Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il lancio del nuovo Megarocket della NASA è stato ritardato almeno fino a marzo

La capsula Orion accatastata in cima al razzo SLS all'interno del Vehicle Assembly Building della NASA al Kennedy Space Center in Florida.

La capsula Orion accatastata in cima al razzo SLS all’interno del Vehicle Assembly Building della NASA al Kennedy Space Center in Florida.
Foto: Nasa/Frank Michaux

La NASA non eseguirà le prove in costume di SLS a febbraio come previsto. Quest’ultimo ritardo alla missione Artemis I significa che il razzo alto 322 piedi non ruggirà nei cieli della Florida almeno fino ad aprile.

Lo Space Launch System (SLS) della NASA, con la sua capsula dell’equipaggio Orion annidato in alto, dovrà rimanere all’interno del Vehicle Assembly Building del Kennedy Space Center in Florida per un po’ più a lungo, ma si spera non per troppo tempo.

In un dichiarazione rilasciato questa mattina, la NASA ha detto che spera di trasportare SLS al Launch Pad 39B a marzo, momento in cui i controllori di missione Artemis possono condurre una prova generale bagnata, in cui il propellente viene aggiunto ai serbatoi del razzo e quindi rimosso. Supponendo che vada bene, il razzo tornerà all’hangar per i test finali e poi verrà lanciato ancora una volta sulla rampa di lancio, questa volta per davvero.

L’abito bagnato, come lo chiamano le persone del settore, avrebbe dovuto accadere a fine gennaio e poi all’inizio di febbraio, ma le scadenze continuano a essere spostate in avanti. Il ritardo più recente ha a che fare con a glitch Controller di volo del motore RS-25, un problema che ora è stato risolto (anche se non ancora completamente compreso: un rapporto formale deve ancora essere rilasciato).

Un grafico che mostra sia gli elementi completati che quelli in sospeso nell'elenco delle cose da fare di Artemis I.

Un grafico che mostra sia gli elementi completati che quelli in sospeso nell’elenco delle cose da fare di Artemis I.
Grafico: Nasa

Parlando con i giornalisti all’inizio di oggi, Tom Whitmeyer, vice amministratore per lo sviluppo dei sistemi di esplorazione presso la NASA, ha affermato che Artemis sta “chiudendo le cose e si sta preparando per il lancio”, ma ci sono ancora “molti piccoli compiti che dobbiamo completare,” come il lancio di SLS si sta rivelando “logisticamente impegnativo”, ha affermato. Il team ha bisogno di più tempo per completare queste attività di chiusura, poiché gli ingegneri “sono integrati e test finali” insieme all’attrezzatura a terra prima dell’abito bagnato, secondo il comunicato stampa della NASA. Un lancio a metà marzo sembra plausibile, ha detto Whitmeyer, ma si è astenuto dall’impegnarsi in una data effettiva.

Mike Bolger, responsabile del programma per i sistemi di esplorazione terrestre presso il Kennedy Space Center, ha affermato che è fondamentale che la NASA esegua il primo lancio in modo corretto, poiché SLS consentirà i prossimi 30 anni di esplorazione spaziale, come ha spiegato durante il briefing di oggi. Una volta in alto, SLS diventerà il razzo più potente del mondo e un componente chiave delle imminenti missioni Artemis sulla Luna e su Marte. Bolger ha affermato che sono stati compiuti importanti progressi, come il test del conto alla rovescia, e che i team stanno attualmente testando i sistemi di terminazione del volo.

“Non è una cosa specifica”, ha aggiunto Whitmeyer, ribadendo che è “solo un sacco di cose diverse che dobbiamo chiudere”, poiché è un grande razzo caricato con tutti i tipi di sistemi diversi. Whitmeyer ha paragonato questo processo finale a un elenco di punti di ristrutturazione, dicendo che non c’è più niente di importante da fare, poiché ora si tratta di rimuovere i piccoli graffi, per così dire.

Il prossimo traguardo importante sarà l’abito bagnato, si spera a metà marzo. Whitmeyer ha detto che lo scopo del vestito bagnato è vedere come si comporta il sistema e poi andare da lì. Mike Sarafin, mission manager di Artemis 1, ha affermato che il suo team è “sulla buona strada” e sarà “pronto a partire quando l’hardware sarà pronto”.

Sarafin ha fornito due possibili finestre di lancio per Artemis 1: dall’8 al 23 aprile e dal 7 al 21 maggio, ma ha avvertito che queste sono soggette a modifiche. Con il lancio inaugurale di SLS, i pianificatori di missione devono fare i conti con la “prima volta incertezze” e anche note incertezze, come il tempo inclemente, che rendono difficili le previsioni, ha affermato durante il briefing.

Il lancio inaugurale di SLS è noto come la missione Artemis 1, in cui un Orion senza equipaggio percorrerà 280.000 miglia (450.000 km) fino alla Luna e ritorno senza atterrare sulla superficie lunare. Questo preparerà le basi per Artemis 2, una ripetizione della prima missione ma con un vero equipaggio a bordo. Il grande spettacolo sarà Artemis 3, in cui due astronauti della NASA, una donna e una persona di colore, tenteranno di atterrare sulla Luna. Artemis 2 è attualmente programmato per maggio 2024, mentre Artemis 3 non arriverà prima del 2025. Durante il briefing di oggi, i funzionari della NASA hanno tenuto a bocca aperta l’ultimo ritardo e se avrebbe avuto attinenza con queste tempistiche preesistenti.

Il briefing di oggi ha offerto molto poco in termini di specifiche e il messaggio generale era che gli ingegneri stanno lavorando sodo su quello che è un compito molto difficile. Come sempre, dobbiamo accettare queste nuove date con le pinze. La NASA, è giusto dire, è straordinariamente incapace quando si tratta di creare linee temporali praticabili.

Di più: Gli astronomi confermano un secondo asteroide troiano che vaga nell’orbita terrestre.

READ  Lo studio rileva che le persone non vaccinate hanno in media maggiori probabilità di contrarre il COVID ogni 16 mesi