Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il produttore di chip giapponese Ferrotec sta rimodellando le catene di approvvigionamento per raggiungere gli Stati Uniti e la Cina

Un fornitore giapponese di apparecchiature per chip ha iniziato a riorganizzare le catene di approvvigionamento e le fabbriche in una strategia progettata per ottenere l’accesso ai mercati statunitense e cinese dopo che Washington ha implementato nuovi controlli sull’esportazione di chip.

Il CEO di Ferrotec Group, con sede a Tokyo, ha dichiarato al Financial Times che la società sta accelerando i suoi piani per espandere la produzione al di fuori della Cina in risposta agli ordini dei clienti statunitensi, tra cui Lam Research e Applied Materials.

“In futuro, vorremmo essere in grado di produrre non solo in Cina, ma anche in Giappone, Malesia e possibilmente negli Stati Uniti”, ha affermato He Xianhan, originario di Shanghai e alla guida di Ferrotec dal 2020.

Il mercato cinese crescerà in futuro, quindi risponderemo alla domanda cinese con la nostra produzione in Cina. In questo modo, possiamo continuare ad essere vincitori”, ha detto, rilasciando l’intervista tramite collegamento video dalla sua base di Hangzhou, una città nella Cina orientale.

La strategia di Ferrotec per soddisfare le esigenze dei suoi clienti cinesi e americani offre una finestra su come le aziende che hanno tradizionalmente scommesso sulla crescita della Cina possono coprire i propri rischi mentre gli Stati Uniti cercano di limitare la capacità di Pechino di sviluppare una tecnologia di chip avanzata.

Le restrizioni statunitensi hanno costretto i principali fornitori statunitensi di apparecchiature per chip Lam Research, Applied Materials e KLA Corporation a sospendere i servizi di vendita e manutenzione per i loro gadget ai produttori di semiconduttori in Cina.

Verotech, che produce le parti in ceramica e silicone utilizzate nei chip, produce l’80% dei suoi prodotti in Cina. Ha affermato che mentre la società prevede di mantenere la sua ampia presenza produttiva nel paese, diversificherà le sue catene di approvvigionamento nei prossimi due anni.

READ  I paesi nordici sopportano ondate di calore mentre la Lapponia registra il suo giorno più caldo dal 1914 | Ambiente

Nel tumulto iniziale seguito all’annuncio del mese scorso dei controlli sulle esportazioni, He ha affermato che le società cinesi di chip avevano inviato ordini falliti a Ferrotec per la fornitura di prodotti che i suoi fornitori statunitensi non potevano più fornire.

“Ma gliel’ho detto come OEM [original equipment manufacturer]Abbiamo bisogno del permesso dei produttori statunitensi [we supply to] Le aziende cinesi di chip hanno compreso la nostra posizione”.

L’impatto delle sanzioni statunitensi ha iniziato a diffondersi anche alla società giapponese. Di recente, un alto dirigente di un produttore statunitense di apparecchiature per la produzione di chip ha affermato che non acquisterà più alcuni componenti Ferrotec prodotti in Cina.

“Non abbiamo visto un tale impatto da parte di altri importanti produttori statunitensi, ma non possiamo dire con certezza che non ne risentiremo in futuro”, ha affermato.

Verotec, che produce le parti in ceramica e silicone utilizzate nei chip, produce l’80% dei suoi prodotti in Cina

Il dirigente ha citato l’incertezza geopolitica come uno dei motivi per cui Ferrotec ha investito 120 milioni di dollari per costruire un nuovo impianto in Malesia, che dovrebbe entrare in funzione entro settembre.

Fondata nel 1980, Ferrotec ha registrato un fatturato record di 133 miliardi di yen (938 milioni di dollari) e un utile operativo record di 22 miliardi di yen per l’anno conclusosi a marzo capitalizzando la rapida crescita della Cina in Semiconduttori Mercato.

Il gruppo, che negli ultimi tre anni ha raccolto 45 miliardi di yen dal governo cinese e da fondi di investimento privati, prevede di elencare quattro delle società nazionali del gruppo a Shanghai e Shenzhen entro il 2024.

La biforcazione delle catene di approvvigionamento per i mercati statunitense e cinese è stata una “inevitabilità dei tempi”, ha affermato Masahiko Ishino, analista senior presso Tokai Tokyo Research Consultancy.

Ma ha detto che non è chiaro se la serie di grandi investimenti di Ferrotec nei prossimi anni darà i suoi frutti, poiché il mercato globale dei chip soffre di un rallentamento globale esacerbato dalle restrizioni all’esportazione degli Stati Uniti.