Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il calo di appeal globale della Serie A prende un altro duro colpo nel decreto scure

Il calo di appeal globale della Serie A prende un altro duro colpo nel decreto scure

Non va mai detto che l’Italia non sappia sovvertire il suo sport nazionale. Da molti anni diversi governi e partiti politici italiani pongono ostacoli alla costruzione di nuovi stadi in tutto il Paese, al punto che è quasi una tragicommedia vedere quali scuse inventano i politici per evitare di costruire stadi. . Nuove arene e aggiornamento del gioco italiano.

Mentre i club potrebbero essere accusati di mancanza di lungimiranza nel corso degli anni, ovvero di aver sprecato i soldi della TV per giocatori e allenatori piuttosto che per le infrastrutture e una visione unitaria su come commercializzare la Serie A e i suoi prodotti, lo Stato italiano ora sta seguendo la stessa strada. sentiero.

Questo perché il governo si rifiuta di estendere il decreto crescita, cosa che ha aiutato il calcio italiano in difficoltà nei suoi tentativi di competere finanziariamente con la Premier League, la Liga e la Bundesliga tedesca. Il decreto avrebbe dovuto attrarre talenti in Italia – star dello sport e professionisti qualificati – al fine di rimediare alla fuga di cervelli dal Paese negli ultimi decenni. La legge si applica sia ai cittadini che tornano in patria che ai nuovi stranieri, consentendo alle squadre di Serie A di ingaggiare giocatori come Cristiano Ronaldo, Romelu Lukaku, Christian Eriksen e innumerevoli altri. Inoltre, giocatori del calibro di Antonio Conte hanno potuto tornare ad allenare l'Inter dopo anni all'estero, sfruttando appieno il decreto.

Tuttavia, la legge scadrà il 1° gennaio e molti all’interno del calcio italiano hanno espresso il proprio rammarico allo Stato italiano per non averla prorogata. “È una mossa molto stupida”, ha detto il presidente della Lazio Lotito Raccontare Notizie.com.

“Vorrei vedere adesso chi vuole venire qui dall'estero. Perderà anche il Paese, perché avrà meno entrate. La Lazio non ha particolari problemi con i contratti, ma Milan, Juventus e Roma rischiano di rovinarsi questo tipo di situazione.

Secondo il sito Calcio e finanzaUtilizzando il decreto, la Roma ha risparmiato circa 23 milioni di dollari (21 milioni di euro) di stipendi in questa stagione. Il Milan ha risparmiato circa 22 milioni di dollari (20 milioni di euro) e parte della sua capacità di legare la stella Rafael Leao con un contratto a lungo termine è dovuta all'utilizzo del decreto. La Juventus ha risparmiato circa 18 milioni di dollari (17 milioni di euro), mentre il Napoli ha risparmiato 15 milioni di dollari (14 milioni di euro).

Il decreto sarebbe stato prorogato di un mese fino al 1° febbraiostradagarantendo così ai partiti italiani la possibilità di utilizzare la legge nella finestra di mercato di gennaio, ma non è più così, e c'è motivo di grande preoccupazione per il futuro della Lega italiana.

Con i soldi della televisione in diminuzione e senza la costruzione di stadi moderni, il decreto era l’unica leva che i club italiani avevano in un mercato di trasferimento in cui avevano da tempo cessato di essere attori importanti. Ogni decennio che passa vede il potere di mercato della Serie A diminuire ulteriormente, e qualsiasi qualità da star che potrebbero portare al campionato negli ultimi anni è dovuta al decreto.

Le pressioni dell'Associazione Italiana Calciatori sono arrivate in qualche modo al governo che ha annullato il decreto, sostenendo che puniva i giovani giocatori italiani dal unirsi alle prime squadre del campionato italiano. Il decreto è stato introdotto solo all'inizio del 2020, ma da anni le squadre italiane privilegiano i talenti stranieri, quindi la tesi dell'associazione calciatori non regge alla verifica.

Ciò che il governo non ha visto, o forse ha scelto di ignorare, è il fatto che le persone spesso guardano i campionati di calcio per i loro giocatori di punta. Se la Serie A non sarà in grado di competere per ingaggiarli in futuro, lo status già ridotto del club della lega verrà compromesso. verrà ulteriormente danneggiata e quindi porterà meno soldi della televisione tradizionale.

Inoltre, qui vale ancora il vecchio adagio “Se sei abbastanza bravo, avrai successo”. Se i giovani talenti italiani saranno abbastanza bravi, arriveranno ai vertici della Serie A, che ci siano o meno talenti stranieri. Ma cancellare il decreto crescita ostacola il processo di risanamento del calcio italiano, e riduce le dimensioni di un prodotto già danneggiato.

Seguimi Twitter.

READ  italia golf italiano aperto | sport nazionale