Marzo 23, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Ministro afferma che l’Italia sollecita il FMI ad aiutare la Tunisia ed evitare l’instabilità

  • L’Italia teme un aumento dell’afflusso di migranti dalla Tunisia
  • Roma afferma che il prestito del FMI è necessario per stabilizzare la Tunisia
  • Per ora lasciano la Tunisia principalmente africani sub-sahariani

ROMA, 19 marzo (Reuters) – L’Italia vuole che il Fondo monetario internazionale (Fmi) congeli un prestito di 1,9 miliardi di dollari alla Tunisia, affermando che senza i soldi il Paese si destabilizzerebbe e scatenerebbe una nuova ondata di migranti verso l’Europa. . Tajani ha detto.

I colloqui di salvataggio della Tunisia con il FMI sono in stallo da mesi, con gli Stati Uniti e altri che chiedono al presidente Qais Sai riforme di vasta portata per liberare denaro.

Gli sforzi per ottenere un salvataggio sono stati ostacolati dallo sconvolgimento politico della Tunisia dal luglio 2021, quando Syed ha preso la maggior parte del potere, chiudendo il parlamento e governando per decreto.

Syed non ha mai sostenuto pubblicamente l’accordo con il FMI, ei donatori temono che possa alla fine annullare le riforme dopo l’arrivo del denaro o biasimarli per il dolore economico che provoca.

Tuttavia, Tajani ha parlato con l’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva e li ha esortati a mostrare flessibilità per prevenire un possibile tracollo finanziario.

“Ho ribadito la necessità che il Fondo intervenga rapidamente per sostenere la stabilità e lo sviluppo tunisino con un sostegno economico e finanziario”, ha detto Tajani a Reuters.

Venerdì il ministro ha sollevato la questione con i suoi omologhi in Slovenia e Croazia in vista di un prossimo incontro dei ministri degli Esteri dell’UE, che hanno parlato della questione con il segretario di Stato americano Anthony Blinken.

READ  Europa/Italia: "Ritorno al COMIGI: Mission Restart from the Future", al via il 22 aprile il Convegno di Misio Giovanni

Anche il primo ministro Giorgia Meloni sta “lavorando sui telefoni”, ha detto un funzionario, avvertendo che l’Italia potrebbe affrontare una “invasione di migranti” nei prossimi mesi se la Tunisia non ottiene i soldi.

L’Italia ha accolto finora 20.046 migranti in barca nel 2023, mettendo il Paese sulla buona strada per superare il massimo storico di arrivi stabilito nel 2016, quando 181.436 sono sbarcati su imbarcazioni fragili.

Secondo dati non ufficiali delle Nazioni Unite, 12.000 di coloro che hanno raggiunto l’Italia quest’anno sono partiti dalla Tunisia, rispetto ai 1.300 nello stesso periodo del 2022, un’inversione rispetto allo schema precedente, quando la Libia era il principale trampolino di lancio per i migranti.

“L’immigrazione irregolare incontrollata può essere ridotta migliorando le condizioni di sicurezza e stabilità economica”, ha detto Tajani, aggiungendo che l’Italia spera di aumentare le opportunità di formazione per i tunisini come alternativa alla migrazione.

“Spingere fuori”

Tuttavia, un funzionario del governo a Roma ha detto che la situazione è complicata, ammettendo che la maggior parte di coloro che hanno lasciato la Tunisia quest’anno erano africani provenienti da paesi sub-sahariani che hanno deciso di andare in Europa a seguito di un giro di vite contro gli stranieri.

Il mese scorso, nei commenti ampiamente criticati dai gruppi per i diritti e dall’Unione africana, Syed ha affermato che l’immigrazione clandestina dell’Africa sub-sahariana è una cospirazione volta a cambiare la struttura demografica della Tunisia. Ha ordinato alle forze di sicurezza di espellere gli immigrati clandestini in Tunisia.

Costringe le persone a lasciare il paese, anche se non hanno intenzione di fare una pericolosa traversata verso l’Europa, ha detto un alto funzionario delle Nazioni Unite.

READ  Spagna, Portogallo, Italia e Grecia spingono per la riforma del mercato energetico - EURACTIV.com

Tra gli arrivi in ​​Italia quest’anno, la Costa d’Avorio (3.223) è il primo Paese, seguita dalla Guinea (2.906). Un funzionario delle Nazioni Unite ha detto che avevano per lo più lasciato la Tunisia. In confronto, quest’anno sono arrivati ​​finora in Italia 1.535 tunisini.

“La stabilità e la prosperità della Tunisia, rispetto ai diritti e alle libertà fondamentali, sono fondamentali per la stabilità dell’intera regione mediterranea”, ha affermato Tajani.

Maloney si è insediato a ottobre promettendo di ridurre i flussi di immigrazione clandestina, ma da allora i numeri sono aumentati.

La questione è diventata sempre più delicata dopo che almeno 86 migranti sono annegati in un naufragio al largo dell’Italia meridionale alla fine del mese scorso, suscitando accuse secondo cui non si stava facendo abbastanza per salvarli – un’accusa che il governo nega.

Segnalazione di Crispian Palmer

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.