Settembre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il tennista tavolo australiano Jianfang Lai è uno dei migliori motivi per amare le Olimpiadi di Tokyo

Lo schema di base era improbabile: a tarda sera, in inverno, un 48enne stava giocando a ping pong su un campo abbandonato in un evento che nessuno voleva davvero che accadesse.

Ma il giocatore è l’australiano Jianfang Lai, e improvvisamente i Giochi di Tokyo sembravano meno cupi.

Non sei solo se non hai mai sentito parlare di Lay, anche se dovrebbe essere meglio conosciuta.

Sabato è diventata la prima donna australiana a partecipare a sei Olimpiadi ed è stata minimizzata dalla cubana Daniela Fonseca nelle qualificazioni mattutine.

Scarica

Nel primo turno della sessione di stasera, la veterana testa di serie 156 ha affrontato l’italiana Deborah Vivarelli, testa di serie negli anni ’70, con il pugno destro e tutti i vantaggi fisici di essere vent’anni più giovane della sua avversaria.

Ad essere onesti, è stata la perdita di Vivarelli.

Tuttavia, l’italiano era anche un fascio di energia nervosa.

Lay, che le ha dato sui nervi ai suoi primi Giochi di Sydney nel 2000, ora è madre di due adolescenti e chiaramente trascende quei sentimenti. Si è ripresa nella prima partita: 11-7 in sei minuti frenetici.

Con Lay in vantaggio per 2-1, Vivarelli ha avuto lo slancio e il match point anche nella competizione. Sentiva che l’avrebbe fatto, e temevo per le possibilità di Lay se l’avesse fatto.

Ma Lay l’ha pressata e sono arrivati ​​gli errori, e presto è finita: una vittoria per 4-1 sull’australiana in 31 minuti.

Non è stato un momento da medaglia. Non farai evidenziatori in due settimane. Probabilmente non molti australiani l’hanno visto.

READ  Novak Djokovic affronta un pareggio difficile alle Olimpiadi

Ma è stata una vittoria per il vecchio esperimento e una vittoria per gli atleti anticonformisti.

L’impugnatura del portapenne della cinese Lay non è insolita nel tennis da tavolo, ma il modo in cui fa girare la racchetta durante i punti, alternando l’uso della gomma morbida e rigida della sua racchetta, è piuttosto non convenzionale.

A volte, questa tecnica ha stordito anche gli avversari più esperti. Qui, Vivarelli sembra che le sia stato chiesto di risolvere un cubo di Rubix con una mano.

    Debora Vivarelli gioca al tavolo di Tanis.
L’italiana Deborah Vivarelli è stata lasciata da Jianfang Lai.(

Reuters: Thomas Peter

)

Come ha fatto Lai a raggiungere i sesti giochi? Il ritiro del concorrente più giovane ha aiutato, ma pochi della squadra australiana si adattano agli ideali amatoriali delle Olimpiadi passate più delle nostre stelle del tennistavolo.

Quando Lay ha tagliato per la prima volta il capitale a Sydney, altri sport hanno approfittato dell’eccedenza di finanziamento nazionale. Non tennistavolo, l’organo di governo non poteva nemmeno permettersi un allenatore nazionale a tempo pieno.

Nel paese natale di Lay, gioca un terzo della popolazione. In Australia, gli atleti si allenano spesso nel loro garage.

Prima di Londra 2010, Lay era ancora all’ombra della sua collega più famosa Miu Miu.

Quando il duo è entrato ai Quarti Giochi, Miao ha riassunto le sue frustrazioni per i preparativi della squadra: “Non c’è preparazione”, ha detto a The Age.

“Non c’è campo di addestramento. Non ci sono soldi per niente. Non ci sono tornei stranieri per cui prepararsi. Come possiamo competere? Non possiamo. È triste. Perché devo lavorare invece di allenarmi, non miglioro come dovrei.”

Non è cambiato molto.

Jian Fang Lai fa un tiro.
Il prossimo avversario di Jianfang Lai sarà il polacco Qian Li lunedì. (

Reuters: Luisa Gonzalez

)

Per Lay forse non serve nulla.

Come feroce autocritica, ha quasi lasciato un paio di volte prima di diventare un grande successo. Quando era una ragazzina in Cina, scappava dopo la scuola per evitare le lezioni, solo per essere persuasa dal padre a tornare.

Dopo la sua emigrazione in Australia nel 1994, suo marito Jorge, che lavorava anche come suo allenatore, dovette ritirarla dal pensionamento.

Scarica

Tuttavia, alla fine di quel decennio, era una campionessa nazionale di singolare e doppio e non aveva rinunciato al suo ritmo.

Quanto lontano andrai da qui? La medaglia è un sogno, anche se ha già una manciata di Giochi del Commonwealth e niente la disturba.

L’unico altro motivo per giocare è amare il gioco.

Che divertente ricordare che questi premi non sono premi di consolazione.