il direttore Martinello ha detto: manifesto nel 2018. “È solo uno spot televisivo ma ha un posto nella coscienza pubblica”. E lei ha ragione. È diventato radicato nel tessuto della cultura popolare di Melbourne. “La pubblicità è la vita del business”, dice. Ma perché il siciliano Couso era così intento ad aggiungere il greco al suo vernacolo? È davvero semplice. Gli australiani greci erano anche importanti a Footscray e Brunswick (dove possiede anche un negozio) negli anni ’80. “Per ottenerli, devi dare loro qualcosa, e [so] Ho imparato qualche parola “Megalo, megalo, megalo. Xepulima sto (svendita presso) Franco Cozzo”. Le parole gli rotolano sulla lingua come se fosse un madrelingua.

La produzione di questo film ha costretto Kuzu a pensare ai 65 anni trascorsi in Australia. “È cambiata la vita (La vita è cambiata)… ho capito [older] … ho tutto, ma non ho l’età. Nessuno può comprare una vita. “Sono più vecchio ma molto felice”, dice.

READ  METZ blue annuncia una partnership commerciale con la squadra di calcio leader mondiale Juventus per supportare il suo piano di espansione globale

Mentre concludevo l’intervista, ricordo di aver sbirciato la toeletta. Le bottiglie Davidoff Champion e Dior Farenheit sono protagoniste. Certo che lo è certamente. In sostanza, è ancora quel giovane siciliano di 21 anni che arrivò nel 1956 – ora solo con 10 bambini, due case e duemila case aggiunte. Follower su Instagram E un film in suo onore.

Palazzo Kozu La prima è prevista per domenica 15 agosto al Comedy Theatre, se la chiusura lo consente. Uscirà a livello nazionale giovedì 16 settembre.

miff.com.au/palazzo-di-cozzo