Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il disturbo da lutto prolungato è ora una malattia mentale ufficialmente riconosciuta

L'immagine dell'articolo intitolato Il Disturbo della Tristezza Protratta è ora una malattia mentale ufficialmente riconosciuta

Foto: Eliano Imperato / Agence France-Presse (Getty Images)

L’ultimo aggiornamento del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, il codebook utilizzato dai professionisti della salute mentale, include una nuova condizione ufficialmente riconosciuta: il disturbo della tristezza prolungata. Si ritiene che le persone che sperimentano un lutto prolungato abbiano sentimenti intensi e pensieri preoccupati che le infastidiscono o interferiscono con il loro funzionamento quotidiano al di là del normale processo di lutto.

Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali è stato creato dall’American Psychiatric Association ed è spesso chiamato la Bibbia psichiatrica. Non è solo una guida per i medici, perché i fornitori di assicurazioni in genere si affidano al DSM per accettare di coprire i trattamenti per questi vari disturbi. Quindi anche la convalida dei dati nel DSM ha un peso finanziario importante.

Secondo l’APA, le persone che provano una tristezza prolungata possono competenza “Estremo desiderio per il defunto o preoccupazione per i pensieri del defunto, o nei bambini e negli adolescenti, le circostanze della morte”. Queste reazioni al dolore li colpiranno maggiormente per la maggior parte della giornata, quasi tutti i giorni, per almeno un mese. I criteri del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali nei bambini indicano che la condizione può essere diagnosticata sei mesi dopo una perdita, mentre negli adulti può essere diagnosticata dopo un anno. L’APA afferma inoltre ai medici che i sintomi delle persone non dovrebbero essere meglio spiegati da altre condizioni.

Almeno dal 2010, alcuni psichiatri hanno tentato di aggiungere il disturbo della tristezza prolungata al Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, che passa regolarmente attraverso nuove edizioni e revisioni minori. I sostenitori hanno affermato che lo sono anche le persone con un dolore prolungato può essere chiaramente identificato Di coloro che sperimentano il tipico lutto, nonché le condizioni potenzialmente correlate alla perdita, come il disturbo da stress post-traumatico e la depressione. Ma una buona parte dei critici si è opposta alla sua aggiunta, incluso ex membri Dalla task force del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, che ha affermato che una diagnosi sovverterebbe il comportamento normale. Si tratta di una critica mossa ad altri termini aggiunti di recente al Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, come dipendenza da gioco.

Le modifiche al Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali sono state approvate attraverso un processo collaborativo, tuttavia, entro l’autunno del 2021, il disturbo della tristezza prolungata è stato autorizzato a essere incluso. Questa settimana, l’American Psychiatric Association ufficialmente rilasciato Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione, revisione del testo (DSM-5-TR), con disturbo della tristezza prolungata come nuova e unica condizione a cui può essere aggiunto.

“L’inclusione del disturbo da lutto prolungato nel DSM-5-TR significherà che i medici, i pazienti e le famiglie della salute mentale condividono allo stesso modo la comprensione di come appare il lutto normale e cosa potrebbe indicare un problema a lungo termine”, ha affermato Saul Levin, capo dirigente e medico. Direttore dell’APA, nel settembre 2021 quando il caso era inizialmente in corso annunciare essere incluso. “In questo momento, la condivisione delle informazioni e la sensibilizzazione sul disturbo da lutto prolungato è essenziale”.

READ  Il "Moon Cube" scoperto dal rover cinese si trasforma in una roccia