Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo commissario italiano al Commercio ha grandi progetti per le esportazioni

Il primo commissario italiano al Commercio ha grandi progetti per le esportazioni

Erica Di Giovancarlo ha vissuto in giro per il mondo durante la sua lunga carriera presso ICE. Da Mumbai e Nuova Delhi a San Paolo e, più recentemente, Tokyo, si è immersa nella cultura di ogni città mentre lavorava per aumentare la visibilità – e le esportazioni – della sua terra natale.

Ora la Di Giovancarlo si è trasferita negli Stati Uniti, dove assume il ruolo di Italian Trade Commissioner. È arrivata negli Stati Uniti dall'Asia il 15 gennaio e si sta stabilendo a New York, che sarà la sua casa almeno per i prossimi tre anni.

Uno dei suoi primi compiti ufficiali è stato quello di partecipare al Chicago Collective, dove ha colto l'occasione per presentarsi al settore della moda durante il gala semestrale del 2018 durante la fiera dell'abbigliamento maschile. L'evento di quest'anno si è tenuto in una discoteca chiamata Al-Basement dove i partecipanti dovevano essere fatti entrare attraverso una porta segreta nella discoteca sotterranea.

Nel corso della cerimonia, Di Giovancarlo ha affermato che la presenza di 62 marchi italiani in fiera ha rappresentato “un momento importante per la moda e il menswear italiano”. Sebbene la collezione sia stata un'opportunità per questi marchi di iniziare a vendere a negozi specializzati di tutto il paese, non si è trattato solo di registri degli ordini. Come ha raccontato al pubblico, alzando un bicchiere: “Dopo qualche giorno di incontri di lavoro, è bello rilassarsi con del buon vino e del buon cibo”.

All'inizio della giornata, Di Giovancarlo era nel padiglione della fiera per verificare l'evento.

“Sono appena arrivata dal Giappone e questo è un cambiamento radicale”, ha detto. “Ma mi piace vedere paesi e mercati diversi e sono molto appassionato del mio lavoro.”

READ  Des Moines a Scornovacca annuncia l'espansione

Ha detto che il suo approccio al lavoro è quello di “ripristinarsi mentalmente” quando arriva in diverse città. “Da una parte all'altra del mondo ci sono paesi, culture e climi diversi. Per me è tutto molto interessante.”

Ha detto che la sua prima cosa da fare una volta arrivata in una nuova città era imparare la lingua. Ha detto che parla correntemente l'inglese insieme ad altre quattro lingue. (Si considera fluente in giapponese in parte perché per lei era difficile padroneggiarlo.) “La lingua è una grande barriera”, ha detto riguardo al Giappone. “Le loro tradizioni sono molto diverse dalle nostre, ma sono anche affascinanti. Tutti sono molto rispettosi ed educati.”

Anche se in America non è sempre così, Di Giovancarlo non se ne preoccupa. “Quello che apprezzo qui è che tutti sono sempre attivi”, ha detto. “Il Paese è aperto e qualunque idea tu abbia, puoi metterla in pratica”.

Intende trascorrere il primo anno assorbendo il mercato e immergendosi in tutte le categorie supervisionate da ITA. L'organizzazione ha cinque uffici negli Stati Uniti: a New York, Chicago, Los Angeles, Miami e Houston. La sede centrale di New York supervisiona moda, cosmetici, vino e agricoltura, mentre la sede centrale di Chicago è responsabile della tecnologia. Los Angeles è l'ufficio per l'innovazione, Miami è l'ufficio di design e arredamento e Houston è l'ufficio dell'aviazione. Ogni ufficio è gestito da un management team italiano ma supportato da esperti americani in ciascuna specialità. “Sono la nostra forza”, ha detto.

Ha detto che il mercato americano in generale è il più importante per l'Italia e rappresenta il suo più forte partner per l'esportazione. Nel settore della moda, il Paese vede il maggior punto di forza nell'abbigliamento maschile e femminile, ma le scarpe continuano ad acquisire importanza. Anche la pelletteria è molto apprezzata.

READ  L'Italia fissa il limite di 25°C per l'aria condizionata mentre infuria il dibattito sull'energia | Italia

Ha affermato che il suo obiettivo è aumentare il numero delle esportazioni dall'Italia agli Stati Uniti e lavorerà con i marchi per soddisfare le esigenze dei consumatori di oggi. “Durante la pandemia, le tendenze e il modo in cui ci vestiamo sono cambiati”, ha affermato. Man mano che le cose diventano più informali, le aziende italiane devono rispondere a questa domanda, insieme a un movimento verso il benessere. “Siamo più attenti a ciò che mangiamo e beviamo e ci vestiamo in modo più confortevole”, ha detto.

Di Giovancarlo è la prima donna a ricoprire la carica di Commissario al Commercio estero, un risultato di cui è orgogliosa. “Finalmente”, ha detto con un sorriso. Ha detto che le donne, di regola, non si preoccupano del potere, ma si concentrano invece sul lavoro da svolgere. Per lei questo lavoro comprenderà non solo il ruolo complessivo di promozione delle aziende italiane, ma anche l'organizzazione di corsi di formazione per le aziende locali in modo che possano comprendere meglio la cultura, la cucina e l'abbigliamento per cui è famosa la sua terra natale.

Nel frattempo, quest’anno l’organizzazione ospiterà nove programmi di accelerazione per startup italiane per aiutare a guidare i marchi emergenti verso il successo e aiutarli a trovare investitori. Le startup operano in diversi settori, tra cui la moda e persino quello farmaceutico.

Spera anche di ospitare altri eventi come quello al Bassment di Chicago. “È un buon modo per aiutare i nostri espositori a conoscere l'ambiente locale, gli acquirenti e a costruire relazioni”, ha affermato. “A volte è meglio bere un bicchiere di buon vino quando sei più rilassato.”