Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il sito preistorico mostra che gli uomini moderni non sono stati i primi a cambiare il mondo

Un sito di 125.000 anni in Germania noto come Neumark-Nord rivela le prove più antiche di uno dei nostri parenti umani, i Neanderthal, lasciando un’impronta duratura sui loro paesaggi.

Situato a circa 22 miglia a est di Lipsia, Neumark Nord era pieno di piccoli laghi durante un’era da 130.000 a 115.000 anni fa, quando i ghiacciai si ritirarono dall’Europa. L’evidenza archeologica suggerisce che i Neanderthal, che cacciava e raccoglieva, si trasferì nella zona per approfittare del clima più mite in quel periodo e modificò il paesaggio attraverso un maggiore utilizzo.

Questi umani cacciavano e macellavano animali, producevano strumenti, raccoglievano legna da ardere e accendevano falò nella regione di Neumark-Noord per circa 2000 anni, modificando a loro volta l’ecosistema locale per tutta la durata della residenza dei Neanderthal, Uno studio pubblicato mercoledì Nella rivista Science Advances dice.

“Inizialmente un’area boschiva, l’area è diventata aperta quando sono arrivati ​​i Neanderthal ed è rimasta aperta per circa 2000 anni. Dopo la loro partenza, la foresta si è chiusa di nuovo”, ha detto Will Robrox, professore di archeologia paleolitica all’Università di Leiden nei Paesi Bassi e autore principale dello studio. .

La ricerca indica che la nostra specie non è la prima a modificare il suo paesaggio.

Modello di un uomo di Neanderthal nel Museo di Storia Naturale di Londra.


Foto:

Will Oliver / PA Images / Getty Images

“Oggi gli esseri umani moderni stanno influenzando gli ecosistemi su scala globale con conseguenze devastanti per la biodiversità e gli habitat in tutto il mondo”, ha affermato Katrina Harvati, paleoantropologa dell’Università Eberhard Karls di Tubinga, in Germania, che non è stata coinvolta nello studio.

Ha aggiunto che il nuovo studio “indica l’impatto significativo delle attività umane sugli ecosistemi anche da parte di piccoli gruppi di cacciatori e raccoglitori prima dell’arrivo del moderno Homo sapiens”.

“Aggiunge un aspetto importante al comportamento umano primitivo (incluso l’uomo di Neanderthal), influenzando gli ecosistemi molto in passato, anche se non sappiamo se questo fosse un comportamento intenzionale inteso ad aprire e preservare il paesaggio”, ha affermato il dott. Robrox. . .

Gli archeologi hanno identificato per la prima volta Neumark-Nord come un focolaio di occupazione degli ominidi nel 1985. Gli scavi alla fine degli anni ’90 hanno ampliato il sito e sono proseguiti tra il 2003 e il 2008.

Per confermare che la presenza di Neanderthal ha effettivamente influenzato questo paesaggio 125.000 anni fa, il gruppo del Dr. Robrox ha confrontato le prove, inclusi i dati sui pollini, trovati nella regione di Neumark-Nord con le prove trovate da due bacini lacustri vicini risalenti alla stessa data. È tempo di un nuovo studio.

guardando Polline conservato nei sedimenti lacustriI ricercatori ricostruiscono i cambiamenti nella vita delle piante locali nel tempo. Hanno scoperto che le betulle e i pini inizialmente dominavano il paesaggio, ma furono sostituiti da erbe non tipiche di una foresta a chioma chiusa nello stesso periodo in cui gli ominidi arrivarono nella zona.

In un’area di 61 acri di Newmark Nord, i ricercatori hanno trovato dozzine di indizi che indicano le attività dei nostri antenati lì durante tutto l’anno.

“Decine e migliaia di manufatti in pietra, centinaia di migliaia di frammenti ossei, i resti di centinaia di animali macellati a seguito di innumerevoli incidenti di caccia di Neanderthal, nonché molte tracce dell’uso degli incendi”, ha affermato il dott. Robrox. Lo studio ha anche descritto semi carbonizzati, strumenti di pietra calda e legno bruciato.

Ha aggiunto che le rive degli antichi laghi Neumark Nord erano ancora “lontani” dai primi villaggi o città.

Il Dr. Robrox ha detto che mentre i Neanderthal che usavano l’area potrebbero essere stati meno mobili e potrebbero aver vissuto in gruppi più grandi, erano ancora cacciatori e raccoglitori che viaggiavano da un luogo all’altro durante quel periodo tra le ultime ere glaciali.

Altri laghi, situati tra 20 e 34 miglia di distanza, mancano di tracce della presenza di Neanderthal. I dati sui pollini hanno mostrato che le foreste chiuse dominano permanentemente l’ambiente lì.

Neumark-Nord e i laghi di confronto si trovano nella regione orientale dei monti Harz, in Germania, il che indica che la differenza di precipitazioni o temperature tra le regioni non spiega le differenze nei rispettivi paesaggi.

Il gruppo del dott. Robrox ha affermato che ciò indicava un'”impronta ecologica ominosa” a Newmark Nord, rivelando che i frequenti incendi dei campi da parte dei Neanderthal e il frequente calpestio dell’area durante la caccia potrebbero aver rimodellato la vegetazione locale.

Copyright © 2021 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  Nonostante la giovane età e la salute, un padre non vaccinato muore di COVID