Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il colosso italiano dell’energia costruisce il primo parco eolico in Australia per fornire la fonderia di nichel BHP

Enel Green Power, filiale del colosso italiano nel settore delle energie rinnovabili, realizzerà il primo parco eolico australiano nella parte occidentale del Paese dopo aver firmato un accordo di fornitura di 12 anni con BHP.

La costruzione del parco eolico a pannello piatto Rox da 76 megawatt significherà che BHP disporrà di una fonte di energia rinnovabile al 100% per le sue operazioni di nichel nell’Australia occidentale, che mira a fornire produttori di auto elettriche come Tesla che richiedono catene di approvvigionamento a emissioni zero.

BHP afferma che la combinazione del parco eolico di Flat Rocks, vicino a Kojonup, contratti precedentemente annunciati con il parco solare di Meredin, e il progetto solare pianificato di Northern Goldfields, garantirà che la fonderia, la raffineria di nichel e le operazioni di lavorazione di WA dispongano di una fornitura di energia completamente rinnovabile.

“BHP fornisce nichel di alta qualità ai mercati globali per l’uso nelle batterie dei veicoli elettrici e altre tecnologie in crescita che sosterranno la decarbonizzazione globale”, ha affermato Jessica Farrell, presidente di BHP Nickel West.

“Stiamo facendo grandi passi avanti per rendere le nostre operazioni più sostenibili e rafforzare la posizione di BHP come fornitore preferito di nichel per i clienti globali”.

È anche una giornata storica per i proprietari terrieri locali che hanno formato un gruppo chiamato Moonies Hill Energy che ha iniziato a progettare nel 2007 e ha introdotto Enel Green Power nel 2016, dando a Enel un’opzione per l’acquisto della prima fase, che ora ha esercitato.

Moonies Hill sta ora lavorando alla pianificazione, autorizzazione e sviluppo della proposta seconda fase da 100 MW del parco eolico di Flat Rock.

“Ci sono voluti 15 anni per arrivare a questo punto, quindi siamo molto entusiasti di essere a solo un mese dall’inizio della costruzione”, ha dichiarato Sarah Rankin, amministratore delegato di Moonies Hill.

“Abbiamo un’eccellente risorsa eolica a Flat Rocks e sarei molto sorpreso se il parco eolico di Flat Rocks non fosse tra i primi cinque del paese per capacità”.

Le prospettive per la seconda fase sembrano buone perché i parchi eolici forniscono una forte coincidenza con il picco della domanda, ha affermato Rankin, fornendo un quadro complementare per l’espansione della generazione solare nel mercato energetico di Washington.

“L’elevata diffusione dell’energia solare sui tetti e il miglioramento dell’economia delle batterie nella rete dell’Australia occidentale richiederanno ulteriore elettricità generata dal vento per bilanciare la produzione solare durante il giorno”, ha affermato.

A quanto pare, l’area locale ha anche una grande popolazione italiana, nota per i suoi forti venti che contribuiranno a fornire un fattore di capacità di circa il 50 percento, o una produzione annua prevista di 315 gigawattora, e potrebbe dover affrontare meno vincoli nel Sud. Parte della rete principale dello stato, nota come SWIS.

Il principale investimento di Enel Green Power in Australia è stato il parco solare Bungala da 220 MW, il più grande del South Australia. Ha anche costruito il più piccolo parco solare Kohuna a Victoria. In tutto il mondo vanta un portafoglio di 54 GW di energia eolica, solare, geotermica e idroelettrica.

Il parco eolico di Flat Rock sarà caratterizzato dalla turbina più alta dello stato, con 18 macchine Vestas V150-4.2MW con un’altezza di punta di 200 metri. La costruzione del progetto inizierà quest’anno e sarà completata nel 2024.

L’accordo includerà un contratto di assistenza e manutenzione a lungo termine, che migliorerà la produzione di energia fornendo al contempo a Enel Green Power una comprovata condizione aziendale a lungo termine.

“Flat Rocks Wind Farm si baserà sulla nostra base australiana di circa 4 gigawatt esistente”, ha affermato Danny Nielsen, recentemente nominato Senior Vice President e Country Head di Vestas Australia e Nuova Zelanda.

READ  Alexei Mordashov: l'uomo più ricco della Russia è ora bersaglio delle sanzioni Ue | super ricco