Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il nuovo marchio di calzature direct-to-consumer Maguire apre il negozio Nolita

Con la missione di offrire scarpe in pelle europee di alta qualità a una frazione del costo, le sorelle Romy e Miriam Maguire hanno lanciato Maguire, una linea di calzature made in Italy che tiene conto dello stile e del comfort. Con sede a MontrealE il Le scarpe vendono per circa il 50 percento delle scarpe di qualità simile. Ora il duo sta portando le scarpe negli Stati Uniti con l’apertura del loro primo negozio a Nolita.

In una storia promettente, la pandemia ha giocato un ruolo nella loro espansione negli Stati Uniti. Prima che il mondo si avvicinasse, grazie a Covid-19, Myriam ha vinto l’opportunità di partecipare a un mini programma MBA nel gennaio 2020. Durante quel periodo, ha incontrato attori vitali a New York City per aiutarli a navigare nel mercato. Prima di allora, aveva passato molto tempo a comprare scarpe a New York. “Il quartiere di Nolita (soprattutto Elizabeth Street) è sempre stato il luogo in cui avrei scoperto nuovi marchi o trovato qualcosa di unico che non avevo mai visto prima”, ha detto l’anziano Maguire.

La perdita di altri spazi commerciali di New York ha contribuito a cementare un obiettivo che sembrava sfuggente in vista del 2020. “Come tutti i rivenditori, abbiamo lottato durante la pandemia, ma ci siamo ricordati che ogni crisi ha potenziali opportunità”, ha continuato. Poiché altri marchi hanno ridotto le loro impronte fisiche concentrandosi sul digitale, si sono aperti posti di lavoro nelle principali posizioni privilegiate. Le sorelle si sono recate a New York City quando il confine tra Stati Uniti e Canada ha riaperto alla ricerca di spazi commerciali disponibili. “Ci siamo subito resi conto che gli affitti erano la metà di quelli che erano prima della pandemia e sapevamo che dovevamo agire in fretta. Quando abbiamo firmato il contratto di locazione nel febbraio 2021, Ci è stato detto che abbiamo ottenuto il nostro ultimo buon affare in fondo alla strada”, ha osservato Romy, aggiungendo: “New York City è sempre stata un sogno per noi, ma la strada sembrava irraggiungibile. Stranamente, è stata la pandemia che ha permesso a un’azienda indipendente come noi di realizzare prima questo sogno”.

La coppia è anche orgogliosa del modo in cui ha finanziato la loro crescita. “Molti dei nostri concorrenti hanno ricevuto milioni di dollari in capitale di rischio da aprire nello stesso quartiere del nostro nuovo negozio. Lo abbiamo fatto con una crescita organica costante e prestiti alle piccole imprese! C’è una cultura nelle startup che enfatizza l’aumento del capitale e prima di realizzare profitti. Spero che possiamo attirare l’attenzione su un modo alternativo e più sostenibile di costruire un’azienda”, ha affermato Myriam.

Il negozio Nolita presenterà l’armadietto per scarpe self-service del marchio, che è anche una caratteristica nei loro negozi. Il marchio ha due negozi in Canada; Un negozio a Montreal è stato aperto nel 2018 e un altro a Toronto nel 2020. Dopo aver lavorato loro stessi nel reparto vendite del minimarket, si rendono presto conto che l’esperienza di un negozio di scarpe tradizionale è stata spiacevole. “C’erano scatole ovunque, i dipendenti correvano costantemente nel negozio per ottenere un’altra taglia o un altro colore, nuovi prodotti che erano stati danneggiati da clienti precedenti che li avevano provati, ecc. E hanno iniziato ad attaccare il problema”, ha detto Rumi. Il loro concetto prevede di avere tutte le taglie e colori sul pavimento in modo che possano provare rapidamente e facilmente più paia con il personale a disposizione per fornire consigli e informazioni sul prodotto e sul marchio.

Oltre alla possibilità di colori e motivi esclusivi sul sito Web di Nolita, Maguire venderà occhiali da sole esclusivi e una gamma di cappelli e borse realizzati da Katherine Botvin. Le scarpe hanno generalmente un prezzo compreso tra $ 180 e $ 300, anche grazie allo stato del DTC. Maguire potrebbe essere più compatibile con marchi come Loeffler Randall, Ganni, Labucq o Miista, anche se tendono ad essere più alti perché sono all’ingrosso, secondo le sorelle. “È un prezzo quasi impossibile da trovare per i prodotti realizzati in fabbriche europee di lusso”, osserva Rumi, indicando altri marchi DTC come Intentionally Blank e Alohas come scarpe del marchio di abbigliamento Reformation.

I prezzi sono mantenuti anche eliminando l’intermediario. “Non lavoriamo con altri distributori o rivenditori tradizionali perché ciò aumenterebbe i nostri prezzi del quaranta o cinquanta percento. Vediamo aziende affermate che si avventurano nel drop shipping, consentendo loro di attingere alla loro base di clienti offrendo al contempo una soluzione praticabile a servizi indipendenti e diretti -clienti di marca.”

Myriam ha un’esperienza decennale nel settore calzaturiero, da ultimo presso il Gruppo Aldo, tra cui una permanenza in Italia a Fabrica, il centro di ricerca United Colors of Benetton. “Ho imparato rapidamente che il prezzo non è uguale alla qualità. La stessa fabbrica produceva scarpe per marchi diversi che vendevano al dettaglio da $ 200 a $ 500, o anche $ 800! Un cliente non ha modo di sapere se sta pagando per un prodotto di qualità o per il marchio, ” ha detto Miriam. Li ha spinti ad adottare un modello di pricing trasparente che rivela i costi di produzione. “I clienti possono vedere da soli per cosa stanno pagando direttamente sul sito”, ha aggiunto. Il background di Romy era nel marketing, in particolare nel marketing dei festival cinematografici, incluso Cannes.

Ciò significa anche spostare la produzione da stabilimenti situati in Asia a stabilimenti situati in Europa. “Inizialmente, abbiamo lavorato con alcuni fornitori in altre regioni, tra cui Asia e Africa. Ben presto è diventato chiaro che l’offerta di fabbricazione europea al nostro prezzo era unica e questo ha entusiasmato i nostri clienti, quindi ci siamo mossi in questo modo”.

Le sorelle rifornivano da sole tutte le fabbriche, visitando le fiere per incontrare i proprietari e visitare le loro strutture. “Abbiamo verificato noi stessi le condizioni di lavoro e, di conseguenza, abbiamo trovato più facile lavorare con i fornitori europei. Per cominciare, è un volo più breve con meno ritardi dei voli. Produciamo principalmente in Italia, Spagna e Portogallo; parlo francese e inglese , e italiano, così è La connessione è diretta e importante quando non si utilizza un agente.” Hanno anche scoperto che le fabbriche europee sono più accomodanti per produrre quantità e volumi di ordini inferiori.

Ciò potrebbe cambiare, poiché il marchio continua a crescere. Attualmente, il dieci percento delle vendite proviene dagli Stati Uniti e il resto dal Canada. Nonostante sia il primo brand digitale, le sedi fisiche aumentano la visibilità e la credibilità in nuovi mercati. “Ogni volta che apriamo un negozio in una nuova città, le nostre vendite online triplicano in quella zona”, osserva Miriam.

.

READ  L'Europa va a cercare gas in Africa