Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il rapporto ha rilevato che lo scorso anno 10 persone sono state uccise in attacchi di squali non provocati

Il rapporto ha rilevato che lo scorso anno 10 persone sono state uccise in attacchi di squali non provocati

Un database con sede in Florida ha rilevato che nel 2023 si sono verificati 69 morsi di squalo non provocati.

Il rapporto afferma che 22 attacchi di squali lo scorso anno sono stati identificati come intenzionali o non intenzionali. Ha aggiunto che tra i morti c'erano quattro morti.

I morsi provocatori si verificano quando un essere umano “inizia a interagire” con uno squalo, ad esempio pescando in apnea o cercando di dargli da mangiare, afferma il rapporto. I morsi non provocati sono definiti come quelli che si verificano su esseri umani viventi nell'ambiente naturale dello squalo senza alcuna provocazione umana.

“Siamo biologi, quindi vogliamo sapere qual è il comportamento normale di questi animali”, ha detto alla ABC News Gavin Naylor, direttore dell'International Shark Attack File. “Quando si avvicinano alla riva, è legato alla luna piena? È legato alla deposizione delle uova dei pesci?”

READ  Primo ordine! Il comando per le operazioni speciali dell'aeronautica americana sta acquistando la nuova generazione dell'UAS MQ-9B Sky Guardian

La media globale di decessi inspiegabili nell’arco di cinque anni è di sei, rispetto ai dieci del 2023, afferma il rapporto.

“La cosa più ovvia sembra essere il bilancio delle vittime”, ha detto Naylor dei risultati del 2023, anche se ha sottolineato che l'aumento degli attacchi mortali non provocati non significa molto statisticamente a causa dei piccoli numeri rappresentati.

Tre dei morsi fatali e non provocati erano legati agli squali bianchi che attaccavano i surfisti in Australia, afferma il rapporto. Gli attacchi sono avvenuti nelle acque al largo della penisola di Eyre, una remota destinazione per il surf nell’Australia meridionale.

“Abbiamo osservato lievi fluttuazioni nella mortalità su e giù ogni anno, ma penso che la popolazione di squali bianchi sia leggermente migliore”, ha detto Naylor, notando le popolazioni di foche sane di cui si nutrono gli squali.

Secondo il rapporto, lo scorso anno gli Stati Uniti hanno registrato il maggior numero di attacchi di squali confermati e non provocati nel mondo, con 36. Questo è in calo rispetto a 41 nel 2022.

La Florida ha segnalato il maggior numero di morsi non provocati nel 2023, con 16, secondo il database, seguita da Hawaii (otto) e New York (quattro).

Dopo gli Stati Uniti, l’anno scorso l’Australia ha registrato il secondo maggior numero di attacchi di squali non provocati, con 15.

READ  La "minima incursione" di Joe Biden in Ucraina suscita confusione

Naylor ha detto che è possibile che ci siano stati attacchi di squali non inclusi nel database, come quelli che non sono stati segnalati ai funzionari o coperti dai media.

“Penso che facciamo un buon lavoro nel raccogliere dati per i paesi che dispongono di infrastrutture che segnalano questo tipo di cose, e poi possono essere confrontati di anno in anno perché abbiamo a che fare con confronti completi”, ha affermato. “Ma penso che stiamo catturando ogni boccone che si verifica in tutto il mondo ogni anno? Assolutamente no.”

Il rapporto rileva che le probabilità di essere morsi sono incredibilmente basse. Sebbene i rischi siano ridotti, raccomanda di restare vicino alla spiaggia, di evitare di fare il bagno all’alba o al tramonto e di evitare spruzzi eccessivi.