Aprile 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il nuovo libro “Fila: Timelapse” è una storia non convenzionale del marchio sportivo italiano

Il nuovo libro “Fila: Timelapse” è una storia non convenzionale del marchio sportivo italiano

“Timelapse” è un nome appropriato per un nuovo libro pubblicato da Rizzoli sul marchio italiano di abbigliamento sportivo Fila, una biografia non convenzionale, che cambia epoca e genere, attraversando un secolo di design e innovazione per le star dello sport – dal marinaio Giovanni Soldini al tennis. giocatore. Björn Borg, che per primo ha messo il marchio sulla mappa negli anni '70.

Cartella univoca (disponibile per Preordina da Waterstones, £65) è stato creato dal giornalista e critico di moda italiano Angelo Flaccavento per “trasformare passato e presente in una visione lungimirante”. Insieme a una prefazione del direttore creativo dell'abbigliamento uomo e degli accessori di Fendi, Silvia Venturini Fendi, il volume riccamente illustrato è un'opera d'arte diretta dal direttore creativo e grafico milanese Francesco Valtolina di Milano. Muschio rivista.

“Villa: Time Lapse” è pubblicato da Rizzoli

“Villa: Time Lapse” è pubblicato da Rizzoli

(Credito immagine: per gentile concessione di Villa/Rizzoli)

Fila è stata fondata a Biella, in Italia, nel 1911 dai fratelli Ettore e Giancifero Fila, che originariamente vendevano materiali per cucire alla comunità alpina locale. Nato ufficialmente come marchio nel 1923, Fila si è espanso per soddisfare le esigenze di chi vive nelle Alpi italiane, creando una gamma di prodotti, dalla maglieria alla lingerie. Tuttavia, negli anni '70, Villa salì alla ribalta sulla scena internazionale, firmando un accordo storico con il tennista svedese Björn Borg e preparandolo per alcune delle sue vittorie storiche (creando allo stesso tempo una delle apparizioni più durature di questo sport).

Borg abbellisce la copertina del nuovo libro, anche se chi si aspetta una tipica storia di Villa dovrebbe cercare altrove. Invece, Flaccavento intreccia una storia inaspettata, inclusi saggi degli autori Carlo Antonelli e Matteo Codignola, del filosofo Emanuele Coccia e degli studiosi Marta Franceschini, Michele Galluzzo e Lorenzo Ottone, insieme a narrativa e poesia più astratte ispirate all'influenza culturale e al simbolismo di Villa. Vestiario. Per quest'ultimo, i contributori includono Charlie Fox, Silvia Calderoni, Jeff Burton, Rahim Atarzadeh e gli artisti Karl Holmqvist e HP Hoyo.

READ  La Virtus Bologna prova a costruire una super squadra?

Prenota Villa Rizzoli Timelapse

(Credito immagine: per gentile concessione di Villa/Rizzoli)

Nel frattempo, il ricco catalogo di immagini abbraccia campagne pubblicitarie passate, apparizioni sul campo e una miriade di altre immagini d'archivio. Flacavento afferma che la collezione è “istintiva piuttosto che cronologica… un viaggio dinamico attraverso il fenomeno della moda e dello sport”.