Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il grande petrolio mette sotto pressione i profitti dell’energia verde

Siemens Gamesa ha perso 314 milioni di euro (501 milioni di dollari) nei tre mesi fino a giugno. Il costruttore spagnolo ha sbagliato quest’anno a causa dell’alto prezzo dell’acciaio, che rappresenta la maggior parte del peso delle turbine.

Scarica

Anche Equinor, una compagnia petrolifera e del gas che è diventata uno dei principali sviluppatori di parchi eolici, ha dovuto domare le aspettative degli investitori, prevedendo rendimenti dai suoi progetti rinnovabili dal 4% all’8%, in calo dal 6% al 10% previsto lo scorso anno.

moduli solari

“Se guardi alle rinnovabili – solo rinnovabili, niente a che fare con esse – arrivi a un punto in cui i ricavi si stabilizzeranno e forse diminuiranno un po’ nei prossimi anni a causa dell’aumento della concorrenza”, ha affermato Francesco Staras, amministratore delegato di Enel in Italia. “La nostra opinione è che la strategia degli strumenti integrati sia una posizione più sicura”.

I prezzi dei moduli solari sono aumentati di oltre il 16% nel 2021, mentre il costo di prodotti di base come acciaio e rame è aumentato quest’anno. Questo ha costretto i produttori di turbine eoliche ad aumentare i prezzi per i loro clienti. Il costo del trasporto merci, che è salito alle stelle mentre il mondo emerge dalla pandemia globale, si è aggiunto anche alla lunga lista di sfide che le aziende di energia rinnovabile devono affrontare.

I produttori di energia verde tendono a concludere accordi per vendere l’elettricità che producono prima dell’inizio della costruzione. Sebbene questa strategia li aiuti a ottenere finanziamenti, può anche renderli vulnerabili alle fluttuazioni del costo dei materiali.

“Il nostro settore è a rischio. Sfortunatamente, vieni scoperto perché i costi di costruzione sono troppo alti e non puoi tornare dal tuo cliente e aumentare il prezzo.

Michael Letelier, CEO, Innergex Renewable Energy

“Il nostro settore è a rischio”, ha affermato Michel Letelier, CEO di Innergex Renewable Energy, che realizza progetti di energia rinnovabile in Canada e negli Stati Uniti. “Purtroppo vieni scoperto perché i costi di costruzione sono troppo alti e non puoi tornare dal tuo cliente e aumentare il prezzo”.

READ  Spike di Jeremy Farrar con Anjana Ahuja - Ignore the Flag

A dire il vero, non ci sono ancora prove che la riduzione dei profitti riduca gli investimenti. Secondo BloombergNEF, nella prima metà dell’anno sono stati spesi 174 miliardi di dollari per il solare, l’eolico offshore e altre tecnologie e attività verdi. Si tratta dell’1,8% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Scarica

Tuttavia, c’è ancora la preoccupazione che alcuni progetti possano essere cancellati o ritardati, rendendo difficile il raggiungimento degli obiettivi climatici. Limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali richiederà che l’energia eolica e solare cresca a un ritmo cinque volte superiore tra il 2020 e il 2050 rispetto alla media degli ultimi tre anni, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia.

“C’è stato un riavvio del settore”, ha affermato Xavier Barbaro, CEO della società francese di energie rinnovabili Neoen. “A volte può distruggere parte del valore di alcuni dei nostri progetti, ma questo non ci ha portato a rinunciare a nessun progetto.

“Penso che alcune persone con pochissimo buffer ora stiano rinunciando ad alcuni progetti o li stiano rimandando il più possibile”.

Bloomberg