Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Napoli tinge di azzurro la città per il suo primo scudetto dai tempi di Diego Maradona

Il Napoli tinge di azzurro la città per il suo primo scudetto dai tempi di Diego Maradona

Il giovane volto di Diego Armando Maradona guarda dall’alto un murale in Piazza dei Miracoli a Napoli, osservando la città prepararsi per una festa che non si godeva da quando la superstar del calcio argentino era al suo apice più di 30 anni fa.

I miracoli accadono per i napoletani, cresciuti in una città intrisa di misticismo e superstizione, sul campo, mentre la loro squadra raggiunge la terza vittoria in Serie A e si prepara per il loro primo quarto di finale di Champions League.

“Viene dallo spirito di Maradona. Ci sta guardando dall’alto”, ha detto Rafael Cardamon, un camionista di 51 anni, indicando il murale appena completato raffigurante il prosperoso genio del calcio, morto nel 2020.

“È la mano di Dio”, ha aggiunto, riferendosi al famoso gol che Maradona ha segnato con la mano nei quarti di finale della Coppa del Mondo 1986, che ha aiutato l’Argentina a eliminare l’Inghilterra.

Maradona era anche la forza trainante del Napoli all’epoca, aiutando la città a vincere il primo scudetto nel 1987 e il secondo solo tre anni dopo, nel 1990.

Con 11 partite ancora da disputare, la squadra del sud ha 19 punti di vantaggio sulla Lazio, seconda, e il sogno del titolo potrebbe realizzarsi nella seconda metà di aprile, più di un mese prima dell’ultima partita di campionato.

I napoletani festeggiano già il terzo scudetto – letteralmente “lo scudetto” – come è noto lo scudetto italiano, visto che lo vedono come una vendetta per le ricche città di Torino e Milano, le cui squadre Juventus, Inter e Milan hanno dominato il campionato italiano negli ultimi tre decenni.

READ  Calendario della comunità | Windham

L’euforia si diffuse

La gente del posto ha abbandonato la tradizionale “Scaramanzia”, ​​un insieme di rituali radicati nella cultura popolare per scongiurare la sfortuna, che in genere include non rivendicare una vittoria prima di assicurarsela.

Gli artigiani della città hanno realizzato statue dei nuovi eroi della città. Sagome di giocatori di cartone fiancheggiano i quartieri spagnoli della città, dove le vespe serpeggiano lungo vicoli stretti e bandiere blu sventolano davanti ai negozi.

I poster mostrano Maradona in paradiso, mentre consegna lo scudetto all’attaccante nigeriano Victor Osimhen e all’esterno georgiano Khvisha Kvaratskhelia, le due stelle principali della squadra attuale.

I residenti hanno lanciato iniziative di raccolta fondi per finanziare uno scudetto che dicono durerà diversi giorni e mira a dipingere i muri della città e le strade del club blu.

“L’euforia è impossibile da contenere”, ha detto Antonio Saracino, 55 anni, che conserva una scatola di donazioni all’interno del suo negozio.

I napoletani sperano che la gloria sportiva sia una spinta per una città dove la povertà è ancora diffusa, ma dove la vita sta migliorando grazie alla crescita del turismo, con l’istituto di ricerca Demoscopica che stima un aumento del 13% degli arrivi quest’anno rispetto al 2022.

“Le prime due vittorie in campionato sono arrivate in un’epoca diversa. Non c’era molto turismo. C’erano grandi festeggiamenti locali ma non sono andati oltre Napoli”, ha detto Ernesto Monti, 59 anni, guardando il mare da un bar vicino al centro Piazza Plebecito.

Il romanziere e poeta Eri Di Luca ricorda che Maradona, che rimane il più grande eroe della città ea lui è intitolato lo stadio, si unì alla squadra pochi anni dopo il terremoto del 1980 nella vicina Irpinia, che uccise 2.700 persone.

READ  Il Napoli sarà messo alla prova in trasferta contro l'Atalanta che è arrivata seconda in Italia

Quella era una città che si stava ancora scrollando di dosso la polvere del terremoto. C’erano guerre di camorra mafia nelle strade e nelle carceri. I turisti vengono qui solo per dirigersi direttamente verso le isole e la costa. “Oggi Napoli è diventata una calamita”, ha detto.

La potenziale vittoria in campionato potrebbe non essere l’unica vittoria per il Napoli quest’anno, con molti tifosi che sperano che la squadra raggiunga la finale di Champions League per la prima volta in assoluto. Nei quarti di finale giocheranno contro i rivali italiani dell’AC Milan.

Pietro Di Chiara, 26 anni, la scorsa settimana ha contribuito a dipingere un grande scudetto su una scalinata aperta chiamata Heaven Alley, nel vivace quartiere spagnolo.

“Dopo lo scudetto avremo la Champions League e finiremo di tirare le scale”, ha detto a Reuters.