Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In Corea dormiva con un violino sul cuscino. I suoi sogni si sono avverati in Italia

In Corea dormiva con un violino sul cuscino.  I suoi sogni si sono avverati in Italia

CREMONA – Quando la signora Ayong An aveva 8 anni, i suoi genitori le comprarono un violino. Ogni notte dormiva con lo strumento sul cuscino accanto a sé.

Due anni dopo, un negozio che vendeva strumenti musicali aprì a Pyeongtaek, in Corea del Sud, la sua città natale, dove la signora Ahn divenne una presenza fissa e bombardò il proprietario di domande. “Penso di averlo disturbato molto”, ha detto la signora Ann, 32 anni.

Da adolescente, ha deciso di diventare liutaia.

Alla fine, un viaggio pieno di colpi di scena la portò a Cremona, nel nord Italia, un rinomato centro di liutai sin dal XVI secolo, tra cui maestri come Antonio Stradivari. Lì, la signora Ann, una stella nascente nel mondo della liuteria con premi internazionali, gestisce il proprio laboratorio.

Situato in una tranquilla strada del cimitero, lo studio della signora An è inondato di luce naturale e pieno di libri e pezzi di legno che devono asciugare all'aria per 5-10 anni o rischiano di diventare utensili o di marcire. Condivide uno studio di due stanze con suo marito, il signor Han Wangxue, anche lui liutaio.

Un lunedì recente, la signora Ann si è accovacciata su un tronco spesso 20 pollici tenuto fermo da due morsetti metallici. Facendo leva sul corpo, pulì il legno con un panno, rimuovendo gli strati, con le mani ferme e ferme. Ha realizzato un collo ricurvo chiamato “bobina”, uno dei passaggi successivi nella costruzione di un violino o di un violoncello. In questo giorno, il liutaio si è dedicato alla commissione del violoncello, che condivide un processo di lavorazione simile.

READ  Riuscirà la giovane Italia a vincere il suo primo campionato dopo il 2015?

Violini come quello di Ms An, realizzati secondo la tradizione di Stradivari e Giuseppe Guarneri, richiedono circa due mesi di lavoro e vengono venduti a un prezzo compreso tra 16.000 e 17.000 euro.

“Potrei costruire un violino in tre settimane, ma non voglio”, ha detto la signora Ann. “Questa cosa è molto preziosa per la persona che la compra.”

La signora Ann aveva 17 anni e fece un piano per imparare il mestiere: si sarebbe trasferita presso una famiglia americana nella periferia di Chicago in modo da poter frequentare una scuola superiore locale, specializzarsi in inglese, e infine studiare alla Chicago School of Violin. Fabbricazione. A quel tempo non esistevano scuole del genere in Corea.

Sconvolti dal fatto che si stesse spingendo troppo oltre per perseguire un percorso di carriera incerto, i suoi genitori cercarono di dissuaderla.

“Non mangio da giorni”, disse la signora Ann. Alla fine furono d'accordo. “Quando ho salutato i miei genitori all'aeroporto, stavano piangendo”, ha aggiunto. “Non lo ero. Ero davvero emozionato.

Due anni dopo essersi trasferito nell'Illinois, scoprì che una delle scuole per liutai più rinomate, la International School of Violin Making, si trovava proprio a Cremona. Così nel 2011, all’età di 20 anni, si è trasferito nuovamente in un nuovo paese.