Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il mercato italiano delle agevolazioni fiscali “verdi” inizia a sciogliersi da Reuters

Il mercato italiano delle agevolazioni fiscali “verdi” inizia a sciogliersi da Reuters

di Valentina Za

MILANO (Reuters) – I cacciatori di affari stanno tornando nel mercato italiano dei crediti d’imposta “verdi”, allettati da beni fortemente scontati e migliori tutele legali dalle conseguenze di potenziali frodi.

Il mese scorso il governo italiano ha abolito un generoso regime di credito d’imposta volto a rendere le case più efficienti dal punto di vista energetico, infliggendo un duro colpo al settore delle costruzioni e lasciando congelati miliardi di euro di crediti d’imposta.

Trovare un acquirente per questi crediti è fondamentale per il settore delle costruzioni, che è alle prese con circa 19 miliardi di euro (20 miliardi di dollari) di crediti per lavori già completati o impegnati, ma non rimborsati.

La Green Initiative, lanciata nel 2020, ha portato a un aumento delle ristrutturazioni domestiche e ha aiutato l’economia italiana a riprendersi dalla pandemia di coronavirus. Ma ha anche portato a un aumento dei prestiti del governo ed è stato corrotto dalla frode.

Secondo l’Agenzia delle Entrate, gli incentivi offerti ai proprietari di casa tra la fine del 2020 e l’inizio di questo mese hanno rivelato 110,8 miliardi di euro di agevolazioni fiscali, che hanno rivelato irregolarità su prestiti per circa 9 miliardi di euro.

Di quel denaro, 3,6 miliardi di euro sono stati sequestrati dai pubblici ministeri durante le indagini sulle accuse di frode, causando il congelamento del mercato.

“Dopo le sentenze del tribunale… gli investitori hanno sospeso diverse operazioni a cui stavamo lavorando”, ha dichiarato Michele Abril, socio dello studio legale milanese Gatti Pavesi Bianchi Ludovici.

Il divieto dell’Italia di vendere i nuovi crediti d’imposta ha posto fine al sistema che consentiva ai beneficiari di utilizzarli come forma di pagamento.

READ  Notizie in diretta: l'Ucraina chiede più armi invece di un cessate il fuoco temporaneo

Gli appaltatori che svolgono questo lavoro acquisterebbero i crediti, offrirebbero uno sconto sul conto e poi li venderebbero a società, principalmente banche, che dedurrebbero l’importo dalla loro fattura fiscale con lo stato.

Le banche italiane hanno raggiunto i massimali autoimposti e non scaricano più questi crediti, lasciando il governo a cercare altri acquirenti.

Migliore tutela legale

Nel tentativo di riavviare le transazioni di credito esistenti, quando il piano è stato interrotto, Roma ha rafforzato le tutele legali per gli acquirenti.

In base alle nuove regole, gli acquirenti non possono essere ritenuti responsabili se i crediti si rivelano fraudolenti, purché dimostrino di aver agito con diligenza nell’acquisto e di aver ottenuto tutti i documenti necessari.

“Questi cambiamenti – e la moratoria sui nuovi crediti – hanno riaperto il mercato sul serio”, ha affermato Michele Favela di Finanza.tech, una società fintech che conduce analisi di due diligence sulle agevolazioni fiscali.

“Siamo stati in grado di firmare due contratti rapidamente dopo che i nuovi termini sono stati approvati e ne abbiamo altri in cantiere”, ha affermato.

Finanza.tech, che effettua controlli antiriciclaggio o reputazionali per i venditori, ha concluso la scorsa settimana un accordo con due società italiane in cui acquisterà crediti d’imposta per 425 milioni di euro nel periodo 2023-2026.

Ricevi le notizie che desideri

Leggi le notizie sulle azioni di mercato con un feed su misura per le azioni che ti interessano.

Scarica l’app

Molti dei potenziali acquirenti, ha affermato Favela, sono aziende del settore petrolifero, che spesso gestiscono siti di stoccaggio costiero che possono utilizzare crediti per compensare costi di produzione che ammontano facilmente a 200-250 milioni di euro all’anno anche per aziende relativamente piccole.

READ  Il ministro delle finanze spagnolo è in lizza con Vestager per il posto di vertice alla Banca europea per gli investimenti - EURACTIV News

Mentre solo le aziende che pagano le tasse in Italia possono utilizzare i crediti per compensare le proprie imposte, Aprile ha affermato che il calo del prezzo a circa il 75% del valore nominale dei crediti li ha resi una risorsa interessante per gli investitori internazionali.

In questo caso, ha affermato, l’acquirente sarebbe un fondo che di solito acquista obbligazioni ad alto rendimento e può investire attraverso un’operazione di cartolarizzazione.

“L’attuale sconto del 20-25% al ​​quale questi asset sono scambiati… è destinato ad attirare l’attenzione dei fondi a causa del tipo di rendimento che possono generare. Siamo stati inondati di telefonate da parte degli investitori dopo i recenti cambiamenti legislativi, ” disse Aprile. Egli ha detto.

“Ma dobbiamo essere onesti con i nostri clienti. Diciamo loro: la legge è a vostro favore ed è più chiara di prima, ma non possiamo licenziare chi ha un punto di vista diverso e… la lentezza del sistema giudiziario italiano sistema.”

($ 1 = 0,9316 euro)