Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In esclusiva per Bab Matar Sarr: il centrocampista del Tottenham si sta ambientando nel Tottenham, la famiglia appassionata di calcio, e segue le orme di Sadio Mane | notizie di calcio

In esclusiva per Bab Matar Sarr: il centrocampista del Tottenham si sta ambientando nel Tottenham, la famiglia appassionata di calcio, e segue le orme di Sadio Mane |  notizie di calcio

La Premier League inizia nel derby del nord di Londra contro l’Arsenal. Esordio in Champions League a San Siro contro il Milan.

“Non è l’inizio più facile, vero?” Babib Matar Saar dice con un sorriso Sky Sport Sul campo di allenamento del Tottenham, trabocca della fiducia di qualcuno più anziano ed esperto del suo modesto ventenne.

Ma non dimentichiamo che questo giovane centrocampista ha già fatto molto nella sua carriera, soprattutto negli ultimi 12 mesi. Campione della Coppa d’Africa con il Senegal e una Coppa del Mondo alle spalle, oltre alle sue prime apparizioni con la prima squadra del Tottenham.

Ma in mezzo a quegli alti, c’erano alcuni bassi. Sarr ammette che le finali della Coppa del Mondo dello scorso anno in Qatar non sono andate come voleva, dopo aver fatto solo due presenze come sostituto, per un totale di 60 minuti di partite del torneo. “Sono andato lì con ambizioni più alte di quanto promesso”, dice.


immagine:
Sarr ha appena giocato due Mondiali in Qatar

C’è stata delusione anche a livello di club. Sarr si è unito ai suoi colleghi del Tottenham per la prima volta la scorsa estate, dopo aver trascorso il suo primo anno sotto contratto con il club in prestito all’ex club Metz.

Ma ha dovuto aspettare ancora di più per il suo primo girone di squadra. La sua prima uscita è stata un cameo di dieci minuti il ​​giorno di Capodanno. Non si è fidato fino al suo primo inizio nella vittoria della FA Cup sul Portsmouth sei giorni dopo. Difficile per un giovane giocatore che si è adattato a un nuovo paese, lingua e cultura.

Alla domanda sul perché il girone degli Spurs fosse più tardi di quanto sperato, Sarr ha risposto: “È una squadra. Abbiamo cinque centrocampisti all’interno di questa squadra e l’allenatore deve prendere le sue decisioni.

“Ho aspettato il mio turno perché è una stagione lunga. Ho lavorato tutti i giorni quando il mister ha bisogno di me e per assicurarmi di avere il necessario, quindi quando il mister me lo chiede non sono deluso.


immagine:
Sarr ha esordito in Champions League con il Tottenham contro il Milan

“All’inizio non è stato facile perché vengo dalla Francia e avevo difficoltà a capire e comunicare con le persone in campo quando volevo farlo.

READ  L'Italia esplode in festa dopo aver vinto Euro 2020

“Altri volevano che mi adattassi alla squadra, ma non parlavo molto inglese. È stato un po’ difficile ma ora mi sento benissimo in questa squadra”.

Il suo arrivo improvviso e la mancanza di minuti in Coppa del Mondo hanno fatto sì che Sarr fosse spuntato quasi dal nulla sul palco della Premier League. Il giocatore descrive questi due momenti salienti contro Arsenal e Milan come “preziosi” nella sua carriera.

Ma con il mondo intero che guarda entrambi questi spettacoli, la persona a lui più vicina potrebbe essersi astenuta dal farlo: sua madre – che, per puro nervosismo, guarda raramente le sue partite.

“È sempre stato così”, dice con una risata. “Lei ama il calcio, ma capisco perché non le piaccia guardarmi. È difficile vedere tuo figlio giocare con così tanta pressione, senza sapere se farò bene o meno.

“Ma ho molto per cui ringraziarla, mi ha supportato molto, soprattutto da quando sono entrato qui per la prima volta. Quando è stato difficile all’inizio della stagione, mi ha chiamato tutto il tempo e mi ha detto: ‘Non arrenderti , ci arriverai. Continua ad andare avanti.'”

“È una persona che mi ha spinto molto e non mi sono arreso qui e continuo a lavorare. Ora sta dando i suoi frutti ed è tutto grazie a lei”.


immagine:
Sarr ha attribuito gran parte del suo adattamento al Tottenham a Heung-min Son

Un’altra influenza positiva sulla sua prima carriera calcistica al Tottenham fu Heung-min Son, che fu una figura chiave nell’allenamento del giovane centrocampista.

“È simpatico, molto simpatico”, dice Sarr del nazionale sudcoreano. Anche se ho detto qualcosa di sbagliato [in English] Cerca di capirla per farmi sentire a mio agio.

“Sin dal primo giorno che l’ho incontrato, abbiamo continuato a giocare. Abbiamo una buona amicizia e lui mi aiuta molto e mi dà consigli dentro e fuori dal campo. Lo apprezzo molto ed è uno dei miei preferiti nella squadra”.

READ  Classifica Serie A: Inter e Milan si scambiano posizioni mentre continuano i colpi di scena; Roma al suo meglio

Infortuni, assistenti e opportunità

Il periodo di acclimatazione di Saar è finito adesso, e adesso?

Ebbene, il centrocampista aiuta la sua squadra a superare la crisi degli infortuni a centrocampo. Rodrigo Bentancur è fuori fino a novembre per un grave infortunio al ginocchio, mentre Yves Bissouma è stato operato alla caviglia all’inizio di questo mese.

Sarr e il centrocampista Oliver Skip hanno impressionato lo staff tecnico del Tottenham in loro assenza insieme a Pierre-Emile Hojbjerg, ma il tiro dalla distanza del capitano e portiere Hugo Lloris si è aggiunto ai problemi.

“Onestamente, è stata dura per la squadra”, dice Sarr. “Sì, mi hai dato una possibilità, ne abbiamo bisogno [Bentancur] E veloce quindi abbiamo dovuto sperimentare.

“Sono giocatori esperti e d’oro e abbiamo bisogno di loro per aiutare la squadra, l’allenatore e il club. Non abbiamo infortunati ma sono sicuro che torneranno velocemente e più forti”.

Ma c’è stata anche l’assenza dell’allenatore Antonio Conte, che sta recuperando in Italia dopo un intervento alla cistifellea. Il vice allenatore Christian Stellini è subentrato all’italiano e Sarr ha dissipato i timori che ci fossero troppi cambiamenti in panchina.

Alla domanda su come Stellini si confronta con Conte, Sarr spiega: “Non ci sono troppe differenze perché hanno lavorato insieme per così tanto tempo. Per me non c’è differenza nel modo in cui lavorano perché sono gli stessi metodi”.

Questa è una versione in edizione limitata della storia, quindi purtroppo questo contenuto non è disponibile.

Sblocca la versione completa

“Stiamo andando bene e abbiamo anche uno staff tecnico che sta bene [Conte] C’è o no.

“È come al solito, il gruppo continua a operare con la stessa dinamica e vogliamo finire il gioco il più in alto possibile”.

Il prossimo appuntamento per il Tottenham è un altro derby a Londra contro il Chelsea. Le due squadre hanno avuto risultati incoerenti nelle ultime settimane, ma il Tottenham è quarto e il Chelsea è decimo a 11 punti di distanza.

READ  Lo riporta il quotidiano scozzese Euro 2020. Ha tifato l'Italia contro l'Inghilterra

“È il derby. Per me, in partite come questa, non si tratta di prestazioni, ma di vincere”, dice Sarr.

“Il Chelsea sta avendo qualche difficoltà in questo momento, ma questo non significa che non sia una buona squadra. Cercheremo di farli girare in campo e prepararci bene per andare a vincere.

“Dobbiamo mettere insieme una striscia vincente perché ci sono momenti in cui vinciamo due o tre e poi perdiamo o pareggiamo una volta. Quindi, se vogliamo rimanere in alto in classifica, dobbiamo vincere il numero massimo di partite”.

Origins e seguire il viaggio di Manny

L’ascesa di Sarr dall’ignoto ai vertici del gioco è stata netta, ma date le sue origini, non sorprende vederlo finire dov’è.

Il centrocampista è cresciuto a Thies, vicino alla capitale senegalese Dakar e noto come focolaio del calcio africano.

A Thiess si deve la crescita di Sadio Mane, Sarr e altre stelle senegalesi tra cui il capocannoniere dello Strasburgo Habib Diallo.

I paragoni tra Sarr e Mane possono estendersi a entrambe le squadre che giocano nella Dakar Grand Academy, Generation Foot, poi Metz nella Ligue 1 francese e poi nella Premier League. Sarr ammette che la carriera dell’ex ala del Liverpool è una “base per l’azione”.

Lo sviluppo di Sarr è iniziato prima dell’accademia. “Sono cresciuto a Thies in una famiglia di calciatori”, dice. “Tutti nella mia famiglia giocavano. Mi sentivo come se tutto il mondo amasse il calcio.

“Non è facile essere individuati, ma poi di nuovo, perché ci sono molti allenatori che ti guardano fin dalla tenera età e questo può solo portare a una buona strada per il calcio. Mi ha aiutato a crescere rapidamente”.


immagine:
Sarr (a sinistra) punta ad essere tra i migliori al mondo

E qual è il sogno del giocatore ora, visto che ora gioca in una delle squadre della Premier League?

“Il mio sogno è tutto!” Afferma che Saar è eccitato. “Quando dico tutto, intendo la Champions League, la Coppa del Mondo, la Coppa d’Africa: l’ho già vinta ma voglio rifarla per il Senegal.

“Palloncino d’oro africano, anche europeo, tanto!”

Guarda la partita Tottenham-Chelsea in diretta su Sky Sports Premier League Superdomenica dalle 12:30; Fischio d’inizio alle 13:30