Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il museo d’arte e la moschea sono tra i progetti australiani riconosciuti ai RIBA Architecture Awards | del Regno Unito edificio

Il museo d’arte e la moschea sono tra i progetti australiani riconosciuti ai RIBA Architecture Awards | del Regno Unito  edificio

I progetti di due architetti australiani sono stati premiati con il prestigioso Royal Institute of British Architects (RIBA) International Awards of Excellence del Regno Unito.

Il Bundanoon Art Museum, il Ponte e la Moschea Punchbowl sono tra i 22 progetti vincitori provenienti da 14 paesi, riconosciuti per aver ampliato i confini dell’architettura e raggiunto un livello di eccellenza.

Entrambi i progetti australiani sono ora finalisti al Grand Prix biennale del RIBA, in lizza per il titolo di nuovo edificio più trasformativo del mondo. Il vincitore sarà annunciato a novembre.

Bundanoon, un’ex tenuta di 1.000 ettari dell’artista Arthur Boyd e della sua famiglia sulle rive del fiume Shoalhaven, è stata donata al pubblico all’inizio degli anni ’90.

Nel 2022, lo studio di Melbourne Kerstin Thompson Architects ha completato il Bundanoon Art Museum nel parco per ospitare la vasta collezione di opere d’arte donate anche dai Boyd. Il museo è accompagnato da un centro creativo ed educativo chiamato The Bridge.

Il Bridge at Bundanoon, sulla costa meridionale del Nuovo Galles del Sud, può ospitare 64 persone. Foto: Zane Wimberley

Il museo sotterraneo e il ponte, entrambi progettati per resistere a un ambiente soggetto a inondazioni e incendi boschivi, sono stati elogiati dai giudici del RIBA come capolavori di architettura che integrano elegantemente il sito con precedenti edifici storici.

Il nuovo Museo d’Arte Bundannon a Shoalhaven. Immagine: Kirsten Thompson Architects

“Il masterplan presenta un cambiamento di paradigma nel modo in cui pensiamo ai paesaggi, da paesaggi pittoreschi a paesaggi ecologici”, afferma la dichiarazione dei giudici.

Il progetto ha già vinto due importanti premi di architettura australiani, la Solomon Medaglia per l’Architettura Pubblica e il Sir Zelman Cowen Award per l’Architettura Pubblica, entrambi nel 2022.

READ  Quattro importanti democratici statunitensi si uniscono alle richieste per costringere Joe Biden ad abbandonare la sua candidatura per la rielezione mentre le divisioni nel partito si allargano.

L’architetto Kirsten Thompson ha affermato che la sfida consiste nel trasformare la concezione progettuale del cambiamento climatico da un problema a un’opportunità.

“Incendi e inondazioni non conoscono confini, quindi l’architettura qui corrisponde al flusso dei sistemi naturali e dell’ecologia della regione”, ha affermato Thompson in una nota.

“Impara dai modi in cui i proprietari tradizionali nel corso di migliaia di anni hanno gestito queste forze dinamiche. Sentire il clima e le sue fluttuazioni è fondamentale per l’esperienza del visitatore di “stare all’aria aperta”, di divertirsi e di connettersi con questo posto meraviglioso”.

Anche la Moschea del Punchbowl, completata nel 2019, aveva precedentemente vinto la Medaglia Salomone.

Salta la precedente promozione della newsletter

Progettato dall’architetto di Sydney Angelo Candalibas, il luogo di culto islamico all’aperto con più cupole nel sud-ovest di Sydney ha impiegato 17 anni per ottenere l’approvazione del Consiglio di Canterbury-Bankstown.

Il RIBA ha elogiato l’edificio come “uno spazio sacro profondamente commovente, magicamente evocato nell’ambiente quotidiano di un sobborgo residenziale di Sydney”. Nonostante l’uso completamente moderno dei materiali dell’edificio e la sua manipolazione formale e spaziale, “la Moschea Punchbowl sembra prendere con sicurezza il suo posto nella tradizione dell’architettura islamica”, hanno detto i giudici.

La moschea dall’interno. Foto: Rory Gardiner

Parlando con l’ABC Prima che il progetto fosse completato nel 2018, Kandalibas ha ammesso che, come membro della comunità greco-ortodossa, ha pregato Dio per un segno e ha consultato un sacerdote prima di accettare l’incarico.

Il sacerdote greco-ortodosso avrebbe detto a Kandalibas: “Siamo tutti figli di Dio, e devi realizzare ognuno di questi progetti e devono essere i progetti più importanti della tua vita”.

Kandalibas ha detto lunedì al The Guardian Australia che nel giro di poche settimane dopo aver ascoltato il consiglio del suo prete, gli è stato offerto l’incarico di costruire una chiesa protestante, un progetto copto ortodosso e una sinagoga.

“Ho avuto l’opportunità di lavorare in modo religioso, il che mi ha portato a credere che non c’è davvero alcuna differenza, quando si tratta di essenza, tra tutti noi esseri umani: siamo essenzialmente animali spirituali”, ha detto.

“Quindi non è più il problema che pensavi fosse in quel momento. Cresci e diventi adulto attraverso questi processi, dove diventi più consapevole dell’importanza che tutti noi viviamo bene e in pace gli uni con gli altri, e che tutti noi viviamo bene e in pace gli uni con gli altri. rendendosi conto che sono le somiglianze, non le differenze, che contano.