Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il fossile rivela un uccello con lunghe penne della coda lucenti che visse 120 milioni di anni fa

Il fossile è stato scoperto a Jehol Biota – un ecosistema che risale a 133-120 milioni di anni – nella Cina nord-orientale, e i sedimenti lì sono stati un tesoro di scoperte fossili, inclusi esempi di un antico viaggio. I ricercatori hanno chiamato questa specie Yuanchuavis dopo lo Yuanchu, un leggendario uccello cinese.

È probabile che l’uccello sia di dimensioni simili alla moderna ghiandaia blu. Tuttavia, la sua coda era più lunga del 150% rispetto alla lunghezza del corpo. Lo studio è stato pubblicato giovedì sulla rivista biologia attuale.

“Non abbiamo mai visto una tale miscela di diversi tipi di penne della coda in un uccello fossile”, ha detto in una dichiarazione Jingmaye O’Connor, autore dello studio e paleontologo al Field Museum di Chicago. O’Connor è curatore associato di Fossil Reptiles presso il Negaunee Integrative Research Center del Field Museum.

“Aveva un ventaglio di piume corte alla base e poi due pennacchi molto lunghi”, ha detto O’Connor. “Le lunghe penne erano dominate dalla spina centrale, chiamata rachide, e alla fine si gonfiavano. Il gruppo di ventagli dalla coda corta con due lunghe penne chiamate codone, lo vediamo in alcuni uccelli moderni come gli uccelli del sole e i quetzal”.

O’Connor ha detto che gli Ioanchowavis probabilmente volavano in modo simile al quetzal, un uccello della giungla che non ha capacità di volo eccezionali. Le grandi penne della coda erano abbastanza grandi da creare una resistenza significativa, nonostante fossero leggere.

Questa è un'illustrazione di come l'antico uccello prese vita.

Le code corte sono associate agli uccelli che vivono in ambienti difficili, dove dipendono dalla loro capacità di volare come abilità di sopravvivenza, come gli uccelli marini. Code più elaborate si trovano spesso sugli uccelli che vivono nelle foreste.

READ  L'avvolgente telescopio Hubble sta tornando in vita sul suo sistema di backup: NPR

“Questa nuova scoperta dimostra chiaramente come l’interazione tra le selezioni naturali e sessuali abbia modellato la coda degli uccelli fin dalla loro prima storia”, ha affermato Wang Min, autore dello studio e ricercatore presso l’Accademia cinese delle scienze, in una dichiarazione. “Yuanchuavis è il primo evento documentato di uccelli codone negli Enantiornithes, il gruppo di uccelli mesozoici di maggior successo”.

Gli scienziati hanno identificato due diverse strutture della coda da altre enantiornitine che sono state incorporate in Yuanchuavis.

I moderni uccelli del sole hanno anche penne della coda lunga.

“Il ventilatore di coda funziona in modo aerodinamico, mentre i doppi alberi centrali allungati sono usati per la larghezza, che insieme riflettono l’interazione tra selezione naturale e selezione sessuale”, ha detto Wang.

Non solo gli animali si adattano per sopravvivere, ma la loro stessa specie li aiuta a sopravvivere. In questo caso, Yuanchuavis ha sviluppato penne della coda che hanno ostacolato le loro capacità di volare e le hanno rese più visibili ai predatori. O’Connor ha affermato che la scoperta evidenzia quanto sia importante la selezione sessuale durante l’evoluzione.

Dopo l'estinzione dei dinosauri, alcuni uccelli si sono ridotti nelle dimensioni del corpo e hanno mantenuto grandi cervelli

“Gli scienziati chiamano un tratto come una grande coda immaginaria un” segnale onesto “, perché è dannoso, quindi se un animale che lo trasporta è in grado di sopravvivere con quell’handicap, questo è un segno che è davvero appropriato”, ha detto O’Connor. “L’uccello femmina stava guardando un maschio con le penne della coda sbrindellate e pensava: ‘Dang, se può sopravvivere anche con una coda così ridicola, deve avere dei geni davvero buoni. “

Gli uccelli con piumaggio elaborato tendono ad essere maschi. Si concentrano così tanto sul mantenimento delle piume che non forniscono una buona cura per i ragazzi. Le piume lucenti attirano anche i predatori nei nidi. Ma più le femmine insistono sui loro pulcini e si prendono cura di loro.

incontrare & # 39;  Pollo delle Meraviglie, & # 39;  Il più antico uccello moderno che ha vissuto tra i dinosauri ed è scampato all'estinzione

Nonostante il fatto che le enantiornitine inizialmente prosperassero, non sopravvissero all’evento di estinzione che spazzò via i dinosauri 66 milioni di anni fa. Molto probabilmente a causa del fatto che vivevano nelle foreste, bruciate dopo l’impatto dell’asteroide, o perché non si adattavano alla rapida crescita.

READ  Il team rover persistente della NASA dissotterra il primo campione di rocce marziane

“Capire perché gli uccelli viventi sono il gruppo di vertebrati di maggior successo sulla Terra oggi è una questione evolutiva di fondamentale importanza, perché qualunque cosa abbia permesso loro di avere così tanto successo ha anche permesso loro di sopravvivere all’ombra di un gigantesco meteorite che colpisce il pianeta quando tutti loro si scontrano Altri uccelli sul pianeta “I dinosauri si sono estinti”, ha detto O’Connor.

I fossili non sempre rivelano i modi in cui la selezione sessuale modella una specie.

“Le penne della coda ben conservate di questo nuovo uccello fossile forniscono nuove affascinanti informazioni su come la selezione sessuale ha modellato la coda dell’uccello fin dalle sue prime fasi”, ha detto Wang.

“La complessità che vediamo nel piumaggio di Yuanchuavis è correlata a uno dei motivi per cui supponiamo che gli uccelli viventi siano incredibilmente diversi, perché possono separarsi in specie diverse solo per differenze nel piumaggio e differenze nel canto”, ha detto O’Connor. “È sorprendente che Yuanchuavis ci permetta di ipotizzare che questo tipo di complessità delle piume possa essere già esistito nel primo Cretaceo”.