Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il testosterone può ricalibrare il modo in cui gli adolescenti elaborano i segnali emotivi

Il testosterone può ricalibrare il modo in cui gli adolescenti elaborano i segnali emotivi

Nel viaggio dall’infanzia all’età adulta, gli adolescenti subiscono importanti trasformazioni sociali, poiché gravitano lontano dalla famiglia verso i gruppi di pari. Un recente studio pubblicato su Neuroscienze cognitive dello sviluppo Fornisce spunti affascinanti su come il testosterone influenza questa transizione, specialmente nei ragazzi transgender, alcuni dei quali vengono sottoposti a terapia ormonale come parte delle loro cure per l’affermazione del genere.

Il testosterone svolge un ruolo vitale nello sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie e ha effetti profondi oltre i cambiamenti fisici, inclusa l’influenza sul comportamento sociale e sull’elaborazione emotiva. Il nuovo studio è stato motivato da un cambiamento osservato durante l’adolescenza, in cui gli adolescenti trascorrono progressivamente meno tempo con i loro caregiver e cercano sempre più compagnia e approvazione da parte dei coetanei. Questo spostamento è necessario per la formazione di reti sociali stabili al di fuori del nucleo familiare.

Concentrandosi sui ragazzi transgender sottoposti a terapia ormonale di conferma del genere, lo studio mira a fornire una lente unica attraverso la quale comprendere come il testosterone influenzi specificamente le risposte neurali agli stimoli socio-emotivi di pari e operatori sanitari.

“Capire come il testosterone influenza l'elaborazione dei segnali emotivi provenienti dai caregiver rispetto ai coetanei aiuterà a determinare i meccanismi alla base del riorientamento sociale nell'adolescenza, migliorando così le teorie rilevanti per lo sviluppo neurologico adolescenziale sia per i giovani cis che per quelli transgender”, hanno scritto i ricercatori.

Nel loro studio, i ricercatori hanno reclutato un campione di 44 ragazzi transgender da una clinica multidisciplinare per lo sviluppo di genere situata nel Midwest degli Stati Uniti. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi in base al loro stato di trattamento: 19 ragazzi hanno ricevuto ormoni di affermazione del genere (GAH+), in particolare testosterone esogeno, mentre i restanti 25 non hanno ricevuto alcun ormone esogeno (GAH-). I criteri di inclusione garantivano che nessuno dei partecipanti avesse una storia di utilizzo di farmaci che bloccano la pubertà, il che avrebbe potuto influenzare i risultati dello studio.

READ  Il Michigan ha tra i tassi più bassi di COVID-19, ma per quanto tempo?

Per valutare come il testosterone influisce sull’elaborazione dei segnali emotivi, lo studio ha utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI). Durante le sessioni di fMRI, i partecipanti sono stati esposti a stimoli uditivi costituiti da registrazioni di suoni emotivi (felice e arrabbiato) sia del loro caregiver che di un adolescente sconosciuto.

Gli stimoli sono progettati per suscitare risposte neurali in aree associate all'elaborazione emotiva. L'attenzione è stata mantenuta durante questo compito di ascolto passivo chiedendo ai partecipanti di premere un pulsante ogni volta che sentivano uno specifico suono non emotivo (il campanello di una bicicletta), garantendo il coinvolgimento senza influenzare significativamente la loro elaborazione emotiva.

Lo studio non ha riscontrato alcun effetto generale del trattamento con l’ormone di affermazione del genere (GAH) sui modelli di attivazione neurale a tutti i livelli, suggerendo che la presenza di testosterone esogeno da solo non altera le risposte cerebrali agli stimoli sociali in generale. Tuttavia, un’analisi più approfondita ha rivelato una significativa interazione a tre vie che coinvolge il gruppo GAH, il tipo di emozione e il tipo di parlante nella corteccia cingolata anteriore rostrale (ACC), una regione del cervello implicata nell’elaborazione emotiva e nel processo decisionale.

Per il gruppo GAH+ (ragazzi transgender sottoposti a trattamento con testosterone), si è verificata una risposta ridotta nell'ACC alle voci arrabbiate dei loro caregiver rispetto alle voci arrabbiate di un adolescente sconosciuto. Questo modello suggerisce che il testosterone può attenuare la rilevanza emotiva dei segnali negativi provenienti da figure familiari strette, amplificando al contempo la risposta a segnali simili da parte dei coetanei.

Al contrario, il gruppo GAH (quelli che non hanno ricevuto testosterone) hanno mostrato il modello opposto, con una maggiore risposta neurale alla voce dell'adolescente felice rispetto alla voce del caregiver felice, suggerendo una maggiore sensibilità ai segnali sociali positivi dei coetanei in assenza di trattamento con testosterone. .

READ  Sorvola Marte con la creatività dell'elicottero della NASA al suo dodicesimo volo (video)

Questi risultati evidenziano l’effetto differenziale del testosterone sull’elaborazione dei segnali emotivi da parte del cervello, a seconda della fonte di questi segnali. Per i ragazzi transgender che ricevono testosterone, l’ormone sembra ricalibrare la valutazione neurale dei segnali emotivi, riducendo l’influenza dei segnali familiari negativi e aumentando la sensibilità alle emozioni dei pari. Questo cambiamento potrebbe essere un riflesso del più ampio processo di riorientamento sociale che avviene durante l’adolescenza, poiché le relazioni tra pari acquisiscono sempre più importanza rispetto ai legami familiari.

Inoltre, lo studio ha esplorato la relazione tra modelli di risposta neurale e comportamento sociale, come indicizzato dalla vicinanza soggettiva ai pari rispetto ai caregiver. In entrambi i gruppi, i modelli di risposta neurale erano associati agli orientamenti sociali dei partecipanti; Nello specifico, la diminuita reattività dell’ACC alle voci arrabbiate dei caregiver era associata ad una maggiore vicinanza ai coetanei rispetto ai genitori.

Questa scoperta suggerisce che l’elaborazione neurale dei segnali emotivi provenienti da diverse fonti può essere correlata alla rete sociale dell’adolescente e alle priorità emotive, con il testosterone che gioca un ruolo in questo processo di reindirizzamento.

“Anche se preliminari, i nostri risultati suggeriscono la possibilità che i cambiamenti nei livelli di testosterone nell'adolescenza possano modulare l'elaborazione dei segnali sociali nell'ACC, una regione del cervello associata alla valutazione delle informazioni socio-emotive. Sarà necessario un lavoro longitudinale con campioni più ampi per chiarire come i cambiamenti del testosterone contribuiscono al riorientamento sociale dei giovani verso i coetanei e ad una maggiore indipendenza dall'ambiente familiare.

lo studio, “La somministrazione di testosterone esogeno è associata a una risposta neurale differenziale alla voce di coetanei e caregiver non familiari negli adolescenti transgenderscritto da Michelle Morningstar, Peyton Thomas, Avery M. Anderson, Whitney I. Mattson, Lena Nahata, Scott F. Lebowitz, Diane Chen, John F. Strang ed Eric E. Nelson.

READ  29 nuovi decessi, 2.130 nuovi casi positivi - scadenza